Misteri, segreti e antica sapienza ebraica, nel nuovo libro di Kefir “La scienza dei Sigilli di Re Salomone”

Libri

di Roberto Zadik

 

Personaggio versatile e vivace, l’israeliano Joseph Kefir, 58 anni da molti anni si occupa di Cabala e di studi esoterici con passione e talento e giovedì 18 maggio, presso la Libreria Sentieri del Vento,  ha presentato il suo “La scienza dei sigilli di Re Salomone” (pp. 250, Psiche 2, 20 euro). Al centro di seminari, conferenze e serate molto affollate anche qui a Milano oltre che in varie città italiane, Kefir ha pubblicato questo volume, tradotto da Sylvia Sabbadini (con lui nella foto) dall’ebraico correggendo i libri sullo stesso argomento che come ha evidenziato lo studioso “erano sbagliati e interpretati con diversi errori e fraintendimenti rispetto ai Sigilli e ai loro poteri reali”.

Presentato oltre che dalla Sabbadini, che viene da una famiglia romana di stampatori di lunga tradizione e che attualmente organizza eventi, dopo anni di lavoro presso la Comunità ebraica milanese, dalla giornalista Maria Luisa Bonacchi, l’evento ha visto anche la partecipazione dell’ente del Turismo israeliano e del direttore Avital Kotzer Adari e di Maria Grazia Falcone addetta all’Ufficio Stampa che hanno presentato il prossimo viaggio dal 15 al 20 giugno in Israele sulle tracce di Re Salomone. Cominciando dall’intervento della Bonacchi ha evidenziato come Kefir “sia una cerniera fra il terzo millennio e i suoi studi cabalistici ereditati da sua nonna che era una rinomata cabalista e guaritrice nota in tutta Gerusalemme”.

Ma quali sono questi Sigilli e quali i benefici? E com’è nato questo libro? Come ha spiegato Kefir “ogni Sigillo è collegato a un simbolo e a una lettera ebraica ben precisi e ognuno può utilizzarli a seconda dei suoi desideri e delle sue problematiche. Un modo di entrare in contatto con la dimensione più spirituale e con le sfere più elevate.  Ma com’è nato questo interessante libro? “Il testo” ha ricordato la Sabbadini “è il risultato di un meticoloso lavoro di traduzione e di interpretazione e della grande amicizia fra me e Joseph, nata alcuni anni fa, dopo l’incontro allo stand di Israele alla Fiera dell’Artigianato. Fin da subito ci sono state una serie di coincidenze molto positive e dettate dall’Alto. Casualmente mi sono occupata del grande Re Salomone prima di conoscere Kefir e la mia tesi di laurea in Archeologia era proprio su di lui anche se all’epoca non sapevo molto dei Sigilli”. Le coincidenze, ha evidenziato non finiscono qui. “Erano diversi anni che volevamo scrivere questo libro e abbiamo iniziato la stesura del testo un anno e mezzo fa e Joseph è un grande divulgatore della saggezza antica e di spiritualità. A proposito di Re Salomone, anni fa a casa di mio padre, fra i tantissimi libri presenti nella sua vastissima biblioteca c’era un libro La clavicola di Re Salomone del 1928. Questo è un ulteriore segnale che con questo libro sono al posto giusto nel momento giusto”.

Successivamente è stata la volta di Kefir che ha raccontato aneddoti interessanti su quando “a 17 anni dopo aver raccolto un po’ di soldi dopo il Bar Mitzvà  ho subito sentito una grande attrazione per l’Italia e ho deciso di andare a Roma  e lì ho vissuto lì le mie prime esperienze esoteriche iniziando la mia attività negli anni e i miei studi mentre lavoravo in un’azienda di marketing, come co-fondatore di Ikea in Israele e nell’ambito imprenditoriale e mi occupavo di tutt’altro”. Con grande capacità di comunicazione che lo contraddistingue lo studioso ha sottolineato che “si tratta di un libro importante per diversi motivi. Per fare chiarezza su un argomento sul quale in Italia c’è molta confusione e ignoranza e ho visto varie traduzioni mal interpretate dal latino. Ho notato che qui tutti vogliono occuparsi di magia, ma questa non è assolutamente magia è una sapienza antica che si basa sulla tradizione ebraica. I sigilli sono dei tramiti per entrare in  comunicazione con gli angeli e con un mondo che sulla terra ci sembra sconosciuto. Stiamo vivendo un periodo storico molto particolare e questi sigilli possono essere di grande aiuto sia individualmente che collettivamente”.

Si tratta di un testo molto affascinante e pratico, che collega religione e esoterismo, spiritualità e mistero  e che permette al lettore di conoscere  la storia di re Salomone, e la  sua immensa sapienza e i poteri di questi sigilli impregnati di codici mistici e fonti di energia soprannaturale. I  Sigilli  sono stati realizzati con estrema accuratezza e che proteggono da povertà, malattie, che aiutano fertilità er Kefir tutto l’anno viaggia fra Italia e Israele incontrando persone, tenendo seminari e conferenze e spiegando al grande pubblico le proprietà benefiche e curative di quetsi oggetti. “E’ importante” come ha concluso Kefir “che si tratta di un qualcosa di molto serio e utile per tutti noi, che c’è bisogno di connettersi col Divino e con la sfera spirituale, scegliendo il sigillo giusto. Non si è trattato semplicemente della presentazione di un libro ma durante l’evento, la Direttice dell’Ente del Turismo israeliano Avital Kotzer Adari ha presentato un entusiasmante viaggio in Israele che dal 15 al 20 giugno, organizzato assieme all’agenzia di viaggi Passenger permetterà ai partecipanti di visitare luoghi suggestivi e poco conosciuti dal turismo di massa, come Tzfat o Tiberiade, riscoprendo o conoscendo posti incantevoli e densi di spiritualità sulle orme di Re Salomone e della sua sapienza.

Per maggiori sui sigilli e sul libro: www.sigillidibenessere.com

Menu