Harry Rosenfeld, caporedattore all'epoca dello scoop sul Watergate

Morto Harry Rosenfeld, giornalista chiave nello scoop del Watergate

di Redazione
È morto a 91 anni Harry Rosenfeld, il rifugiato dalla Germania nazista diventato assistente caporedattore del Washington Post che aiutò due giornalisti ostinati a esporre lo scandalo Watergate. Lo riporta il JTA.

Sua figlia, Amy Rosenfeld Kaufman ha dichiarato al Washington Post che suo padre è morto il 16 luglio per complicazioni legate al COVID-19, nella sua casa di Slingerlands, un sobborgo di Albany, New York.

Rosenfeld era l’assistente caporedattore per le notizie metropolitane nel 1972 quando Bob Woodward e Carl Bernstein si stavano avvicinando allo scandalo dietro il furto con scasso al quartier generale della campagna democratica presso l’hotel Watergate a Washington, DC. La loro inchiesta avrebbe portato alle dimissioni il presidente Nixon, accusato di avere insabbiato i crimini.

Man mano che i parametri della serietà della storia diventavano chiari, il caporedattore del Post, Ben Bradlee, voleva che Rosenfeld sostituisse Woodward e Bernstein con giornalisti più esperti. Ma Rosenfeld non si sarebbe tirato indietro. “Hanno fame”, ha detto a Bradlee. “Ti ricordi quando tu eri affamato?”

La battuta è stata immortalata nel film sulla copertura del Watergate del Post, “All The President’s Men“, di Jack Warden, nel ruolo di Rosenfeld.

Gli attori nel filom 'Tutti gli uomini del presidente' sullo scandalo Watergate
Gli attori nel film ‘Tutti gli uomini del presidente’ sul Watergate. In piedi Jack Warden, nei panni di Harry Rosenfeld

Chi era Harry Rosenfeld

Nacque Hirsch Moritz Rosenfeld a Berlino nel 1929 e assistette alla carneficina della Kristallnacht, i pogrom guidati dai nazisti, nel 1938, vedendo i teppisti bruciare la sua sinagoga. Nel 1939, gli Stati Uniti approvarono la richiesta di suo padre, presentata cinque anni prima, di immigrare in famiglia.

Nel suo libro di memorie, intitolato “From Kristallnacht to Watergate: Memoirs of a Newspaperman“, Rosenfeld ha ammesso di risentirsi dell’educazione privilegiata di Bradlee. “Quando era un ragazzino, ha imparato a giocare” a tennis, ha scritto Rosenfeld. “Quando ero un ragazzino, ho schivato i nazisti”.

È cresciuto a New York e non ha mai perso la sua sensibilità per i tabloid, ha riportato il Post nel necrologio. L’instancabile editore ha riconosciuto di essere abrasivo. Bradlee lo ha retrocesso quando Rosenfeld ha pubblicato un resoconto di una relazione extraconiugale tra la cognata di Bradlee e John F. Kennedy. Rosenfeld lasciò nel 1978 per diventare redattore dell’Albany Times Union, dove lavorò fino al suo ritiro nel 1996 e al quale contribuì fino alla sua morte.

“Harry è sempre stato un grande, aggressivo e instancabile giornalista”, ha affermato il Post citando Woodward. “Ma il suo messaggio ai suoi giornalisti era che raccogliamo fatti concreti, ascoltiamo tutti e ascoltiamo ancora un po’. L’ascolto attento e paziente è stata la chiave”.

(Foto: Amy Biancolli, fonte: Timesunion.com)

Menu