Storie di donne (e di uomini)

Salute

Salute e benessere a cura di Dvora Ancona

Hadassa ha 30 anni, dopo una vita passata a soffrire per l’acne e dopo aver provato numerosi trattamenti senza alcun riscontro ha deciso di recarsi nel mio studio.

Lettere a Dvora: via il doppio mento!

Salute

Contenuto sponsorizzato
Buongiorno Dottoressa Dvora, sono Stella e ho 40 anni. Ho da sempre un grosso problema: il mio doppio mento. Sarà per la mia conformazione del volto, oppure perché ho preso qualche chiletto, ma purtroppo quando mi guardo allo specchio vedi prima “lui” che la mia faccia. Ne sono ossessionata..

Lettere a Dvora. Via il doppio mento

Salute

di Dr. Dvora Ancona
Per il mio collo teso e fresco, invece, uso una radiofrequenza in questo caso Israeliana Surgeon, che usa la potenza dei microaghi. Per evitare la blefaroplastica ho fatto No Bag che mi ha sistemato le borse (sempre senza chirurgia) e il botulino.

Iniezione di un vaccino

L’immunità del vaccino Pfizer diminuisce dopo 6 mesi: lo dice una ricerca israeliana

Salute

di Nathan Greppi
I dati raccolti in Israele, stando a una ricerca resa pubblica domenica 11 luglio, sembrano indicare che gli israeliani maggiormente colpiti dalla variante Delta del Coronavirus siano stati in molti casi anche tra i primi vaccinati nel paese. Un segno, a detta di alcuni, che dopo qualche mese le difese immunitarie offerte dal vaccino Pfizer sembrerebbero perdere efficacia.

Lettere a Dvora: il problema cellulite

Salute

a cura della Dott.ssa Dvora Ancona
Il mio consiglio è quello di effettuare un ciclo di almeno 10 sedute per ottenere risultati visibili, efficaci e duraturi: riduzione in cm della circonferenza delle gambe, distruzione dei setti fibrosi, riduzione dei liquidi in eccesso e finalmente una pelle tesa

Israele: risultato importante per lo studio del cancro al cervello

Salute

di Michael Soncin
I ricercatori dell’Università di Tel Aviv hanno scoperto un rivoluzionario trattamento contro il glioblastoma, una delle forme più aggressive di cancro al cervello che colpisce principalmente le cellule gliali, cellule che con i neuroni compongono il sistema nervoso centrale e periferico.

Menu