una parashà

Parashat Bamidbar

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
Il libro di Bamidbar inizia con un censimento degli israeliti. Ecco perché questo libro è conosciuto in inglese come Numbers. Ciò solleva una serie di domande: qual è il significato di questo atto di contare? E perché qui all’inizio del libro? Inoltre, ci sono già stati due precedenti censimenti delle persone e questo è il terzo nell’arco di un solo anno. Sicuramente uno sarebbe stato sufficiente. Inoltre, il conteggio ha qualcosa a che fare con la leadership?

Il punto da cui iniziare è notare è che sembra essere una contraddizione. Da un lato, Rashi dice che gli atti di contare nella Torah sono gesti d’amore da parte di Dio: “Poiché loro (i figli di Israele) Gli sono cari, Dio li conta spesso. Li contò quando stavano per lasciare l’Egitto. Li contò dopo il vitello d’oro per stabilire quanti erano rimasti. E ora che stava per far riposare la sua presenza su di loro (con l’inaugurazione del Santuario), li contava di nuovo”. (Rashi a Bamidbar 1: 1)

Quando Dio avvia un censimento degli israeliti, è per mostrare che li ama. D’altra parte, la Torah è esplicita nel dire che fare un censimento della nazione è irto di rischi:
Poi Dio disse a Mosè: “Quando fai un censimento degli Israeliti per contarli, ognuno deve dare a Dio un riscatto per la sua vita nel momento in cui viene contato. Quindi nessuna piaga verrà su di loro quando li numererai.” (Es.30: 11-12).

Quando, secoli dopo, il re Davide contò le persone, ci fu l’ira divina e settantamila persone morirono. Come può essere, se contare è un’espressione d’amore?

La risposta sta nella frase che la Torah usa per descrivere l’atto di contare: se’u et rosh, letteralmente, “alza la testa”. (Num. 1: 2) Questa è una strana espressione cirlocutoria. L’ebraico biblico contiene molti verbi che significano “contare”: limnot, lifkod, lispor, lachshov. Perché la Torah non usa queste semplici parole per il censimento, scegliendo invece l’espressione, “alza la testa” delle persone?

La risposta breve è questa: in ogni censimento, conteggio o appello c’è la tendenza a concentrarsi sul totale: la folla, la moltitudine, la massa. Ecco una nazione di sessanta milioni di persone, o un’azienda con centomila dipendenti, o una folla sportiva di sessantamila persone. Qualsiasi totale tende a valorizzare il gruppo o la nazione nel suo insieme. Più grande è il totale, più forte è l’esercito, più popolare è la squadra e più successo ha l’azienda.

Il conteggio svaluta l’individuo e tende a renderlo sostituibile. Se un soldato muore in battaglia, un altro prenderà il suo posto. Se una persona lascia l’organizzazione, qualcun altro può essere assunto per svolgere il proprio lavoro.

È anche noto che le folle tendono a far perdere all’individuo il proprio giudizio indipendente e seguire ciò che fanno gli altri. Chiamiamo questo “comportamento da branco” e talvolta porta alla follia collettiva. Nel 1841 Charles Mackay pubblicò il suo studio classico, Extraordinary Popular Delusions and the Madness of Crowds, che racconta della Bolla del Mare del Sud che costò a migliaia di persone i loro soldi negli anni ’20 del 1700, e la mania dei tulipani in Olanda quando intere fortune furono spese per un singolo tulipano lampadine. I grandi incidenti del 1929 e del 2008 hanno avuto la stessa psicologia della folla.

Da qui il significato di una caratteristica notevole del giudaismo: la sua insistenza di principio – come nessun’altra civiltà prima – sulla dignità e integrità dell’individuo. Crediamo che ogni essere umano sia stato creato a immagine e somiglianza di Dio. I saggi dicevano che ogni vita è come un intero universo. Maimonide ha scritto che ognuno di noi dovrebbe considerarsi come se il nostro prossimo atto potesse cambiare il destino del mondo. Ogni punto di vista dissenziente è accuratamente registrato nella Mishnah, anche se la legge è diversa. Ogni verso della Torah è capace, dicevano i saggi, di settanta interpretazioni. Nessuna voce, nessuna vista, viene messa a tacere. Il giudaismo non ci permette mai di perdere la nostra individualità nella massa.

C’è una meravigliosa benedizione menzionata nel Talmud da dire vedendo seicentomila israeliti insieme in un unico luogo. È: “Benedetto sei tu, Signore … che discerne i segreti”. Il Talmud spiega che ogni persona è diversa. Ognuno di noi ha attributi diversi. Tutti pensiamo i nostri pensieri. Solo Dio può entrare nella mente di ognuno di noi e sapere cosa stiamo pensando, e questo è ciò a cui si riferisce la benedizione. In altre parole, anche in una folla enorme dove, agli occhi umani, i volti si confondono in una massa, Dio si riferisce ancora a noi come individui, non come membri di una folla.

Questo è il significato della frase “alza la testa”, usata nel contesto di un censimento. Dio dice a Mosè che c’è il pericolo, quando si conta una nazione, che ogni individuo si senta insignificante. “Cosa sono? Che differenza posso fare? Sono solo uno dei milioni, una semplice onda nell’oceano, un granello di sabbia sulla riva del mare, polvere sulla superficie dell’infinito “.

Al contrario, Dio dice a Mosè di sollevare la testa delle persone mostrando che ciascuna conta; contano come individui. Infatti nella legge ebraica un davar she-be-minyan, qualcosa che viene contato, venduto singolarmente piuttosto che a peso, non è mai annullato nemmeno in un miscuglio di mille o un milione di altri. Nel giudaismo, il censimento deve sempre essere fatto in modo tale da segnalare che siamo valutati come individui. Ognuno di noi ha doni unici. C’è un contributo che solo io posso portare. Alzare la testa di qualcuno significa mostrargli il favore, riconoscerlo. È un gesto d’amore.

C’è, tuttavia, tutta la differenza nel mondo tra individualità e individualismo. Individualità significa che sono un membro unico e prezioso di una squadra. L’individualismo significa che non sono affatto un giocatore di squadra. Sono interessato solo a me stesso, non al gruppo. Il giudaismo dà valore all’individualità, non all’individualismo. Come ha detto Hillel, “Se sono solo per me stesso, cosa sono?”

Tutto ciò ha implicazioni per la leadership ebraica. Non ci occupiamo di contare i numeri. Il popolo ebraico è sempre stato piccolo e tuttavia ha ottenuto grandi cose. Il giudaismo nutre una profonda sfiducia nei confronti dei leader demagogici che manipolano le emozioni delle folle. Mosè al rovo ardente ha parlato della sua incapacità di essere eloquente. “Non sono un uomo di parole” (Es. 4:10). Pensava che questa fosse una carenza in un leader. In effetti, è stato l’opposto. Mosè non ha influenzato le persone dal suo oratorio. Piuttosto, li ha sollevati con il suo insegnamento.

Un leader ebreo deve rispettare gli individui. Devono “alzare la testa”. Se cerchi di guidare, per quanto piccolo o grande sia il gruppo che conduci, devi sempre comunicare il valore che dai a tutti, compresi quelli che gli altri escludono: la vedova, l’orfano e lo straniero. Non devi mai tentare di influenzare una folla facendo appello alle emozioni primitive della paura o dell’odio. Non devi mai calpestare le opinioni degli altri.

Di Rav Jonathan Sacks z”l

Menu