Sarah Halimi

L’assassino di Sarah Halimi non verrà processato perché drogato. Macron: “Chiedo una modifica della legge”

Mondo

di Redazione
Il presidente francese Emmanuel Macron ha dichiarato, in un’intervista a Le Figaro pubblicata domenica 18 aprile, di volere una modifica della legge affinché l’assunzione di stupefacenti non rimuova la responsabilità penale, dopo la sentenza della Corte di Cassazione sull’omicidio di Sarah Halimi, sessantenne ebrea uccisa nel 2017 a Parigi. Lo riporta il sito francese Europe 1.

“Decidere di prendere stupefacenti e poi ‘andare fuori’ non dovrebbe ai miei occhi rimuovere la responsabilità penale. A questo proposito, vorrei che il ministro della Giustizia presentasse al più presto una modifica alla legge”, ha dichiarato il capo  dello Stato a Le Figaro, mentre la Corte di Cassazione ha confermato mercoledì l’irresponsabilità criminale dell’assassino di Sarah Halimi, sessantenne ebrea uccisa nel 2017 a Parigi, pur confermando la natura antisemita del delitto.

Non processabile perché drogato

L’assassino accusato dell’omicidio di Sarah Halimi, il 31enne Kobili Traore, non potrà più essere processato in un tribunale francese. La famiglia della donna ebrea, brutalmente assassinata nel suo appartamento di Parigi da un intruso, ha fallito l’ultimo tentativo in tribunale di far processare il suo assassino mercoledì 14 aprile, dopo che la principale Corte d’appello del Paese ha confermato che l’imputato debba essere ritenuto penalmente irresponsabile perché la sua assunzione di marijuana la notte dell’omicidio lo aveva reso temporaneamente pazzo. Lo riporta il sito Algemeiner.

Spiegando la sua decisione, la Corte  ha sostenuto che dal momento che Traore aveva assorbito quello che ha definito un “attacco delirante” causato da uno spinello di marijuana che ha eliminato il suo “discernimento” – o autocoscienza – non poteva “essere giudicato penalmente e che il suo stato è stato causato dal consumo regolare di droghe”. Traore rimarrà come paziente in un ospedale psichiatrico sotto la supervisione di due medici che hanno il potere di rilasciarlo qualora decidessero che non rappresenta più un pericolo per gli altri.

Un assassinio efferato che rimane impunito

La decisione pone effettivamente fine a un’aspra battaglia legale e politica di quattro anni, iniziata il 4 aprile 2017. Traore – un residente dello stesso complesso popolare nella Parigi orientale di Sarah Halimi – aveva fatto irruzione nel suo appartamento durante le prime ore del mattino, salendo sul suo balcone dall’appartamento di un vicino.

I vicini terrorizzati che hanno allertato la polizia, dopo aver sentito le grida di aiuto di Halimi, hanno riferito che Traore aveva gridato le parole “Allahu Akhbar” e “Shaitan” (in arabo “Satana”) mentre faceva piovere calci e pugni sulla sua vittima, prima di prenderla in braccio e gettarla dalla finestra del suo appartamento al terzo piano.

Le indagini della polizia hanno poi rivelato che Halimi aveva detto ai parenti che aveva paura di Traore, che poche settimane prima dell’omicidio aveva insultato la figlia in visita definendola una “sporca ebrea”. È stato inoltre riferito che l’assassino, che ha una lunga fedina penale per reati minori, ha assistito regolarmente a servizi religiosi in una moschea locale frequentata da islamisti.

Al momento dell’omicidio, i media francesi furono ampiamente accusati dai membri della comunità ebraica di ignorare il destino di Sarah Halimi sulla base della preoccupazione che potesse avere un impatto sulle elezioni presidenziali francesi – che erano allora nelle ultime settimane della sua campagna – a favore dell’estrema destra. Dopo la vittoria di Emmanuel Macron nel giugno 2017, il nuovo presidente ha dichiarato in diverse occasioni che Traore avrebbe dovuto affrontare un processo penale, un appello che è stato ripreso da diversi politici ma rimproverato dalla magistratura, che ha accusato Macron di invadere la sua indipendenza.

Da parte sua, Traore ha ammesso la sua colpevolezza durante la sua unica apparizione in tribunale registrata nel novembre 2019. “Quello che ho commesso è stato orribile. Mi pento di quello che ho fatto. Chiedo scusa alle parti civili”, ha detto. Tuttavia, i periti psichiatrici consultati in seguito dalla Corte hanno continuato a insistere sul fatto che lo stato mentale di Traore al momento dell’omicidio significava che non poteva essere ritenuto penalmente responsabile.

L’ira della famiglia e della comunità ebraica francese

Mercoledì gli avvocati di Sarah Halimi hanno criticato con rabbia la decisione della Corte di Cassazione come “licenza di uccidere gli ebrei” nell’impunità.

“Oggi possiamo fumare o iniettarci droga in dosi elevate al punto da provocarci un  ‘acuto sbuffo delirante’ che abolisce il nostro ‘discernimento’, e trarremo vantaggio dall’irresponsabilità criminale”, ha detto l’avvocato Oudy Bloch ai media francesi. “È un brutto messaggio che è stato inviato ai cittadini francesi di fede ebraica”.

In un post su Twitter che taggava anche l’account del presidente Macron, Francis Kalifat – presidente di Crif, l’organizzazione di rappresentanza franco-ebraica – ha affermato chiaramente che “ora nel nostro Paese, possiamo torturare e uccidere gli ebrei impunemente”.

Il sindacato studentesco ebraico francese, l’UEJF, ha criticato in modo simile la decisione. “Un omicidio antisemita non sarà processato in Francia nel 2021”, ha detto il gruppo su Twitter. “Un segnale terribilmente fatale è stato inviato nella lotta all’antisemitismo nel nostro Paese”.

Menu