Aeroporto di Ben Gurion : la riapertura ai turisti è stata rimandata al 1 agosto

Variante Omicron, Israele chiude le frontiere per due settimane 

Israele

di Ilaria Ester Ramazzotti
Il governo israeliano, a causa del diffondersi della variante Omicron, nell’ambito delle misure intraprese nella lotta al Covid 19, ha chiuso le frontiere del Paese per 14 giorni a partire dal 29 novembre. Il Primo ministro Naftali Bennett ha dichiarato: “Vogliamo mantenere l’enorme successo nei confronti dell’ondata della variante Delta: un Israele aperto e funzionante, con un’economia funzionante e un sistema educativo attivo con i bambini che vanno a scuola. Questa è la priorità assoluta”, che prevede altresì “uno stretto controllo sulle frontiere.

Per maggiori dettagli, riportiamo di seguito quanto pubblicato a riguardo dalla Farnesina.

Viaggiare in Israele dall’Italia

 

A partire dal 29 novembre (dalla mezzanotte locale tra il 28 e il 29 novembre) e per i successivi 14 giorni ai cittadini stranieri non è consentito l’ingresso in Israele salvo che per coloro che avranno ricevuto un’autorizzazione all’ingresso da parte dell’”Exceptions Committee”.
Si raccomanda di monitorare costantemente il sito del Ministero della Salute israeliano, cui si rimanda per maggiori informazioni.

Per maggiori informazioni:

Ministero della Salute israeliano

Viaggiare Sicuri 

Laboratori per test PCR, antigenici e sierologici

Viaggiare in Italia da Israele

Il Ministero della Salute italiano ha riconosciuto i certificati israeliani di vaccinazione dal COVID (vedi qui modello riconosciuto) come equivalenti a quelli italiani, sia ai fini dell’ingresso in Italia sia come “green pass” per l’accesso in Italia a locali e pubblici esercizi al chiuso, nonché a spettacoli ed eventi.

Inoltre, in base alla normativa italiana, i viaggi in Italia da Israele sono consentiti senza necessità di motivazione, anche per turismo.

Per poter fare ingresso in Italia da Israele senza isolamento fiduciario all’ingresso è necessario:

  1. compilare entro le 24 ore dalla partenza l'”Exit statement” richiesto dalle Autorità israeliane;
  2. presentare al vettore aereo al momento dell’imbarco A) una Certificazione verde COVID-19, o certificato equivalente, che attesti il completamento del ciclo vaccinale e B) un test Covid negativo (antigenico o molecolare) effettuato entro le 72 ore dalla partenza;
  3. compilare obbligatoriamente online il “Passenger Locator Form” (PLF) europeo (compilalo qui).

In caso di mancata presentazione di un certificato comprovante il completamento del ciclo vaccinale è comunque possibile entrare in Italia ma è fatto obbligo di sottoporsi a:

  • test molecolare o antigenico condotto con tampone e risultato negativo, nelle 72 ore precedenti l’ingresso in Italia;
  • isolamento fiduciario e sorveglianza sanitaria (informando la ASL competente per attivare la sorveglianza) presso l’indirizzo indicato nel “PLF”, raggiungibile solo con mezzo privato, per un periodo di cinque (5) giorni;
  • un ulteriore test molecolare o antigenico, condotto con tampone, al termine dei cinque (5) giorni di isolamento.

  

Attenzione!

  • Persone guarite dal Covid-19. In base alla normativa italiana, i guariti dal Covid-19 completano il proprio ciclo vaccinale con un’unica dose di vaccino, che deve essere somministrata preferibilmente entro i 6 mesi e comunque non oltre 12 mesi dalla guarigione.
  • Minori1)Test molecolare o antigenico: tutti i bambini di età inferiore a 6 anni in ingresso in Italia sono sempre esentati da tampone pre-partenza; sopra i 6 anni di età il tampone è obbligatorio. 2)Isolamento: i minori con età inferiore a 6 anni sono esentati dall’obbligo di isolamento se viaggiano con genitore a sua volta esentato dall’isolamento perché in possesso di certificato di vaccinazione; sopra i 6 anni, i minori sono esentati dall’obbligo di quarantena se viaggiano con genitore a sua volta esentato dall’isolamento perché in possesso di certificato di vaccinazione; Tuttavia dovranno sottoporsi a test molecolare o antigenico. In assenza di test, anche se il genitore possiede adeguata certificazione, il minore è comunque tenuto all’isolamento. 

Per maggiori informazioni:

Domande frequenti sui rientri in Italia dall’estero

Domande frequenti sugli spostamenti sul territorio nazionale  

> Principali riferimenti normativi

 

Menu