Balak e l'asina (dipinto di Rembrandt)

Parashat Balak. La leadership senza lealtà non è leadership

Appunti di Parashà a cura di Lidia Calò
La leadership è un insieme di abilità, la capacità di evocare e comandare il potere? O ha anche una dimensione essenzialmente morale? Può una persona cattiva essere un buon leader, o la sua cattiveria comprometterà la sua leadership? Questa è la domanda sollevata dalla figura chiave della parashat di questa settimana, il profeta pagano Bilam.

Innanzitutto, a titolo di introduzione, abbiamo prove indipendenti che Bilam sia effettivamente esistito. Una scoperta archeologica nel 1967, a Deir ‘Alla alla confluenza dei fiumi Giordano e Yabbok, ha portato alla luce un’iscrizione sul muro di un tempio pagano, datata all’VIII secolo a.e.v., che fa riferimento a un veggente di nome Bilam ben Beor, in termini notevolmente simili a quelli della nostra parashà. Bilam era una figura ben nota nella regione.

Le sue abilità erano chiaramente impressionanti. Era un virtuoso religioso, un ricercato sciamano, mago, incantatore e taumaturgo. Il re Balak dice, sulla base dell’esperienza o della reputazione: “So che chiunque tu benedici è benedetto, e chiunque tu maledici è maledetto” (Nm 22:6). La letteratura rabbinica non lo mette in discussione. Sulla frase “nessun profeta è sorto in Israele come Mosè, che il Signore conobbe faccia a faccia” (Dt 34,10), i Saggi arrivarono a dire: “In Israele non c’era nessun altro profeta così grande come Mosè , ma tra le nazioni c’era. Chi era questo profeta tra le nazioni? Era Bilam.”

Un’altra fonte midrashica dice che “Non c’era nulla al mondo che il Santo sia benedetto Egli non rivelò a Bilam, che superò persino Mosè nella saggezza della stregoneria.” A livello tecnico, Bilam aveva tutte le abilità.

Eppure il verdetto finale su Bilam è negativo. Nel capitolo 25 si legge dell’ironico seguito dell’episodio delle maledizioni/benedizioni. Gli israeliti, salvati da Dio dalle presunte maledizioni di Moab e Madian, subirono una tragedia autoinflitta lasciandosi sedurre dalle donne del paese. L’ira di Dio arde contro di loro. Diversi capitoli dopo (Num. 31:16) emerge che fu Bilam a ideare questa strategia: “Essi furono quelli che seguirono il consiglio di Bilam e furono i mezzi per allontanare gli Israeliti dal Signore in ciò che accadde a Peor, in modo che una piaga colpì il popolo del Signore”. Non essendo riuscito a maledire gli israeliti, Bilam alla fine riuscì a far loro un grave danno.

Quindi l’immagine che emerge dalle fonti ebraiche è di un uomo con grandi doni, un vero profeta, un uomo che i Saggi paragonarono a Mosè stesso – ma allo stesso tempo una figura di carattere imperfetto che alla fine portò alla sua caduta e alla sua reputazione di malvagio e uno di quelli menzionati dalla Mishnah, come a cui era stata negata una parte nel mondo a venire.

Qual era il suo difetto? Ci sono molte speculazioni, ma un suggerimento dato nel Talmud deduce la risposta dal suo nome. Qual è il significato del nome Bilam? Risponde il Talmud: significa “un uomo senza popolo” (belo am). Questa è una bella intuizione. Bilam era un uomo senza lealtà. Il re Balak lo mandò a chiamare dicendo: “Ora vieni e maledisci queste persone, perché sono troppo potenti per me … Perché so che quelli che benedici sono benedetti e quelli che maledici sono maledetti». Bilam era un profeta a pagamento. Aveva poteri soprannaturali. Poteva benedire qualcuno e quella persona avrebbe avuto successo. Poteva imprecare e quella persona sarebbe stata rovinata dalla sfortuna. Ma non c’è alcun accenno in nessuno dei resoconti, biblici o meno, che Bilam fosse un profeta in senso morale: che si occupasse della giustizia, del merito, dei diritti e dei torti di coloro le cui vite colpiva. Come un killer a contratto di età avanzata, Bilam era un solitario. I suoi servizi potevano essere acquistati. Aveva delle abilità e le usava con effetti devastanti. Ma non aveva impegni, né lealtà, né radicamento nell’umanità. Era l’uomo giusto, senza popolo.

