Il luogo dell'attentato in Nuova Zelanda

Nuova Zelanda: le sinagoghe chiudono in solidarietà con la comunità musulmana dopo l’attentato alle moschee

Mondo

di Redazione
La Comunità ebraica della Nuova Zelanda ha per la prima volta nella sua storia chiuso le sue sinagoghe a Ahabbat in segno di solidarietà con la comunità musulmana del Paese dopo l’attentato alle due moschee a Cristchurch, in cui sono morte 50 persone. In Nuova Zelanda vivono oggi circa 6000 ebrei.

“Per la prima volta, le sinagoghe in Nuova Zelanda saranno chiuse il sabato dopo il massacro”, ha postato su Twitter Isaac Herzog, direttore dell’Agenzia ebraica. “L’Agenzia Ebraica ed il Consiglio ebraico neozelandese solidali con le famiglie delle vittime. Siamo uniti nella lotta contro l’odio e il razzismo “, ha detto.

“Offriamo tutta la nostra assistenza e supporto alla comunità musulmana. Dobbiamo fare tutto quanto in nostro potere per bandire il terrorismo e il razzismo in Nuova Zelanda “, ha risposto Stephen Goodman, presidente del Consiglio ebraico della Nuova Zelanda.

Cinquanta persone sono state uccise da un uomo armato in almeno due moschee a Christchurch, Nuova Zelanda, ha detto la polizia. “E ‘ormai chiaro che si tratta di un attacco terroristico”, ha detto il Primo Ministro Jacinda Ardern, parlando “in uno dei giorni più bui della Nuova Zelanda.”

Solidarietà da Pittsburgh, sei mesi dopo l’attentato alla sinagoga

Colpita dalla gravità dell’attacco anche la comunità ebraica di Pittsburgh (Usa), vittima nell’ottobre 2018 da un grave attentato in una sinagoga, in cui morirono 11 persone. Come riporta il Time, gruppi di ebrei stanno raccogliendo fondi per la comunità musulmana neozelandese e manifestano la loro solidarietà.

Menu