Parashat Sheminì. Si diventa leader se se ne ha la volontà

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Sarebbe dovuto essere un giorno di gioia. Gli israeliti avevano completato il Mishkan, il Santuario. Per sette giorni Mosè aveva fatto i preparativi per la sua consacrazione. Ora, l’ottavo giorno – il primo di Nissan -…- il servizio del Santuario stava per iniziare (Lev. 9:1 – 24). I saggi dicono che in cielo è stato il giorno più gioioso dalla Creazione (Megillah 10b).

Ma la tragedia ha colpito. I due figli maggiori di Aharon “offrirono uno strano fuoco che non era stato comandato” (Lev. 10:1) e il fuoco dal cielo che avrebbe dovuto consumare i sacrifici consumò anche loro. Morirono. La gioia di Aharon si trasformò in lutto. “Vayidom Aharon” che significa: “E Aaron taceva”. (Lev.10:3) L’uomo che era stato il portavoce di Mosè non poteva più parlare. Le parole si trasformarono in cenere nella sua bocca.

C’è molto in questo episodio che è difficile da capire, molto che ha a che fare con il concetto di santità e le potenti energie che sprigiona che, come l’energia nucleare oggi, potrebbero essere mortalmente pericolose se non adeguatamente utilizzate. Ma c’è anche una storia più umana su due approcci alla leadership che risuona ancora a noi oggi.

Prima c’è la storia di Aharon. Leggiamo di come Mosè gli disse di iniziare il suo ruolo di Sommo Sacerdote. “Mosè [allora] disse ad Aharon: ‘Avvicinati all’altare e prepara il tuo sacrificio espiatorio e l’olocausto, espiando così per te e per il popolo. Quindi prepara l’offerta del popolo per espiare per loro, come Dio ha comandato “(Lev. 9: 7).

I saggi percepirono una sfumatura nelle parole: “Avvicinati all’altare”, come se Aharon si trovasse a una certa distanza da esso, riluttante ad avvicinarsi. Dissero: “All’inizio Aaron si vergognava di avvicinarsi. Mosè gli disse: “Non vergognarti. Questo è ciò che sei stato scelto di fare.”

Perché Aaron si vergognava? La tradizione ha dato due spiegazioni, entrambe portate da Nachmanide nel suo commento alla Torah. La prima è che Aharon era semplicemente sopraffatto dalla trepidazione per essersi avvicinato così tanto alla Presenza Divina. La seconda è che Aharon, vedendo le “corna” dell’altare (erano sui quattro angoli) gli venne in mente il vitello d’oro, il suo grande peccato. Come poteva lui, che aveva svolto un ruolo chiave in quel terribile evento, assumere ora il ruolo di espiazione per i peccati del popolo? Questo richiedeva sicuramente un’innocenza che non aveva più. Mosè dovette ricordargli che era proprio per espiare i peccati che era stato fatto l’altare; e il fatto che fosse stato scelto da Dio per essere Sommo Sacerdote era un segno inequivocabile che era stato perdonato.

C’è forse una terza spiegazione, anche se meno spirituale. Fino ad ora Aharon era stato in tutto e per tutto secondo a Mosè. Sì, era stato al suo fianco per tutto il tempo, aiutandolo a parlare e dirigere. Ma c’è una grande differenza psicologica tra l’essere il secondo in comando e l’essere un leader a pieno titolo. Probabilmente conosciamo tutti esempi di persone che prestano servizio in qualità di assistente, ma che sono terrorizzate all’idea di guidare da sole.

Qualunque spiegazione sia vera – e forse lo sono tutte – Aharon era reticente ad assumere il suo nuovo ruolo, e Mosè dovette dargli fiducia. “Questo è ciò che sei stato scelto per fare.”

