Un Boing 767 di El-Al

“Come sventammo un attentato su un aereo per Tel Aviv nell’86”: 35 anni dopo gli agenti di sicurezza raccontano

di Ilaria Myr
Il 17 aprile 1986, un volo El Al da Londra a Tel Aviv fu l’obiettivo di un attentato programmato che avrebbe potuto uccidere tutti i passeggeri a bordo, inclusa la donna incinta che trasportava, inconsapevolmente, l’esplosivo che il suo fidanzato giordano le aveva dato.

Trentacinque anni dopo, due agenti di sicurezza che avevano contribuito a scongiurare il disastro hanno parlato dei fatti in un’intervista andata in onda venerdì 9 aprile in televisione, al canale israeliano Arutz 13. Lo rirpota il The Times of Israel.

Yossi Orbach, all’epoca agente di sicurezza all’aeroporto di Londra (foto: screenshot da Arutz 13)

Una normale donna incinta

Il volo El Al 016, da New York a Tel Aviv, fece scalo all’aeroporto di Heathrow a Londra prima di decollare per la sua destinazione finale.

Yossi Orbach, allora guardia di sicurezza El Al a Londra, racconta alle telecamere di Channel 13 che “era una normale giornata di aprile a Londra”, descrivendo il clima tiepido e piacevole e ricordando che aveva previsto una tranquilla giornata di lavoro. “Non avevamo avvisi di intelligence e non eravamo assolutamente pronti per quello che sarebbe successo”, ha continuato. Gli agenti avevano iniziato il controllo dei passeggeri, interrogando i viaggiatori che si erano imbarcati sul volo per lo stato ebraico.

Anne-Marie Murphy, un’irlandese di 32 anni, incinta di 6 mesi, si era presentata al check-in. “È arrivata relativamente presto per il volo. L’area check-in, se ricordo bene, era quasi vuota ”, ha commentato Ofer Argov, che ha lavorato anche nel team di sicurezza.

La prima impressione di Orbach era stata che Murphy fosse un passeggero abbastanza normale: una donna incinta dai capelli biondi sui trent’anni. Non l’avrebbe mai vista come una persona in grado di svolgere attività terroristiche, dice.

“È venuta da noi con un bagaglio facile da registrare: una piccola borsa con un piccolo portafoglio”, aggiunge nel rapporto.

Il giordano Nezar Hindawi e Anne-Marie Murphy, che trasportava inconsapevolmente l’esplosivo

I sospetti

Ofer Argov, che all’epoca aveva appena assunto il suo posto a Londra, aveva iniziato a farle le domande che di solito si fanno ai passeggeri che si imbarcano su un volo di una compagnia israeliana: ha fatto i bagagli lei stessa? Li aveva preparati da sola? Qualcuno le ha dato qualcosa da trasmettere una volta arrivata in Israele? Argov dice che all’inizio non si era accorto che fosse incinta.

“È stata una delle prime cose che mi ha detto: mi ha fatto sapere che aspettava un bambino. Mi ha anche detto che lavorava all’Hilton Hotel, come cameriera. Le ho chiesto se sarebbe rimasta in Israele e lei mi ha detto che sarebbe andata all’Hilton Hotel di Betlemme [in Cisgiordania]”, ricorda Argov.

“Non c’è nessun Hilton a Betlemme”, ribatté Orbach. D’altra parte, “non avrei fatto un grosso problema” nel vedere una persona non ebrea venire a Betlemme, confida davanti alle telecamere.

Argov dice di aver poi interrogato Murphy su quanti soldi avesse in suo possesso e se sarebbe stato sufficiente per entrare nello Stato ebraico. “Mi ha detto che aveva 50 sterline inglesi con lei”, ha detto. Ha anche aggiunto che aveva una carta di credito che le avrebbe permesso di prelevare denaro in Israele se ne avesse avuto bisogno.

“Così ho avuto questa donna di fronte a me che mi diceva che sarebbe rimasta all’Hotel Hilton di Betlemme – un hotel che non esiste – e che aveva da 50 a 100 sterline per il viaggio. E a me sembrava folle, avevo la sensazione che ci fosse qualcosa di sbagliato in questa storia “, osserva Argov.

