Il supermercato Tops a Buffalo dove è avvenuto l'attacco

Il suprematista bianco autore dell’attacco a Buffalo (Usa): “Gli ebrei sono il problema più grande”

Mondo

di Redazione
Il suprematista bianco responsabile dell’attacco nel supermercato Tops della città di Buffalo, sabato 14 maggio, in cui sono morte 10 persone (la maggior parte delle quali afroamericane), sarebbe l’autore di un manifesto razzista e antisemita. Payton Gendron, 18 anni, originario della città di Conklin, aveva trasmesso in diretta l’attacco sulla piattaforma Twitch. Lo riporta il The Times of Israel.

In questo testo, pubblicato online prima dell’attacco, Gendron esprime il suo odio per gli ebrei, il suo sostegno al nazismo e aderisce alla teoria del complotto antisemita e razzista della Grande Sostituzione, che sostiene che gli ebrei sono responsabili dell’immigrazione non bianca e che i non bianchi saranno più numerosi e quindi annienteranno la “razza bianca”.

Il manifesto di 180 pagine che circola online con il nome del sospetto assassino, delinea il piano dell’attacco e corrisponde alle dichiarazioni delle forze dell’ordine.

Anche Robert Bowers, responsabile della morte di 11 persone alla sinagoga dell’albero della vita a Pittsburgh nel 2018, ha invocato la teoria del complotto prima del suo attacco. E il suprematista bianco che ha ucciso un fedele in una sinagoga a Poway, in California, ha affermato che gli ebrei erano responsabili del genocidio degli “europei bianchi”.

L’autore del manifesto di sabato ha scritto che la sparatoria aveva lo scopo di uccidere e intimidire i non bianchi e diffondere le sue idee. Ha detto di essere stato ispirato da Brenton Tarrant, l’uomo armato che ha ucciso 51 persone in due moschee a Christchurch, in Nuova Zelanda, nel 2019 e anche da Luca Traini, che a Macerata nel 2018   sparò contro degli immigrati da un’auto.  Ma fra i modelli di Gendron vi sono anche il responsabile dell’attacco alla sinagoga di Poway, Robert Bowers e altri tiratori di massa della supremazia bianca.

Il giovane ha affermato di aver agito da solo, di non essere affiliato a nessun gruppo in particolare e di essersi radicalizzato online dal 2020. Nel manifesto sostiene esplicitamente neonazismo, suprematismo bianco e fascismo. Ha detto di aver preso di mira i neri, ma gli ebrei sono “il problema più grande”, che “sarà risolto quando verrà il momento”.

Nel manifesto, Gendron chiede inoltre una guerra tra ebrei e non ebrei. “La vera guerra che sostengo è quella dei Gentili contro gli Ebrei. Li superiamo in numero 100 volte e non sono forti”, ha scritto.

“A modo loro, ci mettono l’uno contro l’altro. Quando te ne rendi conto, ti rendi conto che gli ebrei sono il problema più grande che il mondo occidentale abbia mai avuto”, si legge nel manifesto. “Devono essere smascherati e uccisi». Auguro a tutti gli ebrei l’INFERNO! Tornate all’inferno, da dove venite, DEMONI!” ha scritto..

Ha anche spiegato che voleva trasmettere il suo attacco online, per seguire l’esempio di un’altra sparatoria trasmessa su Twitch per circa 35 minuti, quella nella sinagoga di Halle del 2019 in Germania, secondo l’ADL.

Il manifesto include lunghi passaggi che delineano le opinioni dell’autore sulla storia, la genetica e le credenze ebraiche e denunciano i testi religiosi ebraici.

“Gli ebrei sono responsabili di molti dei problemi che affrontiamo oggi nel mondo occidentale”, ha scritto, dicendo che gli ebrei fanno affidamento sui media che controllano per diffondere la propaganda. “Per la nostra sopravvivenza, gli ebrei devono scomparire dalla civiltà occidentale, con ogni mezzo possibile. »

Il leader dell’ADL Jonathan Greenblatt ha paragonato la sparatoria alle uccisioni di suprematisti bianchi negli ultimi anni alla sinagoga dell’albero della vita, a Poway, in un supermercato a El Paso e durante una protesta a Charleston, in Virginia.

“Questa sparatoria è un chiaro promemoria dei pericoli della [teoria] della supremazia bianca e della necessità di parlare contro queste opinioni odiose ogni volta che è possibile”, ha detto. Il gruppo di difesa StopAntisemitism, che ha segnalato alcuni dei contenuti antiebraici del manifesto, ha aggiunto: “Ancora una volta, l’odio verso gli ebrei non si ferma agli ebrei, ma si estende ad altre minoranze. Il nostro pensiero e la nostra preghiera vanno alle famiglie delle vittime. »

Altri gruppi ebraici hanno espresso shock e orrore per la sparatoria, con le Federazioni Ebraiche del Nord America che hanno affermato: “Dobbiamo unirci tutti per sconfiggere l’odio spregevole trasmesso dal razzismo».

Menu