Germania: 6 incidenti antisemiti ogni 24 ore. E in Baviera si marcia in onore di Rudolf Hess

Mondo

di Redazione
Le nuove statistiche pubblicate lunedì 15 novembre dal governo federale tedesco non hanno mostrato alcun calo nel numero di incidenti antisemiti quest’anno, con una media di sei incidenti contro gli ebrei ogni 24 ore.

Al 5 novembre, durante il 2021 erano stati segnalati un totale di 1.850 crimini antisemiti, ha affermato il governo federale in risposta a una richiesta di dati di Petra Pau, leader del Partito della Sinistra e vicepresidente del Bundestag, il parlamento tedesco. I dati sono stati raccolti dalle statistiche dei casi dell’Ufficio federale di polizia criminale (BKA) sui reati a sfondo politico, secondo il quotidiano Welt.

Gli esperti di politica antisemita hanno espresso il timore che il bilancio finale degli incidenti nel 2021 possa superare quello degli anni precedenti. Nel 2019, in Germania sono stati segnalati 2.032 incidenti antisemiti, mentre nel 2020 – un anno definito dal blocco della pandemia di COVID-19 – il totale è aumentato a 2.351.

Degli incidenti di quest’anno, 35 hanno comportato violenze fisiche, con 17 persone ferite a causa di attacchi antisemiti.

Reati impuniti o non denunciati

Secondo Welt, sono stati identificati solo 930 sospetti. Solo cinque persone sono state arrestate e sono stati emessi altri due mandati di arresto, con conseguenti critiche all’inerzia della polizia da parte di alcuni politici.

“La cultura dell‘impunità motiva i delinquenti a commettere crimini e demotiva le vittime a denunciarli”, ha commentato Petra Pau. “I crimini antisemiti devono finalmente essere perseguiti in modo coerente”.

Ulteriore preoccupazione è stata espressa in merito a quegli incidenti che non vengono segnalati, che secondo gli esperti rappresentano la maggior parte dei reati antisemiti in Germania.

“Se il tasso di segnalazione di incidenti antisemiti particolarmente gravi, come quelli che comportano violenza fisica, è solo del 20%, l’entità effettiva degli incidenti antisemiti è molto più alta di quanto mostrato dalle cifre”, ha affermato Benjamin Steinitz, direttore della Federal Association. dei Centri di ricerca e informazione per l’antisemitismo (RIAS).

“Se la tendenza continua, il numero totale di crimini antisemiti quest’anno potrebbe nuovamente superare il massimo dell’anno precedente”, ha aggiunto Steinitz.

(Foto: The Begin-Sadat for Strategic Studies)

In Baviera manifestazione in onore di Hess

Intanto è di ieri la notizia, data da The Algemeiner, che un gruppo di circa 150 estremisti di estrema destra e neonazisti ha marciato durante il fine settimana nelle aree residenziali di una città tedesca per una fiaccolata commemorativa del vice di Adolf Hitler, Rudolf Hess, provocando una maggiore dimostrazione di forza da parte dei manifestanti.

I membri e i sostenitori di estrema destra del partito tedesco della “Terza Via” hanno partecipato sabato alla marcia annuale nella città bavarese di Wunsiedel per rendere omaggio al leader nazista dell’era della seconda guerra mondiale, che un tempo era sepolto lì. Secondo un rapporto della polizia locale, circa 250 contro manifestanti hanno risposto scendendo in piazza per manifestare contro l’estremismo di destra.

La tomba di Rudolf Hess a Wunsiedel, poi distrutta

Per decenni, gli estremisti di estrema destra si sono radunati a Wunsiedel per la marcia commemorativa annuale di Hess e per visitare la sua lapide nel cimitero della città. I gruppi neonazisti si riuniscono ancora nella piccola città tedesca, anche se i resti di Hess sono stati riesumati nel 2011 e la sua lapide – che recita “Ich hab’s gewagt” o “Ho osato” – è stata distrutta. La rimozione dei suoi resti ha seguito la disapprovazione dei residenti locali dello status di Wunsiedel come luogo di pellegrinaggio nazista annuale che ha portato a episodi di disordini.

 

Menu