start-up

Da Israele una start-up insegna l’empatia per il benessere del paziente e del personale sanitario

Tecnologia

di Marina Gersony
Arriva da Israele una nuova start-up con l’obiettivo di ridurre il disagio, la paura e l’insoddisfazione dei pazienti, spesso spaventati o impreparati ad affrontare situazioni di salute critiche. Si chiama OtheReality e sta ridefinendo il panorama medico internazionale. Questa innovazione offre agli operatori sanitari l’opportunità di rivisitare scenari complessi e far emergere la loro capacità empatica, fondamentale nei rapporti con i pazienti.

In un mondo dove diagnosi brusche e visite sbrigative possono rivelarsi traumatiche, questa start-up rappresenta una rivoluzione verso una medicina più umana e attenta alle esigenze individuali. La carenza di empatia rappresenta infatti un ostacolo significativo a livello globale, alimentando sfide cruciali nel settore sanitario come il burnout degli operatori e il benessere dei pazienti.

Soltanto negli Stati Uniti la mancanza di empatia costa al sistema sanitario circa 100 miliardi di dollari all’anno. Sebbene sia chiaro che migliorare questa capacità è fondamentale per un’assistenza sanitaria di qualità, le soluzioni attuali non sono riuscite finora a personalizzare gli interventi e a diffonderli su larga scala.

Oggi questa nuova tecnologia permette ai medici di immergersi in simulazioni realistiche di interazioni difficili, consentendo loro di sperimentare nuovi approcci e di comprendere i punti di vista dei pazienti. Per i pazienti, l’ospedalizzazione o una diagnosi sono eventi unici e irripetibili, che non dovrebbero essere segnati da distrazioni o comportamenti inappropriati.

Un esempio significativo: molte donne incinte apprendono di aver abortito durante un turno al pronto soccorso di ostetricia e ginecologia di un ospedale israeliano, con conseguenze devastanti per le loro emozioni.

La nuova start-up è stata lanciata attraverso una partnership tra l’Università Bar-Ilan e l’ARC Innovation Center dello Sheba Medical Center, ed è attualmente in fase di sperimentazione presso Sheba e altri ospedali israeliani. Con il suo approccio innovativo, promette di trasformare la Medicina moderna, rendendola più empatica e personalizzata, offrendo una risposta concreta alle esigenze dei pazienti.

Sebbene i medici in Israele siano considerati ottimi tecnici, molti pazienti ritengono che non riescano a mettersi nei panni degli altri. Negli ultimi anni, medici, infermieri e altri professionisti sanitari hanno riconosciuto questo problema. La capacità di immedesimarsi, la sensibilità e le parole rassicuranti sono state trascurate a causa dei carichi di lavoro. Ora hanno capito che una buona comunicazione e un approccio obiettivo al problema di salute non devono illudere o spaventare, bensì fornire strumenti per affrontarlo al meglio, ascoltando le paure e le angosce dei pazienti.

Questa tecnologia israeliana, non solo migliora la comunicazione medico-paziente, ma ha anche il potenziale di ridurre il burnout tra gli operatori sanitari, favorendo un ambiente di lavoro più empatico e gratificante. In definitiva, OtheReality non è solo uno strumento tecnologico, ma una filosofia di cura che pone al centro la dignità del paziente.

«Per i medici, comunicare notizie difficili è un aspetto quotidiano del loro lavoro, spesso affrontato con un approccio pragmatico», spiega Yotvat Palter-Diciano, co-fondatore e direttore operativo di OtheReality, in un articolo di The Times of Israel. «Il medico può essere più concentrato sulla pulizia del letto o sugli aspetti pratici della cura, mentre per il paziente l’esperienza può risultare traumatica e dolorosa».

«La mancanza di empatia è un problema globale, non solo in Israele, e riguarda non solo il campo sanitario, ma anche l’istruzione, il contesto aziendale e molto altro ancora. C’è molta ricerca in questi ambiti», afferma a sua volta Motti Neiger, fondatore e direttore creativo di OtheReality e professore di comunicazione alla Bar-Ilan University.

 

Empatia per ottimizzare l’esperienza del paziente e il benessere dei dipendenti

L’obiettivo di OtheReality è trasformare questa dinamica, incoraggiando i medici a considerare il paziente come una persona con un problema, e non come un problema da risolvere. Attraverso l’uso della realtà virtuale e di scenari interattivi, i medici possono sviluppare una maggiore sensibilità e comprensione delle emozioni dei pazienti, migliorando così le loro prestazioni mediche.

Le conseguenze di una scarsa empatia si manifestano in diversi aspetti:

  • Scarsa soddisfazione del paziente e danneggiamento della reputazione: I pazienti che non si sentono ascoltati e supportati con empatia tendono ad esprimere minore soddisfazione e possono danneggiare la reputazione della struttura sanitaria.
  • Elevato attrito e burnout del personale: L’ambiente di lavoro privo di empatia può causare stress, frustrazione e demotivazione negli operatori, portando a un aumento dell’attrito e del burnout.
  • Aumento di denunce e cause per negligenza: La mancanza di empatia può contribuire a una comunicazione inefficace e a incomprensioni tra pazienti e operatori, aumentando il rischio di denunce e cause per negligenza.
  • Scarsa aderenza al trattamento post-ospedalizzazione: I pazienti che non si sentono coinvolti e supportati con empatia durante il ricovero ospedaliero sono meno propensi ad aderire correttamente al trattamento post-ospedalizzazione, compromettendo i risultati e aumentando i costi. Investire in soluzioni efficaci per rafforzare l’empatia nel settore sanitario è fondamentale per migliorare la qualità dell’assistenza, ridurre i costi e creare un ambiente di lavoro positivo per operatori e pazienti. 