Tutte le risposte di Murphy dovevano essere “normali”, ha sostenuto Argov. “Ofer le aveva fatto delle domande e lei aveva risposto”, specifica Orbach, che nota che la giovane donna era molto calma.

Le guardie di sicurezza sono addestrate a rilevare i segnali presentati da una persona che sa di essere sul punto di commettere un crimine o un attacco. Ma Murphy non aveva idea che stesse trasportando qualcosa di pericoloso.

Successivamente è stato rivelato che Murphy aveva una relazione romantica con un cittadino giordano, Nezar Hindawi, che l’aveva abbandonata dopo l’annuncio della sua gravidanza.

Ofer Argov (Arutz 13)

Una relazione pericolosa

E alla fine – e all’improvviso – Hidawi era tornato da lei e si era offerto di sposarla in Israele. Murphy, ingenua, aveva accettato. Ma Hindawi stava cercando di utilizzare la giovane donna come un kamikaze involontario e in seguito ha affermato di essere stato addestrato dai servizi di intelligence siriani che gli avevano dato istruzioni.

Hindawi aveva detto a Murphy che non sarebbe stato in grado di salire a bordo dello stesso volo, spiegando che, poiché era un arabo, ci sarebbe voluto più tempo per rilasciargli un visto. Le aveva anche detto di non menzionare la loro relazione sentimentale in quanto una simile rivelazione avrebbe potuto crearle ulteriori problemi con la sicurezza dell’aeroporto. Aveva portato Murphy a Heathrow e l’aveva lasciata con la borsa piena di esplosivo che, secondo il timer, sarebbe esplosa a mezz’aria.

L’attentato sventato

Per il personale di sicurezza, Murphy sembrava, sulla carta, un normale passeggero. Le sue borse erano già state approvate, ma sentendosi a disagio, il team di sicurezza di El Al ha deciso di farle nuovamente scansionare.

“Lo scanner a raggi X mi ha detto senza alcuna ambiguità che non c’era nulla”, ricorda Orbach. Tuttavia, provando una paura tremenda, decise di aprirlo. Una volta tolti gli oggetti non importanti, la borsa sembrava ancora pesante. Ed era lì, dietro una cucitura, che Orbach aveva scoperto qualcosa avvolto in adesivo marrone.

“Ho pensato prima ai narcotici”. Aveva afferrato questo strano pacco, senza rendersi conto che era una bomba. “Ero in una sorta di diniego mentale: non poteva essere una bomba. Il passeggero era già stato controllato”, ricorda di aver pensato.

Rimuovendo con attenzione il nastro, Orbach vide un oggetto “grasso e arancione”. “Questa è la prima lezione che ti viene data nel campo degli esplosivi”, spiega.

Orbach ha immediatamente avvertito una guardia di sicurezza di Heathrow, dicendogli “Penso che abbiamo trovato una bomba, dobbiamo evacuare il terminal”.

La bomba consisteva in 1,5 chilogrammi di esplosivo. Secondo il timer automatico, l’aereo del tipo Boeing 767-200ER doveva esplodere a metà volo. Avrebbe trasportato 370 persone.

Murphy era rimasta inorridita nello scoprire che il suo futuro marito aveva tentato di trasformarla in un attentatore suicida. Durante l’interrogatorio, ha dato il nome Hindawi ai responsabili e le forze di sicurezza britanniche hanno immediatamente iniziato a cercare il sospetto.

Quando si diffuse la notizia del fallito complotto, Hindawi si recò inizialmente all’ambasciata siriana per trovare rifugio. Alla fine si arrese alla polizia britannica.

Lo Stato ebraico incolpò la Siria per il tentato attacco terroristico, con l’allora primo ministro Shimon Peres che osservò che gli agenti di sicurezza avevano “impedito una guerra su vasta scala tra Israele e Siria”.

Hindawi fu condannato a 45 anni di prigione mentre Murphy fu rilasciata dopo che gli inglesi si erano resi conto che era stata manipolata dal terrorista giordano.

Più tardi avrebbe detto che l’unica cosa buona uscita da questa relazione romantica era stata sua figlia, Sara.

 

Menu