Mosè era l’opposto. Dio stesso dice di lui: “Egli è [sommamente] leale in tutta la mia casa” (Numeri 12:7). Per quanto Mosè fosse deluso dagli Israeliti, non smise mai di discutere la loro causa davanti a Dio. Quando il suo intervento iniziale in loro favore, presso il Faraone, peggiorò la loro condizione disse a Dio: “Signore, perché maltratti il ​​tuo popolo? Perché mi hai mandato? (Esodo 5:22).
Quando gli Israeliti fecero il vitello d’oro e Dio minacciò di distruggere il popolo e ricominciare da Mosè, disse: “Ora, se vuoi, perdona il loro peccato. Se no, cancellami dal libro che hai scritto» (Esodo 32:32). Quando il popolo, demoralizzato dalla notizia delle spie, volle tornare in Egitto e l’ira di Dio ardeva contro di loro, disse: «Con il tuo grande amore, perdona il peccato di questa nazione, come l’hai perdonata [dal tempo hanno lasciato] l’Egitto fino ad ora” (Numeri 14:19).
Quando Dio minacciò la punizione durante la ribellione di Korach, Mosè pregò: “Ti arrabbierai con l’intera assemblea quando solo un uomo pecca?” (Numeri 16:22). Anche quando sua sorella Miriam parlò male di lui e fu punita dalla lebbra, Mosè pregò Dio per lei: “Ti prego Dio, guariscila ora”. (Numeri 12:13) Mosè non smise mai di pregare per il suo popolo, per quanto avesse peccato, per quanto audace fosse la preghiera, per quanto mettesse a rischio la sua relazione con Dio. Conoscendo i loro difetti, è rimasto completamente fedele a loro.

La parola ebraica emunah viene solitamente tradotta come “fede”, e questo è ciò che venne a significare nel Medioevo. Ma nell’ebraico biblico è meglio tradotto come fedeltà, affidabilità, lealtà. Significa non allontanarsi dall’altra parte quando i tempi sono difficili. È una virtù fondamentale del patto.

Ci sono persone con grandi doni, intellettuali e talvolta anche spirituali, che tuttavia non riescono a realizzare ciò che avrebbero potuto fare. Mancano delle qualità morali fondamentali di integrità, onestà, umiltà e soprattutto lealtà. Quello che fanno, lo fanno brillantemente. Ma spesso fanno le cose sbagliate. Consapevoli delle loro doti insolite, tendono a disprezzare gli altri. Cedono il passo all’orgoglio, all’arroganza e alla convinzione di poter in qualche modo farla franca con grandi crimini. Bilam è l’esempio classico, e il fatto che abbia progettato di indurre gli israeliti a peccare anche dopo aver saputo che Dio era dalla loro parte è una misura di come il più grande a volte può cadere per diventare il più basso degli umili.

Coloro che sono fedeli agli altri scoprono che gli altri sono fedeli a loro. Coloro che sono sleali alla fine vengono diffidati e perdono qualsiasi autorità avrebbero potuto avere una volta. La leadership senza lealtà non è leadership. Le abilità da sole non possono sostituire le qualità morali che fanno sì che le persone seguano coloro che le dimostrano. Seguiamo coloro di cui ci fidiamo, perché hanno agito in modo da guadagnarsi la nostra fiducia. Questo è ciò che ha reso Mosè il grande leader che Bilam avrebbe potuto essere, ma non lo è mai stato.

Di rav Jehonatan Sacks z”l

(Foto: Rembrandt, Balam e l’asina, (1626))

Menu