Per la prima volta Israele ha siglato un accordo di libero scambio con la Corea del Sud

di Paolo Castellano

A inizio dicembre entrerà in vigore un libero accordo commerciale (FTA) tra Israele e la Corea del Sud. Lo ha annunciato il 28 settembre il Ministero dell’Economia dello Stato ebraico. È la prima volta che un simile patto venga siglato con un paese asiatico.

L’annuncio è arrivato martedì dopo che l’Assemblea nazionale della Corea del Sud ha ratificato l’FTA (freedom trade agreement) con Israele, segnando il 60esimo anniversario della creazione dei legami diplomatici tra i due paesi. Si tratta del primo accordo commerciale della Corea del Sud in Medio Oriente.

Il primo ministro israeliano Yair Lapid ha ringraziato i suoi partner sudcoreani per l’amicizia e la cooperazione.

«Questo accordo creerà nuove opportunità e aiuterà ad abbassare il costo della vita in entrambe le nostre nazioni», ha dichiarato Lapid.

Come riporta Algemeiner, l’accordo economico include comuni tagli di tariffa, che verranno applicati per importare ed esportare prodotti, facilitando il commercio nei settori dei servizi, investimenti e standardizzazione.

«L’accordo commerciale darà un vantaggio competitivo alle aziende israeliane nel mercato coreano e ci si aspetta di incrementare e diversificare le esportazioni israeliane in Corea. Allo stesso modo, incoraggerà gli investimenti coreani nel mercato israeliano», ha detto l’Amministrazione del Commercio estero del Ministero dell’Economia di Israele.

A livello mondiale la Corea del Sud è la capofila dei costruttori nel campo della componentistica di memoria e il secondo più grande produttore di semiconduttori al mondo, ha detto il Ministero.

Quando l’FTA entrerà in vigore, oltre il 95% delle esportazioni israeliane verso la Corea saranno senza tasse. L’accordo commerciale inoltre prevede di abbassare i prezzi delle auto, giocattoli, console per i videogame e salsa di soia coreani. Il Ministero dell’Economia di Israele ha stimato che l’FTA con la Corea del Sud, che ha 18 simili accordi, si tradurrà in circa 142 milioni di dollari all’anno in benefici per gli esportatori e risparmi per importatori e consumatori.

«I volumi delle esportazioni israeliane in Corea del Sud sono stati incrementati negli ultimi anni, e si è stimato che l’accordo commerciale rafforzerà ancora di più il trend», ha commentato Ohad Cohen, direttore dell’Amministrazione del commercio estero. «L’accordo commerciale riflette, tra le altre cose, la politica del Ministero per aiutare la diversità delle esportazioni e aprire nuovi mercati per l’industria israeliana».

Nel 2021, il volume del commercio bilaterale delle merci e dei servizi tra Israele e Corea del Sud è incrementato del 35% arrivando a 3.5 miliardi di anno in anno. Il Ministero dell’Economia israeliano al momento sta negoziando un accordo commerciale con altri paesi, inclusa la Cina, il Vietnam e la Gran Bretagna.