Una testimonianza dall’Ucraina: l’Hashomer Hatzair si stringe attorno ai ragazzi sotto i razzi

Mondo

di Anna Lesnevskaya
Kharkiv, la seconda città ucraina più grande per popolazione, è stata tra le prime nel mirino dell’attacco russo. All’alba del 24 febbraio è piombato l’annuncio di Vladimir Putin dell’operazione militare contro il Paese vicino, e circa un’ora dopo, secondo le notizie dei media ucraini e occidentali, l’esercito russo ha sconfinato nella regione di Kharkiv, all’est dell’Ucraina. E mentre si continua a combattere nei pressi della città e piovono i missili russi – le autorità parlano di 23 civili uccisi tra cui bambini ­­­– l’organizzazione giovanile ebraica Hashomer Hatzair tiene il filo della comunicazione con i suoi ragazzi nascosti nei rifugi antiaerei e riceve un’ondata travolgente di solidarietà da tutto il mondo.

Membri dell’Hashomer Hatzair del ken ucraino (foto Facebook)

 

“Il nostro ken in Ucraina attivo da vent’anni si trova a Kharkiv e conta quaranta ragazzi dell’età superiore ai 18 anni, ma abbiamo tantissimi ex membri in giro per il Paese”, racconta al Mosaico da Tel Aviv Anna Grachevskaja, la coordinatrice del movimento nei Paesi russofoni. Con l’escalation della tensione tra la Russia e l’Ucraina, Hashomer Hatzair si è attivato per fare tutto il possibile per i ragazzi ucraini e le loro famiglie. Con l’aiuto dell’organizzazione alcune persone sono riuscite a lasciare Kharkiv prima che scoppiasse la guerra e raggiungere la Polonia. Lì il movimento ha predisposto un rifugio per chi è in fuga, ne esiste un altro anche a Leopoli, dove però cominciano a suonare le sirene antiaeree e la situazione non è più sicura.

Ora i pensieri del movimento sono con le ragazze e i ragazzi rimasti a Kharkiv. “Sono sotto stress, sentono le esplosioni e devono nascondersi nei rifugi antiaerei”, racconta Anna. Grande anche la preoccupazione per i ragazzi che potrebbero essere chiamati a combattere dopo che in Ucraina è stata proclamata la mobilitazione generale. “Ci stiamo sentendo continuamente e siamo pronti ad aiutarli appena sarà possibile uscire da Kharkiv che ora è chiusa ”, continua la coordinatrice di Hashomer Hatzair la quale riceve numerosissime manifestazioni di solidarietà dalla rete del movimento in tutto il mondo, dall’Australia all’America Latina, mentre in Europa i kenim di Budapest e di altre città europee si sono rese disponibili per prendersi cura di eventuali profughi.

Per mettersi in contatto con l’Hashomer Hatzair in Ucraina, scrivere a hama@hashomer-hatzair.org

Per donare una quota per la raccolta fondi per Chaverim*ot in Ucraina
-Pagamento con paypal:
https://bit.ly/donaucraina (sito web in tedesco)

-Pagamento tramite bonifico:
G.E.E.D.I. HASHOMER HATZAIR-ROMA
Codice IBAN: IT03O0538705006000003263900
BANCA: BPER BANCA S.P.A.
FILIALE: ROMA – AGENZIA 28
Causale: fondo ucraina
Inoltrare ricevuta di bonifico a mazkiruteu@hashomerhatzair-eu.com

Raccolta dell’Hashomer in Israele
https://www.jgive.com/new/en/ils/donation-targets/69634/charity?fbclid=IwAR2N_oGpSPvxNIJkcg18lFzrhOPeIX-cXX0s0HAcevRNclgvPotsX6h3c1w

 

 

Menu