Sarah Halimi

Affaire Sarah Halimi: una commissione parlamentare indaga sulle mancanze della polizia

Mondo

di Redazione
La commissione parlamentare d’inchiesta sulle possibili disfunzioni della giustizia e della polizia nel caso Sarah Halimi, costituita lo scorso luglio, continua i suoi lavori e le sue udienze e dovrebbe consegnare il suo rapporto finale a gennaio. Lo rivela The Times of Israel.

Il 20 ottobre, il deputato dell’UDI Meyer Habib, che presiede il comitato, ha rivelato su Facebook che, durante l’audizione del signor Thiéman Diarra (padre) e della signora Soumpo Diarra (figlia), inquilini dell’appartamento attraverso il quale l’assassino Kobili Traoré era entrato per andare a casa di Sarah Halimi dal balcone, Thiéman Diarra aveva confermato di aver gettato alla polizia il suo mazzo di chiavi, compresa quella della casa dei Diarra. “La polizia è tornata dai Diarra (alle 5.35) senza sfondare la porta. Quindi sono tornati con le chiavi!” ha scritto Meyer Habib.

“La polizia aveva le chiavi che permettevano loro di entrare dai Diarra dalle 4:20 del mattino, contrariamente a quanto si dice nel procedimento”, ha reagito il “Group Not Silent”, movimento di protesta dopo la decisione del tribunale che ha dichiarato Kobili Traoré criminalmente irresponsabile.

“Secondo padre Diarra, sono entrati nella loro casa alle 5.35 per arrestare Kobili Traoré con queste chiavi mentre la polizia ha sempre affermato di essere entrata nella loro casa forzando la porta. Se ciò è confermato è molto grave, perché è chiaro che la polizia avrebbe potuto facilmente evitare l’assassinio di Sarah Halimi entrando in casa dei Diarra alle 4:22 del mattino, quindici minuti prima che Sarah Halimi fosse defenestrata da Kobili Traore. Tanto più che avevano ricevuto l’autorizzazione ad entrare nella Diarra dalla loro gerarchia alle 4:30 del mattino e che, secondo i primi messaggi ricevuti, l’individuo non era armato”, ha scritto Nathanaël Majster, avvocato in tribunale, sulla pagina del movimento.

“Perché la polizia ha mentito? Qual è il significato penale e giudiziario di questa menzogna? Si può finalmente avviare un’indagine per mancata assistenza a una persona in pericolo e si può esaminare il ruolo complessivo delle forze dell’ordine. Ricordiamo inoltre che la falsificazione dei verbali di polizia è un falso in atti pubblici e che la pena diventa penale quando l’autore è un custode della pubblica autorità. Se la chiave è stata volutamente rimossa dal procedimento dalla polizia – e in effetti non è in alcun sigillo – si tratta di fatti di distruzione o modifica delle prove che potrebbero essere trattenuti. Infine, dovrà essere esaminato il ruolo e la conoscenza di questi fatti che l’accusa potrebbe avere. Una nuova indagine giudiziaria completa – affidata a una pubblica accusa indipendente – è inevitabile in quello che potrebbe rivelarsi un grande scandalo giudiziario e di polizia”.

A seguito delle rivelazioni, Shimon Samuels, direttore delle relazioni internazionali del Simon Wiesenthal Center, ha chiesto la riapertura delle indagini.

Il 14 aprile la Corte di Cassazione ha confermato l’irresponsabilità criminale dell’omicida di Sarah Halimi, che ha subito un “attacco delirante- secondo le conclusioni di sette psichiatri consultati dai tribunali – al momento dell’omicidio. Al grido di “Allah Akbar”, aveva picchiato e gettato dal balcone del loro palazzo la sua vicina di casa Lucie Attal, detta anche Sarah Halimi, il 4 aprile 2017 a Parigi.

Questa decisione aveva suscitato molte critiche e alla fine di aprile si sono svolte manifestazioni in tutta la Francia.

Menu