Parashat Mattot Masè ((Foto: Reuben and Gad Ask for Land, di Arthur Boyd Houghton. Wikimedia)

Parashat Mattot Masè. Il vero leader è colui che cerca di risolvere i conflitti

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Uno dei compiti più difficili di qualsiasi leader, dai primi ministri ai genitori, è la risoluzione dei conflitti. Eppure è anche il più vitale. Dove c’è leadership, c’è coesione a lungo termine all’interno del gruppo, qualunque siano i problemi a breve termine. Dove c’è una mancanza di leadership – dove i leader mancano di autorità, grazia, generosità di spirito e capacità di rispettare posizioni diverse dalle proprie – allora c’è divisione, rancore, maldicenza, risentimento, politica interna e mancanza di fiducia. I veri leader sono le persone che mettono gli interessi del gruppo al di sopra di quelli di qualsiasi sottosezione del gruppo. Si prendono cura e ispirano gli altri a prendersi cura del bene comune.

Ecco perché l’episodio della parashat Mattot è della massima importanza. È iniziato così: gli Israeliti erano all’ultima tappa del loro viaggio verso la Terra Promessa. Si trovavano sulla sponda orientale del Giordano, in vista della loro destinazione. Due delle tribù, Ruben e Gad, che avevano grandi mandrie e greggi di bestiame, sentivano che la terra su cui erano ora accampati era l’ideale per i loro scopi. Era un buon paese per il pascolo. Quindi si avvicinarono a Mosè e chiesero il permesso di rimanere lì piuttosto che prendere la loro parte nel paese d’Israele. Dissero: “Se abbiamo trovato grazia ai tuoi occhi, sia dato questo paese in nostro possesso ai tuoi servitori. Non farci attraversare il Giordano». (Num. 32:5)

Mosè fu immediatamente attento ai rischi. Queste due tribù stavano mettendo i propri interessi al di sopra di quelli della nazione nel suo insieme. Sarebbero stati visti come chi abbandona la sua gente proprio nel momento in cui erano più necessari. C’era una guerra, anzi una serie di guerre, da combattere se gli Israeliti avessero ereditato la Terra Promessa. Come disse Mosè alle tribù: “I vostri compagni israeliti dovrebbero andare in guerra mentre voi siete seduti qui? Perché scoraggiate gli Israeliti dal passare nel paese che il Signore ha dato loro?». (32:6-7). La proposta era potenzialmente disastrosa.

Mosè ricordò agli uomini di Ruben e Gad ciò che era accaduto nell’incidente delle spie. Le spie demoralizzarono il popolo, dieci di loro affermarono di non poter conquistare la terra. Gli abitanti erano troppo forti. Le città erano inespugnabili. Il risultato di quell’unico momento fu quello di condannare un’intera generazione a morire nel deserto e di ritardare l’eventuale conquista di quarant’anni. “Ed ecco voi, una stirpe di peccatori, che state al posto dei vostri padri e che irritate ancora di più il Signore contro Israele. Se ti allontani dal seguirlo, egli lascerà di nuovo tutto questo popolo nel deserto e tu sarai la causa della loro distruzione». (Num. 32:14-15) Mosè era schietto, onesto e conflittuale.

Quello che segue è un esempio di negoziazione positiva e di risoluzione dei conflitti. I Rubeniti e i Gaditi riconoscono le pretese del popolo nel suo insieme e la giustizia delle preoccupazioni di Mosè. Propongono un compromesso: facciamo provviste per il nostro bestiame e le nostre famiglie, dicono, e poi gli uomini accompagneranno le altre tribù attraverso il Giordano. Combatteranno al loro fianco. Andranno anche davanti a loro prevedendoli. Non sarebbero tornati dal loro bestiame e dalle loro famiglie finché tutte le battaglie non sarebbero state combattute, la terra sarebbe stata conquistata e le altre tribù non avrebbero ricevuto la loro eredità. Essenzialmente invocano quello che sarebbe poi diventato un principio della legge ebraica: zeh neheneh vezeh lo chaser, cioè un atto è lecito se “una parte guadagna e l’altra non perde”. Guadagneremo, dicono le due tribù, avendo una terra che è buona per il nostro bestiame, e la nazione nel suo insieme non perderà perché saremo ancora una parte del popolo, una presenza nell’esercito, saremo anche in prima linea e rimarremo lì finché la guerra non sarà vinta.

Mosè riconosce il fatto che hanno accolto le sue obiezioni. Ribadisce la loro posizione per assicurarsi che lui e loro abbiano compreso la proposta e siano pronti a sostenerla. Ne ricava l’accordo un “tenai kaful”, una doppia condizione, sia positiva che negativa: se lo farete questi saranno i vantaggi, ma se non lo farete quelle saranno le conseguenze. Chiede che affermino il loro impegno. Le due tribù erano d’accordo. Il conflitto è stato evitato. I Rubeniti ei Gaditi ottennero ciò che volevano, ma gli interessi delle altre tribù e della nazione nel suo insieme sono stati assicurati. È una lezione esemplare di negoziazione.

