Il kit di telemedicina Tytocare inviato in Ucraina

Ucraina: Israele dona kit di telemedicina per la cura a distanza dei bambini 

di Michael Soncin
Offrire assistenza sanitaria a distanza, ai bambini che vivono nelle zone più svantaggiate dell’Ucraina. È l’aiuto che ha offerto Israele inviando, attraverso il fondo UNICEF delle Nazioni Unite, 50 dispositivi di telemedicina negli ospedali delle regioni più isolate. 

Le apparecchiature della società israeliana TytoCare sono state mandate in 10 centri di cura nell’Ucraina orientale. I bambini potranno essere visitati e monitorati a distanza da un gruppo di medici ed infermieri. “L’obiettivo è evitare che i bambini debbano percorrere lunghe distanze per le cure mediche”, riporta il sito ISRAEL21c

Questo eviterà di esporsi ulteriormente ai pericoli e alla morte, anche dei numerosi civili, che questa guerra ad opera di Putin sta causando. 

Il personale Unicef riceve i dispositivi Tytocare

Visite mediche a distanza

Lanciata nel 2012, TytoCare è la prima piattaforma All In One del settore sanitario avente molteplici funzionalità. È capace di rilevare attraverso il controllo su richiesta da remoto, basato sull’intelligenza artificiale, lo stato di salute di: polmoni, cuore, gola, orecchie, addome, pelle, di analizzare il livello di ossigeno nel sangue, di conoscere la temperatura corporea o le pulsazioni cardiache. Senza una visita di persona i dottori potranno fare diagnosi e controllare i normali disturbi da remoto. I genitori possono attivare il dispositivo in piena autonomia con l’ausilio di semplici spiegazioni.

Attualmente lo Sheba Medical Center di Tel Aviv, oltre al programma di assistenza sanitaria virtuale, lo Sheba Beyond, si sta impegnando, per inviare in Ucraina tutto il materiale necessario per le cure mediche. 

“Ci sono oltre 400.000 bambini che vivono nell’area colpita dal conflitto, quasi 20.000 di loro vivono in luoghi con difficile accesso all’assistenza sanitaria. Questa iniziativa è estremamente importante, in particolare durante i tempi della pandemia di Covid-19. La telemedicina ci consentirà di aumentare l’accesso ai servizi sanitari essenziali per le famiglie più svantaggiate, oltre a proteggere gli operatori sanitari in prima linea”, ha dichiarato Andrej Slavutskij, capo del programma sanitario dell’UNICEF Ucraina.