Parasha

Parashat Devarim. Il leader come insegnante: l’insegnamento dell’ebraismo

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
È stato uno dei grandi momenti di trasformazione personale e ha cambiato non solo Mosè, ma la nostra stessa concezione della leadership.

Alla fine del libro di Bamidbar, la carriera di Mosè come leader sembrerebbe essere terminata. Aveva nominato il suo successore, Giosuè, e sarebbe stato Giosuè, non Mosè, a guidare il popolo attraverso il Giordano nella Terra Promessa. Ora Mosè sembrava aver raggiunto tutto ciò che era destinato a raggiungere. Per lui non ci sarebbero più battaglie da combattere, né miracoli da compiere, né preghiere da fare a favore del popolo.

È ciò che fece Mosè dopo che porta il segno della grandezza. Per l’ultimo mese della sua vita si fermò davanti al popolo riunito e pronunciò la serie di discorsi che conosciamo come il libro del Deuteronomio o Devarim, letteralmente “parole”. In questi discorsi ha ripercorso il passato delle persone e ha previsto il loro futuro. Ha dato loro delle leggi. Alcune le aveva date prima, ma in una forma diversa. Altre erano nuove, aveva ritardato ad annunciarle fino a quando la gente stava per entrare nel paese. Collegando tutti questi dettagli della legge e della storia in un’unica visione globale, Mosè insegnò alla gente a considerarsi un am kadosh, un popolo santo, l’unico il cui sovrano e legislatore era Dio stesso.

Se qualcuno che non sapeva nulla dell’ebraismo e del popolo ebraico ti chiedesse un unico libro che spieghi sia chi sono gli ebrei sia perché fanno quello che fanno, la risposta migliore sarebbe Devarim. Nessun altro libro racchiude e drammatizza così tutti gli elementi chiave dell’ebraismo come fede e stile di vita.

Attraverso i discorsi che leggiamo nel libro di Devarim, Mosè diede al popolo il suo Perché. Sono il popolo di Dio, la nazione sulla quale ha posto il suo amore, il popolo che ha liberato dalla schiavitù e ha dato, nella forma dei comandamenti, la costituzione della libertà. Possono essere piccoli ma sono unici. Sono le persone che, in se stesse, testimoniano qualcosa al di là di se stesse. Sono le persone il cui destino sfiderà le normali leggi della storia. Altre nazioni, dice Mosè, riconosceranno la natura miracolosa della storia ebraica…

Nell’ultimo mese della sua vita Mosè cessò di essere il liberatore, il taumaturgo, il redentore, e divenne invece Moshe Rabbeinu, “Mosè, il nostro maestro”. È stato il primo esempio nella storia del tipo di leadership in cui gli ebrei si sono distinti: il leader come insegnante.

Mosè sapeva sicuramente che alcuni dei suoi più grandi successi non sarebbero durati per sempre. Le persone che aveva salvato un giorno avrebbero sofferto di nuovo l’esilio e la persecuzione. Non avrebbero avuto un Mosè che avrebbe fatto miracoli. Così ha piantato una visione nelle loro menti, la speranza nei loro cuori, una disciplina nelle loro azioni e una forza nelle loro anime che non sarebbe mai svanita. Quando i leader diventano educatori, cambiano la vita.

In un potente saggio, “Chi è adatto a guidare il popolo ebraico?” Il rabbino Joseph Soloveitchik ha messo in contrasto l’atteggiamento ebraico nei confronti di re e insegnanti come tipi di leadership. La Torah pone severi limiti al potere dei re. Non devono moltiplicare l’oro, né le mogli, né i cavalli. Al re è comandato “di non considerarsi migliore dei suoi compagni israeliti, né di deviare dalla legge a destra oa sinistra” (Dt 17:20).

Un re doveva essere nominato solo su richiesta del popolo. Secondo Ibn Ezra, la nomina di un re era un permesso, ma non un obbligo. Abarbanel riteneva che fosse una concessione alla fragilità umana. Rabbeinu Bachya considerava l’esistenza di un re una punizione, non una ricompensa. In breve, l’ebraismo è nella migliore delle ipotesi ambivalente riguardo alla monarchia, cioè, sulla leadership come potere.

D’altra parte, la sua considerazione per gli insegnanti è quasi illimitata. “Lascia che la paura del tuo maestro sia come la paura del cielo”, dice il Talmud. Il rispetto e la riverenza per il tuo insegnante dovrebbero essere maggiori anche del rispetto e della riverenza per i tuoi genitori, raccomanda Rambam, perché i genitori ti mettono in questo mondo, mentre gli insegnanti ti danno l’ingresso nel mondo a venire.

Quando qualcuno esercita potere su di noi, ci sminuisce, ma quando qualcuno ci insegna, ci aiuta a crescere. Ecco perché l’ebraismo, con la sua acuta preoccupazione per la dignità umana, favorisce la leadership come educazione rispetto alla leadership come potere. E cominciò con Mosè, alla fine della sua vita.

Per ventidue anni, come rabbino capo, ho portato con me la seguente citazione di uno dei più grandi leader del movimento sionista, il primo Primo Ministro israeliano, David Ben-Gurion. Sebbene fosse un ebreo laico, era abbastanza storico e studioso della Bibbia per comprendere questa dimensione della leadership, e lo disse con parole eloquenti:

Sia che tu ricopra un umile ufficio in un comune o in un piccolo sindacato o un alto ufficio in un governo nazionale, i principi sono gli stessi: devi sapere cosa vuoi ottenere, essere sicuro dei tuoi obiettivi e avere questi obiettivi costantemente in mente. Devi fissare le tue priorità. Devi educare il tuo partito e devi educare il pubblico più ampio. Devi avere fiducia nel tuo popolo, spesso maggiore di quanto ne abbia in se stesso, perché il vero leader politico conosce istintivamente la misura delle capacità dell’uomo e può spingerlo a esercitarle nei momenti di crisi. Devi sapere quando combattere i tuoi avversari politici e quando segnare il tempo. Non devi mai scendere a compromessi su questioni di principio. Devi essere sempre consapevole dell’elemento tempismo, e questo richiede una consapevolezza costante di ciò che sta accadendo intorno a te: nella tua regione se sei un leader locale, nel tuo paese e nel mondo se sei un leader nazionale. E poiché il mondo non si ferma mai un attimo, e lo schema del potere cambia i suoi elementi come il movimento di un caleidoscopio, devi costantemente rivalutare le politiche scelte verso il raggiungimento dei tuoi obiettivi. Un leader politico deve dedicare molto tempo a pensare. E deve dedicare molto tempo ad educare il pubblico, e ad educarlo di nuovo.

Gli insegnanti sono i costruttori non riconosciuti del futuro, e se un leader cerca di fare un cambiamento duraturo, deve seguire le orme di Mosè e diventare un educatore. Il leader come insegnante, usando l’influenza non il potere, l’autorità spirituale e intellettuale piuttosto la forza coercitiva, fu uno dei più grandi contributi che il giudaismo abbia mai dato agli orizzonti morali dell’umanità e può essere visto più chiaramente nel Libro di Devarim, quando Mosè per l’ultimo mese della sua vita convocò la generazione successiva e insegnò loro leggi e lezioni che sarebbero sopravvissute e ispirate, finché ci fossero esseri umani sulla terra.

Di rav Jonathan Sacks

Menu