Italia

Una nuova associazione per la storia degli ebrei in Italia

Italia


in Israele l’Assei, associazione israeliana per lo Studio della Storia degli ebrei in Italia. Ha lo scopo di promuovere la ricerca e la divulgazione della storia e della cultura degli ebrei in Italia, comprendendo tutto l’arco della bimillenaria presenza ebraica nella penisola.

Sicurezza: evitare le discriminazioni

Italia

Intervenendo sul problema della sicurezza in Italia e sulle nuove norme che prevedono una schedatura delle popolazioni nomadi in Italia, il presidente dell’Unione delle Comunità Ebraiche Italiane Renzo Gattegna ha dichiarato tra l’altro: “Se non si vuole cadere nuovamente in una diversa, ma forse più grave e più subdola, violenza morale e materiale, si deve convenire che qualsiasi forma di prevenzione non può avvenire solo nei confronti di un gruppo etnico, costituito da cittadini in parte italiani e in parte stranieri, in forma indiscriminata e senza distinguere le persone oneste dai criminali.
Derogare al principio che la Legge è uguale per tutti e che la responsabilità penale è individuale e non collettiva e che non può essere mai ravvisata nel solo fatto di esistere, è il più straordinario regalo che si possa fare alla criminalità”.

Un ebreo vaticanista: c’è chi critica

Italia


viene indicato dal Tg1 come il responsabile futuro della sezione vaticana, colui che coordinerà e seguirà i futuri viaggi del papa, i suoi discorsi, le sue attività. Il direttore di Italia Oggi, Franco Bechis, critica la scelta in quanto “Genah non è certo cattolico, visto che è di religione ebraica”.

Via Almirante – statista

Italia


propone di intitolare una strada della capitale a Giorgio Almirante. Emanuele Fiano, deputato DS, legge in aula alcune dichiarazioni del segretario dell’MSI sulla rivista La difesa della razza. Il 5 maggio 1942 Almirante scriveva: “Il razzismo ha da essere cibo di tutti e per tutti, se veramente vogliamo che in Italia ci sia la coscienza della razza. Altrimenti finiremo per fare il gioco dei meticci e degli ebrei; degli ebrei che, come hanno potuto in troppi casi cambiar nome e confondersi con noi, così potranno, ancor più facilmente e senza neppure il bisogno di pratiche dispendiose e laboriose, fingere un mutamento di spirito e dirsi più italiani di noi

Perché non sono andato a Torino

Italia


Quest’anno ho deciso con vivo rammarico di non andare a Torino per il Salone del libro.
A mio avviso, nella breve storia d’Israele l’aspetto più degno in assoluto d’attenzione sta nella capacità di recuperare nell’uso quotidiano l’ebraico

Una violenza intollerabile contro extra comunitari

Italia

del Prenestino, al Pigneto divenuta negli ultimi anni zona nella quale convivono in perfetta simbiosi personaggi dello spettacolo e artisti con immigrati di diverse provenienze, un violento raid fascista ha attaccato proditoriamente tre negozi di extra-comunitari, distruggendoli e picchiandone i proprietari. Una giornalista di passaggio nel quartiere ha denunciato una svastica sul fazzoletto che copriva il viso di uno dei facinorosi.