Da sinistra Miss Israele e Miss Iraq

Miss Iraq invita le concorrenti di Miss Universo a Eilat a non ascoltare gli attacchi sui social

di Redazione
L’ex Miss Iraq Sarah Idan ha detto ai concorrenti dell’imminente concorso Miss Universo che si terrà a dicembre a Eilat, in Israele, di non lasciarsi scoraggiare dalle molestie che potrebbero ricevere sui social media per aver visitato lo stato ebraico. Lo riporta The Algemeiner.

“Vorrei avvertire le reginette di bellezza di prepararsi per un esercito di bot che probabilmente molesteranno i loro post sui social media mentre [sono] in Israele con hashtag ‘fine dell’occupazione’ e ‘Palestina libera’. Non dovrebbero preoccuparsi, quelle non sono nemmeno persone reali, ma account falsi usati da alcuni propagandisti per intimidirli”, ha detto venerdì a The Algemeiner. “Questa è una tattica a buon mercato per cercare di metterli a tacere. Continuate a fare quello che state facendo. Restate fiduciosamente belle.”

I commenti di Idan sono arrivati ​​dopo che il nipote dell’ex presidente del Sudafrica e il defunto attivista per i diritti civili Nelson Mandela ha invitato i paesi a boicottare il 70° concorso di Miss Universo perché si terrà in Israele. Nkosi Zwelivelile “Mandla” Mandela ha iniziato a sostenere il boicottaggio del concorso di quest’anno mercoledì, giorni dopo che Lalela Mswane, 24 anni, è stata incoronata Miss Sudafrica 2021, mettendola in rotta per rappresentare il suo paese nella competizione. In una dichiarazione che ha condiviso su Instagram, Mandela ha accusato Israele di un’“occupazione atroce” e ha affermato che il Paese “viola i diritti umani fondamentali del popolo palestinese e commette crimini contro l’umanità”.

“Tutto quello che posso dire è: come osi?” ha detto Idan nella clip, rivolgendosi a Mandela. “Come osi, come uomo, provare a dire a un’organizzazione per le donne e l’emancipazione femminile cosa fare? Questa è un’opportunità che milioni di donne sognano di avere, di salire sulla scena mondiale e rappresentare la loro gente, la loro nazione e la loro cultura. Non i governi, non la politica e sicuramente non la tua agenda politica”.

Idan ha anche criticato Mandela per aver usato il termine “apartheid” per “attaccare Israele”, sostenendo che la parola è stata usata contro Israele da “islamisti radicali, organizzazioni terroristiche e il regime iraniano, tutti quanti odiano le donne e i diritti delle donne”.

“Per favore, permetti a Miss Sudafrica di andare a vivere Israele da vicino, sul campo, e lascia che sia lei stessa a decidere”, ha aggiunto. “Sono sicuro che, proprio come me, sarà scioccata nel vedere che il governo israeliano è composto da musulmani, ebrei, arabi e cristiani. Quelle persone non solo possono votare sulle politiche, ma fanno anche parte della Knesset, hanno partiti politici e alcuni di loro sono persino ambasciatori israeliani nel mondo”.

Idan ha concluso il suo video dicendo a Mswane: “Spero che ti godrai il tuo viaggio e imparerai non solo su Israele, ma su altri bellissimi paesi. Ecco di cosa tratta il concorso di Miss Universo”.

Bandita dal paese per un selfie con Miss Israele

La Miss Sarah Idan era stata bandita dall’Iraq dopo che, nel novembre del 2017, aveva pubblicato una foto con Miss Israele Adar Gandelsman, con un messaggio che auspicava “pace e amore”. Per questo – e per alcuni scatti in bikini – era stata presa di mira dalle contestazioni. Nel luglio del 2019 Sarah Idan ha pronunciato un vigoroso discorso contro i pregiudizi antisemiti del mondo arabo durante un incontro al Consiglio dei diritti umani alle Nazioni Unite (UNHRC) presso la sede di Ginevra. La Idan ha inoltre accusato i media del suo paese di manipolare la realtà per scopi propagandistici e diffamatori nei confronti dello Stato ebraico.

 

Menu