Walker Meghnagi Presidente. Via ai lavori del nuovo Consiglio

di Roberto Zadik

Tre settimane dopo le elezioni, si ricomincia, col nuovo Consiglio composto da vecchi e nuovi volti riunitisi per l’occasione dell’insediamento, della nomina del Presidente e della composizione della Giunta, attorno a un tavolo nell’Aula Magna. Serata importante, il 3 luglio, per ripartire da zero, come si suol dire “tabula rasa”, assieme a Daniele Cohen, che ha condotto la seduta, al Segretario Generale Alfonso Sassun e al Rabbino Capo Rav Alfonso Arbib.

Nessuna sorpresa per la presidenza: Stefano Jesurum ha formalmente avanzato la proposta e con 18 voti e una scheda bianca, Walker Meghnagi è stato eletto e acclamato. Come aveva promesso in campagna elettorale, il suo governo non è monocolore. La squadra che si è scelto prevede infatti Raffaele Besso alle Finanze, Rami Galante al Culto, Daniele Schwarz alla Scuola, Joseph (Ico) Menda alla Comunicazione e ai Giovani, Daniele Cohen alla Cultura e Claudio Gabbai ai Servizi Sociali. Questi ultimi due assessori, della lista Ken 2.0, ricoprivano gli stessi incarichi anche nel precedente Consiglio. Daniele Cohen è stato nominato anche Vicepresidente Vicario.

Ma proseguiamo con la cronaca della Serata.

I Consiglieri: alcuni riconfermati dopo le urne, come il neo presidente Walker Meghnagi, Daniele Nahum, Gad Lazarov, Simone Mortara, Claudio Gabbai, Stefano Jesurum e Raffaele Turiel, Guido Osimo, Rami Galante. Altri invece hanno partecipato per la prima volta come Ruben Gorjian, Joseph Menda, Vanessa Alazraki, Afshin Kaboli, Davide Hazan, Raffaele Besso, dimessosi dalla carica di tesoriere del Keren Hayesod, Ruben Nassimiha, Daniele Schwarz  e Claudia Terracina. Riassumendo, dunque, è stata una serata intensa, densa di novità e di notizie.

Prima fra tutte il ringraziamento da parte di Daniele Cohen a nome del Consiglio al presidente uscente Roberto Jarach; poi la lettura della lettera che il sindaco Giuliano Pisapia ha inviato a Jarach che ha “espresso il suo apprezzamento per l’impegno dimostrato in questi anni”. Subito dopo si è passati all’Ordine del giorno e all’elezione del presidente Walker Meghnagi che prima delle votazioni ha tenuto un breve e incisivo discorso. Ribadendo la propria volontà di “collaborare con tutti quanti, nessuno escluso, soprattutto in questo momento di difficoltà, cercando di far avvicinare gli iscritti della Comunità che si sono allontanati, impegnandoci a trovare una soluzione ai problemi senza che si arrivi a uno scontro, nessuno vince e nessuno perde. Ognuno deve rispettare l’altro pur avendo delle idee diverse da lui”. Dopo queste precisazioni, Meghnagi, ha tracciato alcune linee fondamentali del suo programma stabilendo che “il rigore è importante e proseguiremo nella linea del precedente Consiglio. Ad esempio nel pagamento dei contributi o delle rette scolastiche, chi può pagare deve pagare, senza per questo scadere negli eccessi delle commissioni Esatri. Mentre passando al culto, tutte le decisioni in materia di Halakhà spettano al Rabbino Capo”. A questo proposito, Rav Arbib ha augurato un “behatzlachà” (buona fortuna) al nuovo Consiglio riflettendo sulle difficoltà di vivere in una comunità e di come la parola “am Israel” abbia dei collegamenti con la radice del termine “im” (con) in un legame fra l’essere ebreo e lo stare insieme intesi come comunità.

