L’ultima novità per il ringiovanimento della pelle viene da Israele

Salute

di Marina Gersony

Niente più punturine, lividi, ematomi, filler che gonfiano, fronti imbalsamate dal botulino che rendendo il volto artefatto e innaturale. Perché la pelle può essere rigenerata senza bisturi e infiltrazioni, ridando tono ai contorni del volto e tensione alla pelle del collo stimolando il collagene e i fibroplasti con tecniche sempre più sofisticate e all’avanguardia che consentono risultati estremamente piacevoli e naturali.

Dvora Ancona

Parola della Dottoressa Dvora Ancona, da anni impegnata a studiare con impegno e utilizzare nuove strategie terapeutiche, prodotti e tecnologie per la cura del viso, del corpo e dell’invecchiamento.  Nata a Haifa, specialità in maxillo-facciale, è considerata pioniera e punto di riferimento in fatto di Medicina estetica e tecniche anti-aging.

«Sono stati fatti passi da gigante nel campo della Medicina estetica – osserva la Dottoressa –. Oggi, grazie a procedure sempre meno invasive, dalla sicurezza comprovata e senza impatto sociale post-trattamento, è possibile raggiungere risultati eccellenti non solo legati all’aspetto estetico, ma anche al benessere psicologico e fisico. Si tratta di metodiche rese possibili grazie a tecnologie altamente performanti e di ultimissima generazione. Il mio studio è costantemente in contatto con centri medici in tutto il mondo di alto profilo, al fine di migliorare la diffusione della conoscenza scientifica. L’ultima novità per il ringiovanimento della pelle proviene ancora una volta da Israele, da sempre all’avanguardia in questo settore».

Una novità che la Dottoressa Ancona ha presentato alla stampa nei giorni scorsi presso il suo studio milanese di Medicina Chirurgia Estetica Rigenerativa, dove ha invitato un’equipe di specialisti israeliani per una dimostrazione.

«Siamo venuti per introdurre questa tecnologia che sta rivoluzionando il settore del Beauty – racconta Michal Gliks, giovane product manager e responsabile prodotti della E.S.I Novel, azienda specializzata in dispositivi di Medicina Estetica e nello sviluppo di idee per nuove tecnologie che migliorano la vita –. E.S.I Novel è una realtà che fa parte di Essence Group, leader globale in ambito tecnologico, fondato nel 1994 dal Dottor Haim Amir, che da oltre un quarto di secolo progetta e crea soluzioni di sicurezza e assistenza sanitaria per cliniche, centri benessere ed estetici attraverso varie società. Sfruttando i 25 anni di esperienza del Gruppo, E.S.I Novel ha sviluppato quindi un nuovo dispositivo che si chiama JÓLI360™, tra le soluzioni estetiche più innovative che si posizionano in prima linea nel mondo professionale della bellezza».

In cosa si distingue JÓLI360™ rispetto ad altre tecnologie e quali sono le sue funzioni?

«Con questa tecnologia – sostiene Dvora Ancona – grazie alla mano competente del medico si possono trattare pelli di ogni età, anche le più delicate e sensibili, mettendole nella condizione ideale per essere quindi sottoposte ad eventuali trattamenti estetici più specifici, per esempio macchie cutanee, iperpigmentazioni e inestetismi vari. Non solo: il bello di questo trattamento è che è completamente indolore, non lascia rossori e irritazioni, può essere fatto da un terapista che viene a domicilio, soluzione ideale soprattutto in questo periodo di Covid in cui la gente è meno disposta a spostarsi. È fondamentale tuttavia che sia sempre un medico chirurgo o del personale medico specializzato ad effettuare questo tipo di trattamento – precisa Dvora Ancona – perché questa tecnologia presuppone una preparazione per poi decidere ogni volta un protocollo personalizzato. Le caratteristiche della cute non sono uguali per tutti, così come le imperfezioni e il grado di lassità generale sono differenti da paziente a paziente, fattori importanti da tenere in considerazione per decidere di volta in volta la modalità d’intervento più adeguata».

Ogni trattamento dura circa mezz’ora, non è doloroso, per vedere degli ottimi risultati sono necessarie circa sei/sette sedute con la frequenza di una alla settimana. Costo di ogni seduta, intorno ai 120 euro.

«In termini tecnici – aggiunge Michal Gliks – JÓLI360™ è un’apparecchiatura medico-estetica da abbinare a prodotti cosmetici up to date, ossia una sinergia mirata al ringiovanimento della pelle IoT avanzata che combina più capacità grazie a un sistema operativo che funziona con tablet touch screen, consentendo la gestione, l’analisi e il controllo end-to-end dei clienti. (IoT, acronimo di Internet of Things, è una rete di dispositivi connessi che possono comunicare tra loro e fornire dati agli utenti tramite Internet, ndr).

In parole povere, questo dispositivo consente al medico di procedere con una serie di trattamenti e misurazioni denominati in gergo medico Level Laser Therapy (LLLT), Bi-Polar Radio Frequency (RF) ed Electroporation Treatment (ELP); in pratica si tratta di un primo trattamento studiato per favorire il ringiovanimento della pelle aumentando la produzione di collagene senza distruggere l’epidermide; un secondo trattamento per stimolare la formazione di nuovo collagene migliorandone l’allineamento, lo spessore e la consistenza per ottenere una luminosità giovanile e infine una tecnica microbiologica che grazie all’applicazione di un impulso elettrico, aumenta l’efficienza di penetrazione dei principi attivi.

VIDEO: https://www.youtube.com/watch?v=mThr5_oMpgc

Come si legge in un articolo a firma di Fiona Diwan, pubblicato su questo stesso sito alcuni anni fa, la prevenzione, la cura e l’attenzione al proprio aspetto esteriore sono fattori molto importanti per vivere in armonia con noi stessi e il mondo che ci circonda. Un valore, o meglio, un’indicazione di vita, suggerita anche nei testi più sacri dell’ebraismo: nella visione ebraica, fin dai tempi più antichi, la donna ha il diritto-dovere di curare se stessa e di rendersi attraente agli occhi del proprio marito, facendo di tutto per essere in ordine. Va da sé che, da un punto di vista psicologico, se una donna piace a se stessa diviene anche più sicura di sé, più propositiva e audace nei confronti dell’uomo o marito. Piacersi per poter piacere: tutto ciò non favorisce forse il benessere di coppia e l’armonia coniugale e di conseguenza quella che chiamiamo shalom-bait, la pace domestica? Nel mondo ebraico la seduttività, la bellezza non sono mai state sanzionate, al contrario, abbiamo il dovere di curare il nostro aspetto e renderlo gradevole e attraente. Ma attenzione: non dobbiamo confondere la cura di sé con l’esibizione di sé, la ricerca della bellezza con la sua esibizione.

Insomma, essere piacevoli e attraenti in modo semplice, curato e naturale.

Menu