Come funziona la start-up?

Utilizzando la tecnologia VR e visori accessibili, OtheReality permette ai medici in formazione di sperimentare cosa significa essere un paziente, mentre ai professionisti esperti offre l’opportunità di diventare più empatici. Il training con l’app include domande che esplorano gli aspetti emotivi, cognitivi e motivazionali dei pazienti Ad esempio, viene chiesto loro come si sono sentiti durante l’esperienza, cosa hanno trovato inquietante e cosa avrebbero fatto diversamente nella realtà.

Il funzionamento è semplice: basta indossare un visore VR collegato a un audio, scaricare l’app OtheReality sul telefono, selezionare la situazione vista dal punto di vista del paziente e inserire il telefono nel supporto del visore VR, permettendo una visione quasi a 360 gradi.

Quando una giornalista ha provato OtheReality, si è “trasformata” di fatto in una donna incinta distesa su un lettino d’ospedale. Ha visto il suo corpo con le gambe appoggiate sul supporto, un marito preoccupato alla sua sinistra, e un medico specializzando insieme a un medico anziano che si muovevano per la stanza, discutendo tra loro e ignorando in gran parte il paziente.

La scena simulata, inclusa quella di un aborto spontaneo, è stata quindi interpretata da attori appositamente formati e scritta sulla base dei contributi dei medici e delle esperienze dei pazienti.

«Decine di donne mi hanno scritto delle loro esperienze in pronto soccorso ostetrico-ginecologico. Ricordavano ogni dettaglio: la luce, la temperatura, il suono del condizionatore d’aria, la battuta inopportuna di qualcuno e la posizione del medico quando ha dato la brutta notizia», ha spiegato Neiger.

In breve, questa nuova tecnologia aiuta il personale sanitario a immedesimarsi nel punto di vista del paziente. A partire dai rumori fastidiosi, dall’infermiera di turno che parla al telefono ad alta voce o dal personale rumoroso che ride e scherza.

Il sito di OtheReality riporta diverse testimonianze positive di medici che aderiscono a questo progetto: «L’esperienza VR è stata straordinaria. Permette al personale medico di cogliere la situazione dal punto di vista del paziente in modo molto efficace. Penso che questo strumento dovrebbe essere un requisito per gli studenti di Medicina. È uno strumento molto importante e non ho dubbi che verrà ampiamente utilizzato», ha dichiarato il Dottor Anat Engel, Direttore esecutivo del Wolfson Medicale Center.

«Non riesco nemmeno a contare il numero di volte in cui ho dovuto affrontare situazioni simili. OtheReality mi ha aiutato a comprendere il punto di vista del paziente e ha cambiato il modo in cui interagisco con i pazienti», ha affermato a sua volta il Dottore Avid Cohen, Vicedirettore senior del Dipartimento femminile del Centro Medico Ichilov.

Il team di OtheReality continua a perfezionare il prodotto con il MSR Medical Simulation Center di ARC e spera di portarlo negli Stati Uniti entro la fine dell’anno.

 

 

Le startup israeliane resistono nonostante un quinto dei dipendenti sia stato richiamato tra i riservisti

Israele

di Francesco Paolo La Bionda
Secondo Avi Hasson, CEO di Start-Up Nation Central, molte di queste startup “stanno modificando le loro strategie aziendali, esplorando soluzioni di finanziamento alternative come il crowdfunding o le partnership strategiche, e alcune stanno riconvertendo le loro tecnologie per affrontare le sfide immediate legate alla sicurezza, alla comunicazione e alla salute derivanti dalla situazione”.

Un rivoluzionario prodotto anti annegamento: l’invenzione salvavita di una startup israeliana

Tecnologia

di Sofia Tranchina
Creato un bracciale che, con un meccanismo di emergenza attivato da un pulsante, si trasforma in una boa di salvataggio gialla fosforescente, aiutando il proprietario a tornare a galla e a rimanerci. Questo grazie a una reazione che trasforma – e lo fa in soli 20 secondi – 30 grammi di polvere chimica in 8 litri di schiuma di idrogeno in grado di far galleggiare un adulto.

È online il bando per partecipare a “Accelerate in Israel”, il programma per le start-up italiane in Israele

Personaggi e Storie

di Francesco Paolo La Bionda
L’ambasciata italiana in Israele ha lanciato online,il bando per partecipare ad “Accelerate in Israel”, quarta edizione del programma promosso dalla rappresentanza diplomatica per facilitare alle start-up italiane un periodo di accelerazione in Israele. Le domande di partecipazione dovranno essere presentate entro il 30 giugno 2023. Previsto un contributo di 14.000 euro per ogni start-up.

Accordo tra Start-Up Nation Central e Microsoft per promuovere le startup israeliane dell’agroalimentare

Mondo

di Francesco Paolo La Bionda
L’accordo si concentra sullo sviluppo di un’interconnessione tra le tecnologie IA, dati, cloud e machine learning utilizzate in agricoltura con gli strumenti IA del colosso informatico. I due partner collaboreranno inoltre per mappare le principali sfide globali nel settore agroalimentare in ambito tecnologico, insistendo sull’interconnessione tra tecnologie IA.

Cresce il valore delle start-up israeliane

Tecnologia

di Nathan Greppi
Secondo un rapporto della Start-Up Nation Central le start-up israeliane, nei primi 11 mesi del 2021, avrebbero raccolto un totale di circa 25 miliardi di dollari di investimenti, pari a + 136% rispetto al 2020.