Tromba 2020, di Sigalit Landau, opera che verrà venduta all'asta di Sotheby's per l'Ucraina

Artisti israeliani donano opere a Sotheby’s per sostenere i colleghi e i profughi ucraini

di Redazione
Più di 50 artisti israeliani stanno donando opere da vendere a Sotheby’s Tel Aviv per sostenere artisti e rifugiati ucraini, uno sforzo messo insieme da due veterani del mondo dell’arte israeliano.

L’evento, Art Aid Israel Ukraine, si svolgerà dal 30 marzo al 13 aprile, con prezzi che vanno da $ 1.000 a $ 10.000 per le varie opere donate da artisti partecipanti come Pavel Wolberg, Natalia Zourabova, Addam Yekutieli, Sigalit Landau, Zoya Cherkassky, Zohadi Kadri, Shai Azoulay e altri.

Invece è stato per il momento sospeso un piano parallelo per creare un programma di residenza artistica temporanea per artisti, curatori e altri professionisti dell’arte ucraini in fuga dalla guerra, finanziato dalla vendita delle opere d’arte israeliane, poiché gli organizzatori non hanno ancora potuto ottenere le autorizzazioni adeguate dal governo israeliano.

La curatrice Svetlana Reingold, capo curatore dell’Haifa Museum of Art, “ha inventato l’idea al telefono”, ha affermato Larry Abramson, artista israeliano di origine sudafricana che insegna allo Shenkar College of Engineering and Design. “Abbiamo sentito di dover fare qualcosa per gli orrori in Ucraina”, ha detto Abramson.

Reingold e Abramson volevano organizzare una residenza artistica di emergenza in Israele per artisti, operatori artistici, curatori e scrittori ucraini che avevano bisogno di “respirare un po’ d’aria” o erano diventati rifugiati e stavano cercando un rifugio sicuro per un periodo, ha detto Abramson.

Hanno contattato il Ministero della Cultura, il cui ministro, Chili Tropper, è stato subito entusiasta dell’idea, ha detto Abramson. Ma la loro pianificazione è stata bloccata quando il contatto del ministero in seguito li ha informati che gli artisti ucraini avrebbero dovuto prima richiedere i visti.

Con oltre 13.000 rifugiati ucraini che sono entrati in Israele dallo scoppio della guerra quasi un mese fa, il ministro dell’Interno Ayelet Shaked ha fissato a 5.000 il numero di rifugiati non idonei alla cittadinanza per essere ammessi (oltre ai 20.000 che si trovavano nel paese prima dello scoppio della guerra ). Ma in seguito a una protesta pubblica, ha annunciato che anche a tutti i parenti di israeliani sarà concesso l’ingresso in Israele.

Per ora, ha detto Abramson, lui e Reingold hanno deciso di raccogliere fondi attraverso la vendita di opere d’arte per iniziare a sostenere residenze professionali per artisti ucraini che sono già arrivati ​​in Israele come rifugiati, o che possono legalmente raggiungere Israele. I profitti delle vendite di opere d’arte andranno anche alle organizzazioni israeliane e internazionali che sostengono i rifugiati ucraini, ha affermato Abramson.

La vendita delle opere d’arte inizia il 30 marzo, dalle 18:00.

(Tromba 2020, di Sigalit Landau, opera che verrà venduta all’asta di Sotheby’s per l’Ucraina. Fonte: The Times of Israel)

 

Menu