La fortezza di epoca ellenisticaritrovata

Israele, fortezza ellenistica svela prove delle storie di Hanukkah

di Ilaria Ester Ramazzotti
In Israele, una fortezza di epoca ellenistica appartenuta ai Seleuciti, distrutta e data alle fiamme dagli Asmonei, è stata portata alla luce da scavi archeologici effettuati dall’Autorità Israeliana per le Antichità. Le rovine erano state scoperte alcuni anni fa nella foresta di Lachish, nella regione di Shephelah, a sud del Paese. Secondo gli archeologi, che dirigono gli scavi ancora in corso e tuttora oggetto di studio, i reperti confermano oggi la storicità delle vicende di Hanukkah. La festività celebra infatti la riconsacrazione del rito ebraico all’interno del Tempio di Gerusalemme a seguito della vittoria dei Maccabei, guidati dalla famiglia degli Asmonei, contro la dinastia dei Seleucidi nel II secolo a.C.

“Il sito archeologico fornisce prove tangibili delle storie di Hanukkah”, hanno dichiarato i direttori degli scavi Saar Ganor, Vladik Lifshits e Ahinoam Montagu, come riporta il Jerusalem Post. “Sembra che abbiamo scoperto un edificio che faceva parte di una linea fortificata eretta dai comandanti dell’esercito ellenistico per proteggere la grande città ellenistica di Maresha da un’offensiva asmonea – hanno spiegato gli specialisti a Israel National News -. Tuttavia, i reperti del sito mostrano che le difese seleucide non ebbero successo; l’edificio scavato fu gravemente bruciato e devastato dagli Asmonei”. 

La struttura scoperta misura 15 metri per 15 e le sue mura esterne, larghe non meno di tre metri, sono state realizzate con grosse pietre. All’interno, l’edificio fortificato è suddiviso in sette ambienti, posti a un’altezza di due metri. Ci sono anche i resti di una scala. Nell’area sono state trovate anche armi, brocche, travi di legno bruciate e decine di monete che hanno permesso di datare con precisione l’edificio.

“La nostra teoria è che i Seleucidi abbiano bloccato l’ingresso della fortezza e siano fuggiti in città mentre i loro nemici si avvicinavano; quando gli Asmonei hanno raggiunto la struttura le hanno dato fuoco”, ha spiegato ancora al Jerusalem Post Ahinoam Montagu. “La struttura presenta un chiaro strato di distruzione, che è stato preservato perché l’area non è stata reinsediata. Probabilmente il tetto crollò prima e poi seguirono le parti più alte del muro”, ha aggiunto l’archeologo. Il sito non rivela segni di battaglia. “Abbiamo scoperto solo poche ossa di animali e un frammento di una spada. Se qui fosse stata combattuta una battaglia, ci sarebbero molti più resti, inclusi resti umani e manufatti”. “Il nostro obiettivo è finire di portare alla luce gli strati di distruzione e trovare più manufatti – ha concluso Montagu -. Dopo che avremo finito di scavare, il sito sarà aperto al pubblico”.

Menu