Il presidente francese Emmanuel Macron ((Foto: CC-BY-SA, GNU Free Documentation License, Wikimedia Commons)

Emmanuel Macron inaugura il primo Museo dedicato all’Affaire Dreyfus

di Redazione
Martedì 26 ottobre il presidente francese Emmanuel Macron ha inaugurato a Medan, nel dipartimento francese di Yvelines, non lontano da Parigi,  il primo museo dedicato all‘affaire Dreyfus, situato nella casa museo dello scrittore Emile Zola, difensore di Alfred Dreyfus e padre del celebre ‘J’accuse!’ pubblicato nel giornale L’Aurore.

L’apertura al pubblico è prevista per il 28 ottobre, riporta CNews. Originariamente dove aprire nel 2019, ma una serie di battute d’arresto, tra cui la pandemia di COVID-19, hanno ritardato l’apertura.

Alfred Dreyfus ed Émile Zola, insieme anche nel ricordo

Il Museo Dreyfus fa parte della Casa Zola, un’istituzione culturale dedicata a preservare la memoria di Émile Zola, il famoso scrittore francese che, pur non essendo ebreo, ebbe un ruolo chiave nel guidare l’opposizione e le proteste contro l’ingiustizia fatta a Dreyfus. Zola aveva abitato nell’edificio dove ha sede l’istituto a lui intitolato. La Zola House è stata chiusa per lavori di ristrutturazione per oltre un decennio e sta riaprendo con l’aggiunta del Museo Dreyfus. La ristrutturazione della Zola House e l’apertura del museo sono costate almeno 6 milioni di dollari, in gran parte provenienti da sussidi governativi.

Il nuovo museo presenta almeno 500 reperti, tra cui fotografie, documenti del tribunale e oggetti personali del calvario di 8 anni che si concluse nel 1906 con l’esonero di Dreyfus da false accuse e condanne di spionaggio. Alcuni dei documenti sono esposti sulle pareti nello spazio principale del museo Dreyfus, appesi a testi giganti che nominano concetti come “Giustizia”, ​​”Tradimento” e “Innocenza”. In mostra anche copie di caricature antisemite che furono pubblicate sui principali quotidiani francesi in relazione ai processi Dreyfus.

Il direttore del museo e dell’istituzione, Louis Gautier, ha dichiarato a CNews che il nuovo spazio “mostrerà e racconterà la vicenda ma porrà anche domande su questioni vitali di tolleranza, alterità, diritti umani, diritti delle donne, separazione tra chiesa e stato e il contratto tra la repubblica e i suoi cittadini”.

 

La promozione postuma a generale: una questione ancora spinosa

L’inaugurazione del Museo Dreyfus ha sollevato di nuovo una questione già emersa in passato, quella della nomina postuma dell’ufficiale ebreo a generale. Come riposta Le Point, la domanda è stata posta dal rabbino capo di Francia, Haim Korsia, a Emmanuel Macron, martedì sera, 26 ottobre, durante la prima edizione della cena Cercle Charles-Gide, incontro annuale di personalità.

Una decisione del genere, per quanto simbolica possa essere, secondo Emmanuel Macron, creerebbe un pericoloso precedente. “Spetta al presidente della Repubblica fare di Dreyfus un generale oggi?” La mia risposta in linea di principio sarebbe no “, ha detto. “Per una prima ragione, che sarebbe evitare guai. Una seconda, più profonda, è che  poi si aprirebbe la possibilità per il Presidente della Repubblica di risanare o degradare chiunque secondo i tempi. Perché domani avrei richieste da questo e da quest’altro di degradare i generali che hanno partecipato alla colonizzazione a questa o quella guerra. ”

“Il grande rischio è rivisitare la gerarchia o la storia militare, con la prospettiva odierna”, ha proseguito il Capo dello Stato, durante un botta e risposta con il pubblico.

Nel luglio 2019 il Ministro delle Forze Armate Florence Parly aveva aperto le porte a una promozione di Alfred Dreyfus. “120 anni dopo, c’è ancora tempo per gli eserciti per dare ad Alfred Dreyfus tutto l’onore e tutti gli anni che gli sono stati tolti. E me ne occuperò personalmente “, aveva detto. Il deputato LR Eric Ciotti si era poi detto favorevole alla sua promozione al grado di generale.