Rinvenuti nell’Antica Shiloh 5 vasi giganti di 2000 anni fa

di Ilaria Ester Ramazzotti
Fu la capitale di Israele per 300 anni, prima del suo trasferimento a Gerusalemme. L’Antica Shiloh è oggi un sito archeologico vicino alla città di Khirbet Seilun in Cisgiordania, dove i primi scavi sono iniziati cento anni fa. Di recente, nuove ricerche guidate dall’archeologo Reut Ben Aryeh hanno riportato alla luce numerosi reperti rari, fra cinque grandi vasi di stoccaggio intatti del periodo del Talmud (200-400 dC).

Immagazzinati in fila all’interno di un edificio, i vasi furono distesi sotto il pavimento probabilmente per mantenere il loro contenuto a una temperatura fresca e costante. Un interramento che li ha conservati completamente intatti fino a oggi. Durante lo scavo sono stati rinvenuti ulteriori reperti come monete, una chiave che serviva probabilmente per aprire una scatola e un cubo da gioco in legno.

Il Consiglio della regione di Benjamin, che gestisce l’intero sito archeologico di Shiloh, ha comunicato che il recente scavo aveva lo scopo di studiare il percorso delle antiche mura che circondavano la città e la sua area di ingresso. Un taglio sul bordo del tumulo meridionale ne avevano rivelato strati risalenti a periodi storici, a partire dall’età del bronzo fino al periodo ottomano. Yisrael Gantz, capo del Consiglio regionale di Benjamin, ha detto lo scorso 2 agosto a Jewish Press: “Siamo privilegiati a fare scoperte che sono la prova del nostro legame con le aree della Giudea e della Samaria e con l’intera terra. I risultati qui danno un significato alle nostre attività quotidiane nello sviluppo di questa regione del paese. Non c’è niente di più eccitante di capire con i nostri occhi come stiamo continuando la vita dei nostri antenati qui”.

La Torah racconta come Giosuè collocò il Mishkan (Tabernacolo) a Shiloh dopo aver conquistato la Terra Promessa, e per più di tre secoli questo fu il centro della vita israelita. L’odierno sito comprende altresì reperti archeologici del periodo ellenistico, romano, bizantino e del primo musulmano.

 

Menu