A Varsavia si inaugura la mostra sulla storia degli ebrei polacchi. Presente Reuven Rivlin

Mondo

polinUna volta era la più grande e più vivace comunità ebraica nel mondo; oggi quella della Polonia può dire di avere un suo museo a Varsavia sul sito dell’ex ghetto ebraico. “Stiamo ricostruendo qualcosa che è stato completamente distrutto “, dice Dariusz Stola, direttore del Museo Polin di Storia degli ebrei polacchi , la cui esposizione principale viene inaugurata martedì 28 ottobre in presenza dei presidenti polacco e israeliano, Bronislaw Komorowski e Reuven Rivlin. La mostra principale, con la storia di 1.000 anni di ebrei polacchi, inizia con una leggenda circa l’arrivo dei primi ebrei in Polonia nel Medio Evo.

Il nome POLIN è un gioco di parole sul fatto che Polonia in ebraico è Polin; il logo, una grande P maisucola, è stato progettato per assomigliare alla lettera ebraica Kuf che può stare in piedi per Kehilla (comunità in ebraico) o Kedoshim (santi in ebraico) per indicare una comunità sacrificata sull’altare della brutalità nazista.

Il museo ha aperto al pubblico nel mese di aprile 2013 e da allora ha accolto circa 400.000 visitatori. Si trova in quello che era il ghetto di Varsavia durante la seconda guerra mondiale e si affaccia sulle celebri sculture degli eroi del ghetto di Varsavia realizzate da Natan Rapoport. Per molti secoli, l’80% degli ebrei di tutto il mondo aveva vissuto in Polonia: 3,3 milioni di ebrei vivevano nel paese nel 1939, pari al 10% di tutta la popolazione polacca. Solo tra 200.000 e 300.000 sopravvissero dell’Olocausto. La maggior parte emigrò, con un’ultima ondata dopo che il regime comunista aveva orchestrato una campagna antisemita nel 1968.

“Il vuoto è il più grande monumento di Varsavia ebraica e questo museo lo compenserà. Mostrerà la storia ” , dice Stola . Mentre tutti i principali musei ebraici del mondo sono incentrati sulla Shoah, l’idea di Varsavia era quella di creare un museo della vita e di mostrare.

La linearità della facciata di vetro del palazzo, che è già diventato un’icona dell’architettura moderna, è rotta solo da un’ampia apertura irregolare che funge da ingresso e hall, che simboleggerebbe  il passaggio del Mar Rosso gli ebrei in fuga dall’Egitto. Il museo è considerato fra i più tecnologicamente avanzati in Europa.

Attualmente il museo funziona come un centro culturale ed educativo con un ricco programma culturale , tra cui mostre temporanee , film, dibattiti , laboratori, spettacoli , concerti , conferenze e molto more. Fondato nel 2005 dalla Associazione della Jewish Historical Institute di Polonia, della città di Varsavia e il Ministero della Cultura e del Patrimonio Nazionale polacca, il Museo è un’iniziativa senza precedenti, che copre molti settori della ricerca e avvalendosi delle competenze di studiosi e professionisti dei musei di tutto il mondo.

Menu