Da Roma a Gerusalemme un dialogo nell’arte

Arte

Prosegue la quinta edizione di ContainerArt

È partita il 22 novembre, e proseguirà fino al 2 dicembre, la quinta edizione di ContainerArt, la manifestazione di arte contemporanea e d’avanguardia ideata e curata da Ronald Lewis Facchinetti. L’evento consiste nell’allestimento di quattordici containers animati da installazioni, opere video, fotografie e sculture realizzati dai più innovativi artisti contemporanei, e collocati nelle maggiori piazze romane.

Il tema culminante della rassegna, organizzata in co-produzione con Zone Attive, è l’incontro tra Roma e Gerusalemme, un momento di scambio e interazione durante il quale i rappresentanti religiosi, politici e culturali delle due città sacre si incontreranno in una sorta di “teletrasporto”, dando vita ad un dialogo tra culture e ad un significativo gemellaggio ottenuto attraverso l’arte.

ContainerArt arriva a Roma dopo essere passato, nelle scorse edizioni, a Bergamo e Varese, New York e Genova, e promuove il progetto I Am You, ideato per costruire un’interazione costituita dalla visione dell’artista tra persone e pensieri differenti, ed offrendo la possibilità al pubblico di comunicare, tramite l’installazione artistica e una connessione internet, con un altro container remoto. In questo modo, l’opera d’arte si trasforma in un metodo per identificarsi e confrontarsi con chi si trovi, nello stesso istante, in una realtà analoga ma in un luogo diverso, sia nella stessa città che in nazioni diverse.

I luoghi espositivi romani sono Villa Borghese, Piazza Risorgimento, Piazza della Repubblica, Piazza S. Maria in Trastevere, Piazza della Chiesa Nuova, Mattatoio di Testaccio.

Nel corso della manifestazione, verranno organizzati ogni sera concerti, eventi, laboratori e aperitivi in compagnia di artisti e giovani creativi. Inoltre, il container di Dot Dot Dot, in piazza Risorgimento, collegato continuamente con la Porta di Jaffa di Gerusalemme, offrirà al pubblico orari speciali e parteciperà a due notti bianche.

Informazioni dettagliate su www.containerart.org

Menu