La Svezia riconosce lo Stato palestinese. Libermann: “Il Medio Oriente non è un mobile Ikea”

Margot Wallström, Ministro degli esteri svedese
Margot Wallström, Ministro degli esteri svedese

Giovedì 30 ottobre la Svezia ha riconosciuto ufficialmente lo Stato della Palestina diventando così il primo grande Stato membro dell’Unione europea a sostenere in questo modo la creazione di uno Stato palestinese.

“E’ un passo importante che conferma il diritto dei palestinesi all’autodeterminazione – ha scritto il ministro degli esteri del paese, Margot Wallström, su un giornale svedese -. I rapporti tradizionalmente stretti legami della Svezia con lo Stato di Israele sono ora integrati da un rapporto alla pari con l’interlocutore”.

Tuttavia, Wallström ha scritto che il riconoscimento mira a rafforzare i moderati palestinesi e facilitare un accordo di pace, rendendo le parti in futuri negoziati “meno diseguali”.

La Svezia si rende conto che la leadership palestinese non è in pieno controllo della Cisgiordania e di Gaza, ha scritto il Ministro, ma Stoccolma ha in passato riconosciuto più di uno stato che “mancava di un controllo efficace su alcune parti del suo territorio”, ha scritto, riferendosi alla Croazia ( 1992) e al Kosovo (2008). ” Il riconoscimento svedese dello Stato della Palestina sarà seguito da un impegno maggiore per sostenere lo sviluppo della democrazia e dei diritti umani in Palestina”, ha annunciato.

Il ministro degli Esteri israeliano Avigdor Liberman ha definito il riconoscimento “sfortunato” e ha detto in una dichiarazione che servirà solo a rafforzare richieste irrealistiche da parte dei palestinesi”. “Il governo svedese ha bisogno di capire che il Medio Oriente è più complicato di mobili auto-assemblaggio da Ikea e che si deve agire sulla questione in modo responsabile e con sensibilità “, ha aggiunto.

All’inizio di ottobre il Parlamento di Londra aveva già votato a favore di uno Stato palestinese, ma si trattava di una mossa in gran parte simbolica.