La misura in cui le preoccupazioni di Mosè erano giustificate divenne evidente molti anni dopo. I Rubeniti e i Gaditi effettivamente onorarono la loro promessa ai giorni di Giosuè. Il resto delle tribù conquistarono e si stabilirono in Israele mentre (insieme a metà della tribù di Manashe) stabilirono la loro presenza in Transgiordania. Nonostante ciò, in un breve lasso di tempo ci fu quasi la guerra civile.

Il capitolo 22 del Libro di Giosuè descrive come, dopo essere tornati alle loro famiglie e aver stabilito la loro terra, i Rubeniti e i Gaditi costruirono “un altare al Signore” sul lato orientale del Giordano. Vedendo questo come un atto di secessione, il resto degli israeliti si preparò a combattere contro di loro. Giosuè, in un sorprendente atto di diplomazia, mandò Pinchas, l’ex fanatico, ora uomo di pace, a negoziare. Li avvertì delle terribili conseguenze di ciò che avevano fatto creando, in effetti, un centro religioso al di fuori della terra d’Israele. Divisero in due la nazione.

I Rubeniti e i Gaditi hanno chiarito che questa non era affatto la loro intenzione. Al contrario, loro stessi erano preoccupati che in futuro il resto degli israeliti li avrebbe visti vivere attraverso il Giordano e concludere che non volevano più far parte della nazione. Ecco perché avevano costruito l’altare, non per offrire sacrifici, non come rivale del Santuario della nazione, ma semplicemente come simbolo e segno per le generazioni future che anche loro erano israeliti. Pinchas e il resto della delegazione furono soddisfatti di questa risposta e ancora una volta la guerra civile fu scongiurata.

La negoziazione tra Mosè e le due tribù nella nostra parasha segue da vicino i principi a cui è giunto l’Harvard Negotiation Project, enunciati da Roger Fisher e William Ury nel loro testo classico, quattro processi:

1. Separare le persone dal problema. È essenziale che queste vengano eliminate in modo che il problema possa essere affrontato in modo obiettivo.
2. Concentrati sugli interessi, non sulle posizioni. È facile che qualsiasi conflitto si trasformi in un gioco a somma zero: se vinco io, perdi tu. Se vinci, perdo. Questo è ciò che accade quando ti concentri sulle posizioni e la domanda diventa: “Chi vince?” Concentrandosi non sulle posizioni ma sugli interessi, la domanda diventa: “C’è un modo per ottenere ciò che ognuno di noi vuole?”
3. Inventa opzioni per un guadagno reciproco. Questa è l’idea espressa in modo halachico come “zeh neheneh vezeh neheneh”, “Entrambe le parti ne beneficiano”. Ciò avviene perché le due parti hanno solitamente obiettivi diversi, nessuno dei quali esclude l’altro.
4. Insistere su criteri oggettivi. Assicurarsi che entrambe le parti concordino in anticipo sull’uso di criteri oggettivi e imparziali per giudicare se ciò che è stato concordato è stato raggiunto. Altrimenti, nonostante tutto l’apparente accordo, la disputa continuerà, entrambe le parti insistono sul fatto che l’altra non ha fatto quanto promesso.

Mosè tiene conto di tutti e quattro i processi. Innanzitutto separa le persone dal problema chiarendo ai rubeniti e ai gaditi che il problema non ha nulla a che fare con chi sono, e tutto ha a che fare con l’esperienza degli israeliti in passato, in particolare l’episodio delle spie. Indipendentemente da chi fossero le dieci spie negative e da quali tribù provenissero, tutti soffrivano. Nessuno ha guadagnato. Il problema non riguardava questa o quella tribù, ma la nazione nel suo insieme.

In secondo luogo, si è concentrato sugli interessi, non sulle posizioni. Le due tribù sono interessate al destino della nazione nel suo insieme. Se mettono al primo posto i loro interessi personali, Dio si arrabbierà e l’intero popolo sarà punito, compresi i Rubeniti e i Gaditi.

Terzo, i Rubeniti e i Gaditi inventano quindi un’opzione per il reciproco guadagno. Se ci permettete di fare provviste temporanee per il nostro bestiame ei nostri bambini, dicono, non combatteremo solo nell’esercito. Saremo la sua avanguardia. Ne beneficeremo, sapendo che la nostra richiesta è stata accolta. La nazione trarrà vantaggio dalla nostra disponibilità ad assumere il compito militare più impegnativo.

In quarto luogo, vi era un accordo su criteri oggettivi. I Rubeniti e i Gaditi non sarebbero tornati sulla sponda orientale del Giordano finché tutte le altre tribù non si fossero stabilite al sicuro nei loro territori. E così avvenne, come narrato nel libro di Giosuè.

Questo era, in breve, un negoziato modello, un segno di speranza dopo i molti conflitti distruttivi nel libro di Bamidbar, nonché un’alternativa permanente ai molti conflitti successivi nella storia ebraica che hanno avuto esiti così spaventosi.

Nota che Mosè ha successo non perché è debole, non perché è disposto a scendere a compromessi sull’integrità della nazione nel suo insieme, non perché usa parole melliflue ed evasioni diplomatiche, ma perché è onesto, è un uomo di principi e concentrato sul comune bene. Tutti affrontiamo conflitti nella nostra vita. Ecco come risolverli.

Di Rav Jonatan Sacks zl

(Foto: Reuben and Gad Ask for Land, di Arthur Boyd Houghton. Wikimedia)

Menu