Manifestazione contro antisemitismo in Regno Unito

Nel 2021 antisemitismo in forte aumento nel mondo. Lo riporta il Kantor Center

Mondo

di Redazione
Alla vigilia di Yom HaShoah, il Center for the Study of Contemporary European Jewry della Facoltà di Lettere e Filosofia dell‘Università di Tel Aviv pubblica il suo 28° Rapporto annuale sull’antisemitismo nel mondo. Il rapporto, che copre gli eventi del 2021, si basa su un’analisi di dozzine di studi in tutto il mondo, insieme a informazioni provenienti dalle forze dell’ordine, dai media e dalle organizzazioni ebraiche in vari paesi.

I risultati inquietanti indicano un forte aumento del numero di incidenti antisemiti in molti paesi, anche rispetto all’anno pre-pandemia del 2019. Secondo il rapporto, l’aumento deriva dal rafforzamento dei movimenti politici radicali di destra e sinistra in diversi paesi e dalla vasta portata dei social network per diffondere menzogne ​​e istigazione. In particolare, il boom delle teorie del complotto derivante dalla pandemia, così come il conflitto tra Israele e Hamas a Gaza nel maggio 2021, hanno generato acute ondate di antisemitismo.

Il Prof. Uriya Shavit, Direttore del Centro per lo Studio dell’Ebraismo Europeo Contemporaneo, ha dichiarato: “Qualcosa non funziona. Negli ultimi anni la lotta all’antisemitismo ha goduto di vaste risorse in tutto il mondo, eppure, nonostante molti importanti programmi e iniziative, il numero di incidenti antisemiti, comprese le aggressioni violente, sta rapidamente aumentando. La cosa facile è dire che servono più leggi e più finanziamenti. Ma ciò di cui abbiamo davvero bisogno è un esame coraggioso e spietato dell’efficacia delle strategie esistenti”.

Il Prof. Shavit ha aggiunto che “i crimini di guerra russi, accompagnati dalla cinica distorsione della memoria dell’Olocausto, dimostrano che alcuni di coloro che hanno dichiarato il loro impegno nella lotta contro l’antisemitismo, non erano realmente seri al riguardo e non avevano veramente imparato le lezioni della seconda guerra mondiale. Il mondo ebraico deve rimettersi in sesto e capire che la lotta contro l’antisemitismo e la lotta per i valori democratici liberali sono la stessa cosa”

I punti principali del Rapporto Annuale sull’Antisemitismo nel Mondo 2021

L’annuale Antisemitism Worldwide Report 2021 dimostra un aumento significativo di vari tipi di incidenti antisemiti nella maggior parte dei paesi con una grande popolazione ebraica.

Usa

Nel 2021, il NYPD ha registrato 214 crimini d’odio antiebraici rispetto ai 126 del 2020 e il LAPD ha registrato 79 di tali crimini rispetto ai soli 40 del 2020. 251 incidenti antisemiti sono stati registrati negli Stati Uniti in sole tre settimane durante le rivolte intorno il conflitto Israele-Hamas a maggio.
Secondo il sondaggio annuale dell’American Jewish Committee (AJC), il 2,6% degli ebrei americani ha affermato di essere stato vittima di attacchi fisici antisemiti negli ultimi cinque anni.

L’Anti-Defamation League (ADL) ha registrato un aumento del 27% nel 2020 e un aumento del 113% nel 2019 degli episodi di propaganda antisemita dei suprematisti bianchi. Questi dati sono particolarmente inquietanti dato che c’è stata una leggera diminuzione nel numero complessivo delle distribuzioni di propaganda dei suprematisti bianchi.

Francia

Il Service de Protection de la Communauté Juive (SPJC), in collaborazione con il Ministero dell’Interno francese, ha registrato 589 incidenti antisemiti nel 2021, con un aumento del 74% rispetto al 2020 e una diminuzione del 14% rispetto al 2019.

Italia

Per quanto riguarda il nostro Paese, l’indagine riporta i dati elaborati dall’Osservatorio Antisemitismo del Centro di Documentazione Ebraica Contemporanea (CDEC), che ha registrato 226 episodi di antisemitismo nel 2021; 45 si sono verificati nel “mondo reale” e 181 online. Il numero totale di incidenti nel 2021 è stato dell’1,74% in meno rispetto ai 230 incidenti nel 2020 e del 9,96% in meno rispetto ai 251 incidenti del 2019, proseguendo un trend discendente nel numero totale di incidenti. Il CDEC ha registrato un caso di violenza estrema nel 2021 (un ebreo aggredito e ferito con un coltello) ma non aveva registrato un incidente del genere nel 2019 o nel 2020. Allo stesso modo, ci sono stati cinque episodi di aggressione fisica nel 2021 rispetto a uno nel 2020 e due nel 2019. Le 26 minacce nel 2021 rappresentano un aumento del 100% rispetto alle 13 minacce registrate nel 2020 e del 189% rispetto alle 9minacce del 2019.