Proseguendo fra gli interventi, il neo presidente ha ringraziato il consigliere Daniele Cohen, per  “l’ottimo lavoro svolto come assessore alla cultura, non c’è futuro senza passato e per tutti noi la storia e la cultura hanno un valore fondamentale” così come si è complimentato con Milo Hasbani e per il suo lavoro svolto nel campo della kasherut, con la decisione di vendere carne kasher a prezzi calmierati; “la decisione più importante degli ultimi vent’anni”, ha sottolineato Meghnagi.

Successivamente, dopo l’elezione del Presidente seguita dagli applausi dei presenti in sala, il consigliere Simone Mortara ha preso la parola ribadendo la necessità di mettersi a un tavolo “non nascondendo le differenze e lavorando tutti assieme elaborando soluzioni concrete e operative”. Proprio in nome di questo principio si è passati a un altro punto decisamente delicato del Consiglio, l’attribuzione delle deleghe in Giunta, e i relativi assessorati dalle quali il consigliere Stefano Jesurum leggendo il suo discorso, preparato per iscritto, ha deciso di astenersi “Non credo invece nelle sovrapposizioni di ruoli, non credo nelle bacchette magiche – fatte soltanto di buone intenzioni. Non credo nell’annullamento di sé per qualsivoglia bene più o meno supremo.  Non è un segreto che la proposta che avevo fatto ai miei amici di lista era una astensione costruttiva, la non partecipazione al governo, e la collaborazione tenace e concreta con la nuova Giunta legittimata e richiesta dalle urne. Ciascuno di noi per le proprie competenze avrebbe lavorato con i neo assessori mettendo a disposizione della Comunità la nostra esperienza, il nostro tempo e il nostro impegno. Quale migliore dimostrazione di collaborazione? Quale via più concreta per camminare insieme verso una gestione condivisa? E però ognuno al suo posto, senza confusioni di ruoli”, ha dichiarato.

Proposte dal Presidente e votate dal Consiglio, 18 voti ciascuno (17 a Raffaele Besso)  le nomine sono dunque state: Raffaele Besso alle Finanze, Rami Galante al Culto, Daniele Schwarz alla Scuola, Joseph (Ico) Menda alla Comunicazione e ai Giovani, Daniele Cohen alla Cultura e Claudio Gabbai ai Servizi Sociali.

Dopo le nomine, il Consiglio si è brevemente dedicato all’approvazione di due delibere già decise dal precedente Consiglio, che andavano ratificate: la vendita di un immobile in via Beatrice d’Este e l’accettazione della donazione da parte della Fondazione Safra di 750mila euro. Poi la Giunta si è riunita, con tutti i consiglieri ma senza pubblico, per attribuire le deleghe fuori Giunta.

Ecco dunque tutti gli incarichi:

Incarichi Di Giunta

Presidente: Walker Meghnagi

Assessore alla Cultura e Vicepresidente Vicario: Daniele Cohen

Assessore al Culto e Vicepresidente:  Rami Galante

Assessore alle Finanze: Raffaele Besso

Assessore alla Casa di Riposo ed ai Servizi Sociali: Claudio Gabbai

Assessore alle Scuole: Daniele Schwarz

Assessore Comunicazione e Giovani Joseph Menda

Deleghe e Vice-Assessorati

Delega al Personale:  Claudia Terracina

Delega ai Tributi: Gad Lazarov

Delega al Rapporto con gli Iscritti: Guido Osimo

Delega ai Rapporti Istituzionali: Daniele Nahum

Delega alla Protezione Civile: Ruben Gorjian

Delega ai Rapporti conl’Ucei: Raffaele Turiel

Vice Assessore Scuole e Delega Sussidi: Davide Hazan

Vice Assessore al Culto: Davide Nassimiha

Vice Assessore Casa di Riposo ed ai Servizi Sociali: Vanessa Alazraki

Delega ai Giovani: Ruben Gorjian, Afshin Kaboli, Simone Mortara, Gad Lazarov

Nell’ambito delle suddette deleghe, la Giunta stabilirà successivamente i membri permanenti di Giunta in modo da assicurare la migliore operatività nella gestione della Comunità.

Menu