L’altra storia è quella tragica, dei due figli di Aharon, Nadav e Avihu, che “offrirono uno strano fuoco, che non era stato comandato”. I Saggi hanno offerto diverse letture di questo episodio, tutte basate su una lettura attenta dei diversi luoghi della Torah in cui si fa riferimento alla loro morte. Alcuni hanno detto che avevano bevuto alcolici. Altri hanno detto che erano arroganti, sentendosi al di sopra della comunità; questo era il motivo per cui non si erano mai sposati.

Alcuni dicono che erano colpevoli di aver dato una sentenza halachica sull’uso del fuoco artificiale, invece di chiedere al loro insegnante Mosè se fosse permesso (Eruvin 63a). Altri dicono che sono stati irrequieti alla presenza di Mosè e Aaronne. Hanno detto: quando moriranno questi due vecchi e noi possiamo guidare la congregazione? (Sanhedrin 52a)

Comunque leggiamo l’episodio, sembra chiaro che erano tutti troppo ansiosi di esercitare la leadership. Portati via dal loro entusiasmo per avere un ruolo nell’inaugurazione, hanno fatto qualcosa che non era stato loro ordinato di fare. Dopo tutto, Mosè non aveva fatto qualcosa di sua iniziativa, vale a dire rompere le tavole quando scese dalla montagna alla vista del Vitello d’Oro? Se poteva agire spontaneamente lui, perché non potevano farlo loro?

Il vero contrasto qui, però, è la differenza tra Aharon ei suoi due figli. Erano, a quanto pare, opposti. Aharon era troppo cauto e dovette essere persuaso da Mosè anche per iniziare. Nadav e Avihu non erano abbastanza cauti. Erano così ansiosi di dare il proprio marchio al ruolo del sacerdozio che la loro impetuosità fu la loro rovina.

Queste sono, perennemente, le due sfide che i leader devono superare. La prima è la riluttanza a guidare. Perché io? Perché dovrei essere coinvolto? Perché dovrei assumermi la responsabilità e tutto ciò che ne deriva: gli alti livelli di stress, l’enorme volume di lavoro e le critiche infinite che i leader devono sempre affrontare? Inoltre, ci sono altre persone più qualificate e più adatte di me.

Anche i più grandi erano riluttanti a guidare. Mosè davanti al roveto ardente ha trovato una ragione dopo l’altra per dimostrare che non era l’uomo adatto al lavoro. Sia Isaia che Geremia si sentivano inadeguati. Chiamato a guidare, Giona scappò. La sfida è davvero scoraggiante. Ma quando ti senti come se fossi chiamato a un compito, se sai che la missione è necessaria e importante, allora non puoi fare altro che dire, Hineni: “Eccomi”. (Es. 3: 4) Per usare le parole del titolo di un famoso libro, devi “sentire la paura e fallo comunque”.

L’altra sfida è l’opposto polare. Ci sono alcune persone che si considerano leader legittimi. Sono convinti di poterlo fare meglio di chiunque altro. … Nadav e Avihu erano sicuramente persone fantastiche. Il problema era che credevano di essere le persone più fantastiche. Non erano come il loro padre Aaron, che doveva essere persuaso ad avvicinarsi all’altare a causa del suo senso di inadeguatezza. L’unica cosa che mancava a Nadav e Avihu era il senso della loro inadeguatezza.

Per fare qualcosa di grande dobbiamo essere consapevoli di queste due tentazioni. Una è la paura della grandezza: chi sono io? L’altro è convincersi della tua grandezza: chi sono? Posso farlo meglio. Possiamo fare grandi cose se: (a) il compito conta più della persona, (b) siamo disposti a fare del nostro meglio senza pensare di essere superiori agli altri, e (c) siamo disposti a ricevere consigli.

Le persone non diventano leader perché sono fantastiche. Diventano grandi perché sono disposti a servire come leader. Non importa se ci riteniamo inadeguati. Mosè lo fece. Così ha fatto Aharon. Ciò che conta è la volontà, quando la sfida chiama, di dire, Hineni, “Eccomi”.

Di Rav Jonathan Sacks z”l

Menu