Dialogo: il Forum delle Religioni a Milano

Di: 

Marina Gersony

17/03/2017 Milano

Forum_ReligioniDomenica 19 marzo 2017, dalle ore 17, al Teatro Alle Colonne di San Lorenzo, si svolgerà il Forum delle Religioni a Milano con i rappresentanti delle varie religioni. L’occasione di questo incontro di festa per l’undicesimo anniversario del Forum, riconferma la volontà delle cinque aree religiose (induista, buddhista, ebraica, cristiana e musulmana) di ritrovarsi unite nel dare una concreta testimonianza della «Spiritualità nella nostra città», tema e titolo dell’incontro di quest’anno. Una semplice ma suggestiva cerimonia simbolica verrà celebrata per dare un segno tangibile di fratellanza e di unità di intenti in una città come Milano, «crocevia di culture e tradizioni diverse, ma soprattutto luogo di persone di ogni dove, affinché voglia essere pienamente partecipe dell’impegno a garantire vivibilità, accoglienza e pace». Infine tutti saranno invitati a condividere in armonia e gioia un piccolo momento conviviale. L’invito aperto a tutti.

Nell’interessante e ormai più che decennale storia del Forum delle Religioni, riassunta sul sito del Forum (http://www.forumreligionimilano.org/BrevestoriadelFRM/tabid/65/Default.aspx), si racconta di come già dagli anni Ottanta, e soprattutto nello scorso decennio, si siano moltiplicate non solo a Milano ma in tutta Italia le iniziative legate agli incontri interreligiosi su temi di comune interesse. Del resto il fenomeno dell’immigrazione e il problema del pluralismo religioso, hanno portato a una progressiva presa di coscienza del ruolo delle religioni in una società sempre più globale e interconnessa.

Le finalità del Forum sono le seguenti:

– Approfondire la mutua relazione e progredire nella reciproca accoglienza, nella conoscenza dei fondamenti teorici e delle prassi di ciascuna comunità.

– Promuovere la cultura del dialogo, della solidarietà e della pace.

– Favorire il confronto sulle tematiche di comune interesse 
in rapporto all’interazione con la società civile.

– Esprimere un punto di riferimento significativo delle tradizioni 
religiose presso gli enti locali e le istituzioni civili

– Promuovere la tutela della libertà di culto, di religione

e di fede e impegnarsi contro ogni forma di discriminazione religiosa.

Guarda gli altri articoli di In primo piano

I commenti sono chiusi.