Canada

Nel maggio 2021, il B’nai Brith Canada ha denunciato 61 aggressioni contro ebrei, un record in40 anni (dall’inizio del monitoraggio nel 1982) di violenza fisica antisemita in un mese. Nel mese di maggio sono stati registrati complessivamente 226 incidenti, con un aumento del 54% rispetto allo stesso periodo del 2020.

Regno Unito

Il Community Service Trust (CST) ha registrato 2.255 incidenti antisemiti nel 2021, con un aumento del 34% dal 2020 e del 24% dal 2019. Un forte aumento del 78% rispetto al 2020 è stato registrato nelle aggressioni fisiche contro gli ebrei.

Germania

La polizia tedesca ha registrato 3.028 incidenti antisemiti nel 2021, con un aumento del 29% rispetto al 2020 e del 49% rispetto al 2019. Un altro fenomeno preoccupante registrato nel 2021: gli antivaccinisti tedeschi hanno paragonato la loro situazione a quella degli ebrei nell’Olocausto. Gli autori del Rapporto sostengono che questo ha portato alla banalizzazione dell’Olocausto.

 

Le cause dell’aumento

Il Rapporto suggerisce che il numero di incidenti antisemiti nel mondo è stato direttamente influenzato da due eventi importanti: il conflitto tra Israele e Hamas a Gaza nel maggio 2021 (operazione Guardian of the Walls) e la pandemia di Covid-19.

Sull’Operazione Guardian of the Walls (conflitto tra Israele e Hamas a Gaza), del maggio 2021, gli autori del Rapporto osservano che l’operazione a Gaza ha portato a un forte aumento degli incidenti antisemiti in tutto il mondo e affermano che “Il conflitto ha messo in luce un’inaccettabile realtà: quando Israele si difende, gli ebrei di tutto il mondo vengono attaccati”. I social network hanno svolto un ruolo importante in questa ondata. Ciò solleva preoccupazioni per quanto riguarda l’utilità della legislazione e degli accordi raggiunti con le società di social media sul divieto di espressioni antisemite dalle loro piattaforme. La preoccupazione più grave è il dark web, che ospita estremisti di ogni tipo e dove il contenuto antisemita è diffuso liberamente e apertamente. Il rapporto rileva inoltre che l’Iran investe molto tempo e finanziamenti nella diffusione della propaganda antisemita online, concentrando le sue campagne principalmente sugli Stati Uniti e sull’America Latina.

La pandemia di Covid-19: proprio all’inizio della pandemia nel 2020, le teorie del complotto hanno iniziato a germogliare in tutto il mondo, incolpando gli ebrei e Israele per aver diffuso il virus. Queste accuse ricordavano secolari diffamazioni di sangue. I lockdown, che hanno incollato le persone ai loro schermi di casa, hanno contribuito in modo significativo a rendere popolare il discorso tossico antisemita sui social network. Nel 2021, quando i blocchi sono stati gradualmente allentati, gli antisemiti sono tornati nelle strade e la violenza fisica contro gli ebrei è aumentata. Allo stesso tempo, l’attività sui social media non è diminuita, diventando per alcuni partecipanti un elemento che definisce l’identità.

Alcuni antivaccinisti hanno accusato gli ebrei di aver sviluppato i vaccini per fare fortuna. Il successo dei vaccini, e in particolare l’efficiente campagna di vaccinazione di Israele, sono serviti solo a rafforzare queste false accuse. Gli anti-vaccini hanno anche introdotto confronti imperfetti tra la vaccinazione richiesta dal governo e la situazione degli ebrei durante l’Olocausto, portando alla banalizzazione dell’Olocausto. In un caso, una foto di Albert Bourla, CEO di Pfizer e figlio dei sopravvissuti ad Auschwitz, è stata pubblicata insieme a quella del famigerato medico nazista Joseph Mengele, per implicare che entrambi sperimentarono sugli esseri umani.

Menu