Nella Kharkiv assediata il rabbino è al fianco della sua comunità

(Nella foto,  la celebrazione dello Shabbat nella sinagoga di Kharkiv il 25 febbraio 2022)

di Anna Lesnevskaya
Rav Moshe Moskovitz fu mandato a Kharkiv trent’anni fa dal Rebbe di Lubavitch e ha guidato la rinascita della comunità ebraica nella seconda città più grande dell’Ucraina che conta circa 20mila ebrei. Nelle ore più buie che Kharkiv sta vivendo con l’inizio dell’invasione russa, rav Moskovitz è rimasto al fianco della sua comunità e di chi ha bisogno, insieme alla rabbanit Miriam Moskovitz, cittadina australiana che si è rifiutata di partire. “Sono arrivato qua con la moglie nel 1990 e non avrei mai immaginato che una cosa del genere sarebbe potuta accadere nella nostra città”, dice a Mosaico il rabbino, che raggiungiamo al telefono il 1° marzo, nel giorno in cui i razzi russi hanno colpito e distrutto la sede del governo regionale nella principale piazza cittadina, uccidendo almeno 10 persone e ferendone 35, secondo le autorità locali. “Qua nessuno credeva nell’invasione di Putin, la popolazione è pacifica, è una cosa inaspettata e incomprensibile”, aggiunge il rabbino di Kharkiv.

Rav Moskovitz

 

Kharkiv è uno dei principali obiettivi dell’esercito russo e da giorni sui quartieri residenziali piovono missili facendo morti e feriti. Nonostante il pericolo, rav Moskovitz continua a far la spola tra casa sua e la sinagoga della città. Nel semiinterrato del Tempio hanno trovato rifugio cento persone, famiglie, bambini, cani e gatti. È attiva la cucina che offre i pasti.  “Facciamo fatica ad approvvigionarci di generei alimentari e delle medicine ed è difficile per l’autista spostarsi in città per raggiungere coloro che non possono venire e hanno bisogno dell’aiuto”, ci racconta il rabbino di Kharkiv, “La nostra unica speranza è che cessino i combattimenti e che riusciamo ad aiutare le persone”.

Alexandr Kaganovskij, presidente della comunità ebraica di Kharkiv

 

Anche il presidente della comunità ebraica di Kharkiv, Alexandr Kaganovskij, che abita a una fermata di metro dalla piazza centrale distrutta dai razzi, parla a Mosaico di una situazione estremamente difficile. “La città è sotto assedio, stanno morendo le persone, c’è il coprifuoco, le strade sono deserte e le scorte nei negozi cominciano a scarseggiare”, racconta. “La sinagoga ha accolto diverse persone, ma abbiamo risorse limitate, e tante persone, anche al di fuori della comunità, ci stanno chiedendo aiuto”. Nonostante tutto, la comunità di Kharkiv ha celebrato lo Shabbat nel miglior modo possibile, continua Kaganovskij. “Siamo nel mese di Adar e le persone sono piene di ottimismo e gioia, crediamo che sia un buon auspicio”, aggiunge il presidente della comunità. “Le conseguenze di questa guerra saranno terribili, spero che i russi si fermino e che trionfi la ragione”.