Vent’anni fa veniva assassinato il giornalista Daniel Pearl

di Ilaria Myr
Il primo febbraio del 2002 il giornalista ebreo americano Daniel Pearl veniva assassinato in Pakistan da membri di Al Qaeda perché era un giornalista, era americano ed era ebreo.
Quando fu rapito, il 23 gennaio del 2002, Pearl, 38 anni, lavorava al Wall Street Journal come responsabile dell’ufficio dell’Asia del Sud basato in India, a Mumbai. Si era recato in Pakistan per indagare sui legami supposti fra Richard Reid (il terrorista inglese che stava per fare esplodere un aereo della British Airways con dell’esplosivo nascosto nelle scarpe) e Al Qaeda.

I suoi rapitori, che si autodefinivano il Movimento nazionale per la restaurazione della sovranità pakistana, lo accusarono di essere una spia e inviarono agli Stati Uniti un elenco di richieste per la sua liberazione. Queste richieste non furono però soddisfatte e, nonostante gli sforzi di molti che implorarono i rapitori di liberarlo e gli sforzi dell’intelligence statunitense per trovarlo, Pearl è stato infine giustiziato per decapitazione.

Daniel Pearl nel video girato dai terroristi

 

Nel video, girato dai terroristi prima dell’esecuzione, e fatto poi circolare, Pearl si è identificato come un ebreo americano. “Mio padre è ebreo, mia madre è ebrea, io sono ebreo. La mia famiglia segue l’ebraismo”, ha detto.

Gli assassini di Pearl sono stati arrestati lo stesso mese dopo che è stato rintracciato l’indirizzo IP dell’e-mail di riscatto, che risaliva ad Ahmed Omar Saeed Sheikh, un terrorista di origine britannica con legami con al-Qaeda e che in precedenza aveva prestato servizio nell’agenzia di intelligence pakistana Inter-Services Intelligence (ISI).

Sheikh è stato condannato a morte per il suo crimine. Tuttavia, il tribunale pakistano ha successivamente assolto Sheikh e altri tre per l’omicidio e ha persino ordinato loro il rilascio dalla prigione.

Ciò è stato successivamente confermato dalla Corte Suprema pakistana, nonostante le obiezioni del governo pakistano e degli Stati Uniti. Sheikh è stato trasferito in una prigione a Lahore dove rimarrà per il resto del processo di appello.

In nome di Daniel Pearl

Pearl è stato ricordato per la sua tragica morte e per la sua carriera di giornalista, onorato dalla sua famiglia, amici e colleghi.

“Il 1° febbraio segna 20 anni da quando nostro figlio, Danny, è stato assassinato a Karachi, in Pakistan. Accenderemo la tradizionale” candela dell’anima “e diremo Kaddish in sua memoria”, ha scritto su Twitter il padre di Daniel, Judea, che ha anche condiviso una poesia che ha scritto, intitolata “The Lion’s Den”, in cui paragona la morte di suo figlio al biblico Daniele che fu gettato nella fossa di un leone ma salvato da Dio.

I suoi genitori hanno anche lanciato la Daniel Pearl Foundation, che porta giornalisti di paesi a maggioranza musulmana negli Stati Uniti per lavorare in testate giornalistiche e sponsorizzare concerti.

Sul suo assassinio ha indagato a lungo il filosofo e scrittore francese Bernard Henri-Lévy, che ha scritto il libro Chi ha ucciso Daniel Pearl?, edito da Rizzoli. Le indagini l’hanno condotto da Karachi a Londra, da Sarajevo a Dubai, da

Kandahar a Los Angeles e di nuovo a Karachi. Un viaggio che lo porta a raccogliere testimonianze e prove, a ricostruire le personalità dei protagonisti, dando vita a quello che lui stesso definisce un “romanquête”. Un romanzo-inchiesta dunque con cui l’autore si addentra negli abissi del fondamentalismo islamico, per giungere a una tesi che smaschera il reticolo di complicità di cui questo gode in molti stati musulmani, a partire dal Pakistan.

Interessante anche il libro scritto dalla moglie di Daniel Pearl, Mariane, A mighty heart. Un cuore grande. La vita e la morte coraggiose di mio marito Daniel Pearl (Sonzogno): un libro drammatico ed emozionante, in cui Mariane parte dalle ultime ore trascorse con il marito e racconta poi tutte le fasi della trattativa per salvarlo, senza tralasciare il suo ruolo cruciale nella squadra di investigazione, tra FBI e i servizi segreti pakistani, terroristi islamici e capi di Stato occidentali. Ma non dimentica i cinque anni passati insieme.

 

(Foto: Ian Waldie per Reuters)

Menu