Parashat Vaerà

Parashat Vaerà. La libertà di fare il bene non è mai scontata

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò

La domanda è antica. Se Dio ha indurito il cuore del Faraone, allora è stato Dio a far rifiutare al Faraone di lasciar andare gli Israeliti, non il Faraone stesso. Come può essere giusto? Come potrebbe essere giusto punire il Faraone e il suo popolo per una decisione – una serie di decisioni – che non sono state prese liberamente? La punizione presuppone la colpa. La colpa presuppone responsabilità. La responsabilità presuppone la libertà. Non incolpiamo i pesi per la caduta, o il sole per lo splendore. Le forze naturali non sono scelte fatte riflettendo sulle alternative. Solo l’Homo sapiens è libero. Togli quella libertà e togli la nostra umanità. Come si può allora dire, come nel caso della nostra parashà (Esodo 7:3), che Dio ha indurito il cuore del Faraone?

Tutti i commentatori sono sfidati da questa domanda. Maimonide e altri notano una caratteristica sorprendente della narrazione: per le prime cinque piaghe leggiamo che lo stesso Faraone indurì il suo cuore. Solo più tardi, durante le ultime cinque piaghe, leggiamo di Dio che lo ha indurito. La conclusione che ne trae quindi è che le ultime cinque piaghe furono dunque una punizione per i primi cinque rifiuti, liberamente operati dal Faraone stesso.

Un secondo approccio, in direzione esattamente opposta, è che durante le ultime cinque piaghe Dio è intervenuto non per indurire, ma per rafforzare il cuore del Faraone. Ha agito per garantire che il Faraone mantenesse la sua libertà e non perdesse la sua determinazione. Tale era l’impatto delle piaghe che nel normale corso degli eventi un leader nazionale non avrebbe avuto altra scelta che cedere a una forza superiore. Come dissero i consiglieri del Faraone prima dell’ottava piaga: “Non ti rendi ancora conto che l’Egitto è distrutto?” (Esodo 10:7) Cedere a quel punto sarebbe stata un’azione sotto costrizione, non un vero cambiamento di cuore. Tale è l’approccio di Yosef Albo e Ovadiah Sforno.

Un terzo approccio mette in discussione il significato stesso della frase “Dio ha indurito il cuore del Faraone”. In un senso profondo Dio, Autore della storia, è dietro ogni evento, ogni atto, ogni folata di vento che soffia, ogni goccia di pioggia che cade. Normalmente però non attribuiamo a Dio l’azione umana. Siamo ciò che siamo perché è così che abbiamo scelto di essere, anche se questo è stato scritto molto prima nella scrittura divina per l’umanità. Cosa attribuiamo a un atto di Dio? Qualcosa di insolito, che cade così lontano dalle norme del comportamento umano che facciamo fatica a spiegarlo in altro modo se non a dirlo, sicuramente questo è successo per uno scopo.

Dio stesso dice dell’ostinazione del Faraone che gli ha permesso di dimostrare a tutta l’umanità, che anche il più grande impero è impotente contro la mano del Cielo (Esodo 7:5; 14:18). Il faraone agì liberamente, ma i suoi ultimi rifiuti furono così strani che fu evidente a tutti che Dio lo aveva previsto.
Era prevedibile, faceva parte della sceneggiatura. Dio aveva effettivamente rivelato questo ad Abramo secoli prima, quando gli disse in una spaventosa visione che i suoi discendenti sarebbero stati stranieri in una terra non loro (Genesi 15:13-14).

Sono tutte interpretazioni interessanti e plausibili. Mi sembra, tuttavia, che la Torah stia raccontando una storia più profonda, che non perde mai la sua rilevanza. Filosofi e scienziati hanno avuto la tendenza a pensare in termini di astrazioni universali. Alcuni hanno concluso che abbiamo il libero arbitrio, altri no. Non c’è spazio concettuale in mezzo.

Nella vita, tuttavia, non è affatto così che funziona la libertà. Considerate le dipendenze: le prime volte che qualcuno gioca d’azzardo o beve alcolici o si droga, può farlo liberamente, conoscendo i rischi ma ignorandoli. Il tempo passa e la loro dipendenza aumenta fino a quando il desiderio è così intenso che sono quasi impotenti a resistervi. A un certo punto potrebbero avere bisogno di andare in terapia. Non hanno più la capacità di fermarsi senza un supporto esterno. Come dice il Talmud, “Un prigioniero non può liberarsi dalla prigione”. (Berachot 5b)

La dipendenza è un fenomeno fisico, ma esistono equivalenti morali. Ad esempio, supponiamo in un’occasione significativa di dire una bugia. Le persone ora credono in qualcosa di te che non è vero. Quando ti mettono in discussione, o emergono durante una conversazione, ti ritrovi a dover dire più bugie per supportare la prima. …

Questo per quanto riguarda gli individui. Quando si tratta di organizzazioni, il rischio è ancora maggiore. Diciamo che un membro anziano dello staff ha commesso un errore costoso che, se esposto, minaccia l’intero futuro dell’azienda. Faranno un tentativo di coprirlo. Per farlo devono chiedere l’aiuto di altri, che diventano co-cospiratori. Man mano che il cerchio dell’inganno si allarga, diventa parte della cultura aziendale, rendendo sempre più difficile per le persone oneste all’interno dell’organizzazione resistere o protestare. Occorre poi il raro coraggio di un informatore per smascherare e fermare l’inganno. Ci sono state molte storie simili negli ultimi anni. …

Perdiamo gradualmente la nostra libertà, spesso senza accorgercene. Questo è ciò che la Torah ha implicato quasi dall’inizio.
Il potere del conformismo, è immenso. …
Credo che sia anche il motivo per cui ad Abramo fu detto di lasciare la sua terra, il suo luogo di nascita e la casa di suo padre. Questi sono i tre fattori – cultura, comunità e prima infanzia – che circoscrivono la nostra libertà. Gli ebrei nel corso dei secoli sono stati nella società, ma non dentro la società. Essere ebreo significa mantenere una distanza calibrata dal periodo e dai suoi idoli. La libertà ha bisogno di tempo per prendere decisioni riflessive e di distanza per non lasciarsi cullare dal conformismo.

Più tragicamente, c’è la minaccia morale. A volte dimentichiamo, o non sappiamo nemmeno, che le condizioni di schiavitù vissute dagli israeliti in Egitto sono state abbastanza spesso vissute dagli stessi egiziani per molte generazioni. La grande piramide di Giza, costruita più di mille anni prima dell’Esodo, prima ancora della nascita di Abramo, ridusse gran parte dell’Egitto a una colonia di schiavi per vent’anni. Quando la vita diventa a buon mercato e le persone sono viste come un mezzo non un fine, quando i peggiori eccessi sono scusati in nome della tradizione e i governanti hanno il potere assoluto, allora la coscienza è erosa e la libertà persa, perché la cultura ha creato uno spazio isolato in cui il grido degli oppressi non si sente più.

Questo è ciò che intende la Torah quando dice che Dio ha indurito il cuore del Faraone. Riducendo in schiavitù gli altri, il Faraone stesso divenne schiavo. Divenne prigioniero dei valori che lui stesso aveva sposato. La libertà nel senso più profondo, la libertà di fare il bene, non è scontata. La acquisiamo, o lo perdiamo, gradualmente. Alla fine i tiranni si autodistruggono, mentre coloro che hanno forza di volontà, coraggio e volontà di andare contro il consenso acquisiscono una libertà monumentale. Questo è l’ebraismo: un invito alla libertà resistendo agli idoli e ai richiami delle sirene dell’epoca.

Di rav Jonathan Sacks z”l

Menu