Parashat Tazrià-Metzorà

Parashat Tazrià e Metzorà. C’è sempre un ‘tesoro’ nascosto nelle difficoltà

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La Torah nella Parashat Metzora presenta le leggi relative a tzara’at ha-bayit – scolorimenti che appaiono sui muri delle case e potrebbero, in alcuni casi, richiedere la demolizione dell’intera casa. Rashi (14:34), basato sul Ghemarà in Masekhet Horiyot (10a), scrive che la Torah qui trasmette “besora tova” – “buona novità”, informandoli che alcune case saranno colpite da tzara’at, e durante la loro demolizione, si troveranno tesori. I cananei nativi nascondevano le loro ricchezze nelle mura delle loro case, e Benei Yisrael avrebbe preso possesso di queste residenze, ma non saprà dei tesori nascosti all’interno delle mura. Dio avrebbe quindi colpito la casa con tzara’at, in modo tale che la casa avrebbe dovuto essere distrutta e il tesoro sarebbe stato trovato.

La Ghemarà menziona brevemente questi tesori anche in un contesto diverso – nel Masekhet Bava Metzia (25b), in riferimento al caso di un oggetto trovato in un cumulo di macerie, o all’interno di un muro molto antico. La Mishna stabilisce che la persona che trova l’oggetto può tenerlo e il proprietario della struttura crollata o del muro non può reclamarne la proprietà. La Ghemarà spiega che la Mishnà parla di un oggetto con ruggine chiaramente antico. Chi lo trova è autorizzato a conservare l’oggetto a causa della possibilità che fosse tra le cose nascoste dai cananei nativi prima che Benei Yisrael prendesse possesso del paese. In quanto tale, il proprietario della struttura o del muro crollato non ha alcun diritto sull’oggetto.

Il Rosh (1250-1327), commentando la discussione del Ghemarà nel suo Tosafot Ha-Rosh, spiega che queste ricchezze nascoste dai Cananei appartenevano all’intera nazione quando Benei Yisrael prese possesso della terra. Erano inclusi nello “shalal” (“bottino”) – i possedimenti lasciati dalle tribù sconfitte, e distribuiti all’intera nazione. Dopo molti anni, spiega il Rosh, la nazione non prevedeva più di trovare altri possedimenti, e quindi l’entità collettiva di Am Yisrael ha implicitamente rinunciato ai diritti su tali possedimenti. Quindi, se vengono scoperti più oggetti, diventano proprietà di chi li trova.

Alcuni hanno adottato la teoria del Tosafot Ha-Rosh per rispondere alla domanda posta da molti sul perché i proprietari di case colpite da tzara’at ha-bayit, dovrebbero essere degni di tesori. Il Khazal, in diversi punti, stabilisce che le varie forme di tzara’at descritte nella Parashat Tazria e Parashat Metzora sarebbero cadute sulle persone come punizione, in particolare, per il peccato dell’lashon ha-ra (discorso negativo sugli altri). Sembra quindi, a prima vista, difficile capire perché una persona che meritava tzara’at ha-bayit, sarebbe poi ricompensata con la scoperta di un tesoro nascosto. Secondo il Tosafot Ha-Rosh, la risposta è chiara: questi tesori non erano, infatti, custoditi dai proprietari di casa, ma piuttosto distribuiti all’intera nazione. (Questa spiegazione è stata data da Rav Chaim Feinstein 1895-1986).

Il Siftei Chakhamim (qui nella Parashat Metzora, 14:34) offre una risposta diversa alla domanda sul perché coloro che sono puniti con tzara’at ha-bayit sono anche ricompensati con la scoperta di ricchezze. Molto semplicemente, scrive il Siftei Chakhamim, questa è precisamente la “buona notizia”: Dio qui ha trasmesso a Benei Yisrael che, anche quando porta una punizione, c’è un “tesoro” nascosto nelle difficoltà. Ci viene assicurato che in ogni momento, anche quando Dio ci punisce per la nostra trasgressione, ci ama e ci tiene molto e continua a inondarci delle Sue benedizioni. Anche la maledizione di tzara’at ha-bayit porta la benedizione della ricchezza, mostrandoci che sotto la superficie di ogni situazione difficile c’è un grande “tesoro” che possiamo trovare se lo cerchiamo.

Menu