Mosè sul monte Sinai (dipinto di Gerome Jean-Léon)

Parashat Behar Sinai. Bisogna dare il giusto valore a tutti gli aspetti della vita

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò

La Torah nella Parashat Behar discute le varie leggi che si applicano durante tutto il periodo – l’anno del Giubileo – inclusa la restituzione delle terre vendute ai loro proprietari originali. Dopo aver presentato questa legge, la Torah procede a stabilire che la restituzione delle terre durante il giubileo influisce sul suo prezzo di vendita durante gli altri anni. Poiché la transazione è intrinsecamente temporanea, il valore della proprietà dipenderà da quando durante il ciclo di vita viene acquistato il terreno. La stessa proprietà venduta quarant’anni prima del Giubileo avrà un valore maggiore di dieci anni dopo, perché l’acquirente avrà dieci anni in meno per beneficiarne. La Torah comanda in questo contesto, “al tonu ish et achiv” (25:14) – che acquirenti e venditori devono agire in modo equo nel fissare i prezzi. Il semplice significato del verso è che proibisce, a chi vende la terra, di far pagare prezzi non ragionevoli che non tengano conto del numero di anni rimanenti fino al Giubileo. Tuttavia, la Gemara (Bava Metzia 51a) stabilisce che questo divieto – “ona’a” – si applica anche all’acquirente, e così come un venditore non può addebitare un prezzo irragionevolmente alto per la sua merce, un acquirente non può pagare un prezzo irragionevolmente basso.

Sebbene il divieto tecnico di ona’a si riferisca all’equità nel mercato, avvertendo acquirenti e venditori di non approfittare della conoscenza limitata dell’altra parte del valore della merce, potremmo anche indicare un concetto più ampio alla base di questa legge. Proprio come non dobbiamo ingannare gli altri vendendo ad un costo troppo la merce, allo stesso modo dobbiamo evitare di ingannare noi stessi sopravvalutando e pagando in eccesso per i molti diversi tipi di “merce” a nostra disposizione in questo mondo. Ogni giorno della nostra vita, dobbiamo prendere decisioni su quanto tempo, impegno e denaro investire in cose diverse. Dobbiamo scegliere quali beni materiali acquisire e quanto siamo disposti a pagare per ciascuno. Dobbiamo scegliere in quali relazioni investire e quanto investire in esse. E dobbiamo scegliere in quali attività vogliamo investire e quanto investimento fare. Il divieto di ona’a avverte che le persone sono inclini a essere indotte in errore nel pagare prezzi irragionevolmente alti per proprietà a buon mercato. Proprio come un campo grande e di alta qualità appare esteriormente prezioso, ma l’imminente insorgenza della tua vita ne abbassa il vero valore, allo stesso modo molte cose nella vita sembrano molto preziose e meritano un investimento considerevole, ma in verità ci offrono un vantaggio minimo. Dobbiamo quindi assicurarci di non “vendere” noi stessi “proprietà” a un costo irragionevolmente alto, di non “pagare” più di quanto dovremmo per beni e attività che ci offrono un valore limitato.

Come accennato, il divieto di ona’a vieta anche agli acquirenti di pagare un prezzo ingiustamente basso per la merce. Se vogliamo acquisire qualcosa di veramente prezioso, dobbiamo essere pronti a pagarlo per intero. Così come dobbiamo evitare l’errore di investire troppo in cose che offrono poco valore, così dobbiamo evitare l’errore di investire troppo poco in cose che, se paghiamo il giusto “prezzo”, ci offrono grandi vantaggi. Quando si tratta di ciò che ha un valore vero ed eterno, dobbiamo essere disposti e preparati a fare un investimento considerevole. Il comandamento di ona’a ci avverte della necessità di determinare con attenzione il vero valore di tutta la “merce” disponibile nel mondo, così evitiamo di pagare troppo per cose che ci offrono poco e di pagare troppo poco per cose che sono veramente prezioso.

Di Rabbi David Silverberg

(Foto: dipinto di Gerome Jean-Léon)

Menu