Da sinistra Naftali Bennett e Volodymyr Zelensky

Dialogo fra Zelensky e Bennett: fruttuosi negoziati e critiche alle “scandalose osservazioni” di Lavrov su Hitler ebreo

Mondo

di Redazione
Il presidente ucraino Volodymyr Zelensky ha dichiarato mercoledì 4 maggio di aver intrattenuto “fruttuosi negoziati” con il primo ministro Naftali Bennett durante una telefonata e di aver discusso le osservazioni “scandalose” del ministro degli Esteri russo Sergei Lavrov, secondo il quale il leader nazista Adolf Hitler aveva sangue ebreo.

“Ho condotto fruttuosi negoziati con il primo ministro Naftali Bennett. Mi sono congratulato con lui e il popolo di Israele nel Giorno dell’Indipendenza!”, ha twittato Zelensky, aggiungendo di aver aggiornato Bennett sulla lotta contro la Russia e “sulla situazione critica a Mariupol”.

Più tardi, nel suo discorso notturno al popolo ucraino, Zelensky ha affermato che i due leader avevano anche discusso delle “osservazioni scandalose e completamente inaccettabili” di Lavrov.

I legami tra Israele e Russia si sono logorati negli ultimi giorni a seguito dell’affermazione di Lavrov secondo cui Adolf Hitler aveva origini ebraiche, nel tentativo di spiegare i tentativi di Mosca di “denazificare” l’Ucraina, il cui presidente, Zelensky, è ebreo.

Nonostante Bennett a un certo punto abbia cercato di mediare tra Ucraina e Russia, i legami tra Zelensky e Bennett sono stati tesi per le accuse secondo cui Israele non era sufficientemente favorevole all’Ucraina, né abbastanza critico nei confronti della Russia.

Tuttavia, negli ultimi giorni c’è stato un cambio di tono da Israele, soprattutto in seguito alle prove dei massacri compiuti dalla Russia e ai recenti commenti antisemiti di Lavrov.

I rapporti di questa settimana hanno indicato che i funzionari israeliani avrebbero discusso di ampliare gli aiuti all’Ucraina, comprese le forniture di equipaggiamento militare difensivo finora trattenuto da Gerusalemme.

Da quando la Russia ha invaso l’Ucraina il 24 febbraio, Israele ha respinto le richieste di Kiev e dell’Occidente per l’equipaggiamento militare come le batterie antimissilistiche e solo di recente ha accettato di inviare caschi e giubbotti antiproiettile alle forze di soccorso e mediche civili, parte di una politica volta a preservare i legami con la Russia. Invece, ha inviato circa 100 tonnellate di aiuti umanitari e allestito un ospedale da campo nell’Ucraina occidentale per sei settimane.

Le reazioni di Ucraina e Israele alle dichiarazioni di Lavrov

Le osservazioni del Ministro degli esteri russo avevano subito suscitato forti reazioni. Il ministro degli Esteri dello Stato ebraico, Yair Lapid, ha subito fortemente criticato il suo omologo russo sui social media: «Le osservazioni del ministro degli Esteri Lavrov sono sia un’affermazione imperdonabile e oltraggiosa, sia un terribile errore storico. Gli ebrei non si sono uccisi tra di loro durante l’Olocausto. Il livello più basso di razzismo contro gli ebrei consiste nell’accusare gli stessi ebrei di antisemitismo».

 

Anche Zelensky ha reagito ai commenti di Lavrov. Parlando a Fox News, Zelensky ha detto che Mosca “stava seguendo lo stesso concetto di Goebbels e usando la stessa metodologia” nel tentativo di giustificare la guerra all’Ucraina. Ha anche aggiunto: “Penso che la reazione nel mondo sia ancora debole a queste osservazioni di Lavrov”.

Menu