Per le classi secondarie una nuova innovativa Aula di arte e disegno

Scuola

di Dalia Gubbay, Assessore alle Scuole
Grazie alla Fondazione scuola e ad una generosa donazione che ha permesso di ristrutturare tutto il secondo piano delle superiori, l’aula preesistente è stata annessa a quella adiacente con una porta scorrevole creando un ambiente più ampio, colorato e luminoso e numerose alternative e possibilità di utilizzo.

Trovati tre bozzetti inediti di Modigliani sotto un suo dipinto in Israele

Arte

di Michael Soncin
Nel bel mezzo di un’approfondita analisi forense, non invasiva, utilizzando la tecnica dei raggi X high-tech, sono stati scoperti tre schizzi del grande artista ebreo livornese Amedeo Modigliani, sotto un suo dipinto, Nudo con cappello, realizzato nel 1908, custodito presso il Museo Hecht dell’Università di Haifa.

murale al festival di art Documenta

Germania: il festival Documenta rischia di perdere finanziamenti per accuse di antisemitismo

Mondo

di Redazione
Il principale festival tedesco di arte contemporanea Documenta sta affrontando la rimozione dei finanziamenti del governo federale poiché mercoledì sono emerse nuove accuse di antisemitismo tra i suoi curatori e gli artisti in mostra. Lo riporta il sito The Algemeiner.

La polemica sull’antisemitismo al festival – che si tiene ogni cinque anni nella città di Kassel e che presenta alcuni dei massimi esponenti mondiali dell’arte moderna – imperversa da gennaio, quando sono emerse le prime preoccupazioni sulla partecipazione di gruppi artistici che sostengono la campagna per isolare lo Stato di Israele attraverso un boicottaggio globale. Poco dopo l’apertura del festival il mese scorso, si è sviluppato un altro scandalo incentrato su un murale che includeva brutti stereotipi antisemiti – tra cui la raffigurazione di un soldato israeliano come un maiale che indossa un elmo decorato con le lettere “SS”, per i paramilitari nazisti organizzazione e una caricatura di un ebreo ortodosso con il naso adunco. Sebbene il murale sia stato rimosso dall’esposizione, il cancelliere tedesco, Olaf Scholz, ha annullato una visita al festival per protestare contro le immagini “disgustose” che conteneva.

Durante la controversia, politici di diversi partiti e l’alto funzionario del governo tedesco incaricato di combattere l’antisemitismo, Felix Klein, hanno chiesto che il finanziamento federale del festival sia rivisto e che i suoi organizzatori tedeschi e curatori indonesiani siano ritenuti responsabili.

È probabile che tali appelli si intensifichino in seguito alle rivelazioni nel notiziario Welt che mostrano che dozzine di artisti in mostra a Documenta hanno espresso sostegno alla campagna di “boicottaggio, disinvestimento e sanzioni” (BDS) contro Israele. Il Bundestag, il parlamento federale tedesco, nel maggio 2019 ha approvato una mozione che denunciava la campagna BDS come antisemita e esortava il governo a considerare le organizzazioni che sostengono l’eliminazione di Israele, o il boicottaggio di Israele, come non ammissibili al finanziamento statale.

Helge Lindh, portavoce per la politica culturale del partito al governo SPD, ha sollecitato il blocco dei finanziamenti di Documenta in attesa di un’indagine sulle accuse di antisemitismo.

“Il finanziamento pubblico di Documenta attraverso i fondi federali deve essere interrotto fino al completamento di un’indagine completa sullo scandalo dell’antisemitismo e sulle riforme fondamentali, strutturali e del personale”, ha affermato Lindh. “La direzione di Documenta deve dare un resoconto completo di come può essere che, oltre a diversi collettivi, una pletora di membri del team organizzativo abbia firmato tali appelli [pro-BDS]”. Ha sottolineato che i funzionari del festival ritenuti responsabili in questo senso dovrebbero affrontare “conseguenze personali”.

Il partito di centrodestra FDP nel frattempo ha invitato la direttrice di Documenta, Sabine Schormann, a lasciare il suo incarico.

“Schormann dovrebbe dimettersi”, ha dichiarato Linda Teuteberg, portavoce del partito per gli affari ebraici. “Il silenzio devastante e la mancanza di collaborazione della direzione di Documenta non indicano una seria volontà di fare i conti con la situazione e affrontarne le conseguenze”.

Sulla base di un’analisi di quanti degli oltre 2.000 artisti che hanno esposto alla mostra di quest’anno avevano firmato appelli per boicottare Israele, Welt ha riferito che almeno 84 partecipanti lo avevano fatto, inclusi 17 membri del team organizzativo del festival.

Alla richiesta di dimissioni di Schormann ha fatto eco Dorothee Bär, vicepresidente del gruppo parlamentare che riunisce i partiti Cdu e Csu. “Apparentemente c’è una concentrazione di sostenitori del BDS negli organi direttivi e nel centro artistico di Documenta”, ha osservato. “La portata dei legami anti-israeliani è sia vergognosa che sgomenta”.

Schormann, tuttavia, è rimasta resistente a tali richieste, rilasciando una dichiarazione mercoledì che cercava di rafforzare la reputazione malridotta del festival. Ha difeso l’opposizione dei curatori indonesiani del festival alle consultazioni con esperti esterni sull’antisemitismo, sostenendo che “temevano la censura”. Uno degli esperti, il prof. Meron Mendel dell’Anne Frank Educational Center, aveva precedentemente accusato gli organizzatori di Documenta di non aver preso sul serio le accuse e di “giocare per tempo”.

 

 

Jacob Kramer, Gli ebrei che pregano

Ebrei in Ucraina e l’arte: un legame indissolubile

Arte

di Sofia Tranchina
Che gli ebrei abbiano vissuto nel territorio dell’odierna Ucraina per oltre un millennio, in alleanza con le popolazioni locali nella lotta per i diritti civili e l’emancipazione nazionale, è testimoniato già nel Patericon del Monastero delle Grotte di Kiev (raccolta di racconti didattici sulle imprese spirituali cristiane, i cui primi scritti risalgono al 1200). Dalla stretta convivenza e dalle continue interazioni, è nata e si è sviluppata nei secoli una radicata collaborazione artistica.

Opera di William Congdon

Prorogata fino al 13 marzo al Memoriale della Shoah la mostra di disegni di William Congdon

Arte

di Roberto Zadik
Disegni dal realismo e dall’espressività davvero impressionanti, quelli del grande artista americano William Congdon (1912-1998), che raccontano le inenarrabili atrocità del lager di Bergen Belsen, protagoniste della mostra In The Death of one (Nella morte di una persona) al Memoriale della Shoah. Visto il grande successo, l’esposizione, che avrebbe dovuto concludersi lo scorso 31 gennaio, è stata prorogata.

La Piramide di Diaa Allam, esposta alla mostra di calligrafia Maktoub a Gerusalemme

Maktoub, una nuova mostra israelo-emiratina a Gerusalemme

Arte

di David Fiorentini
Dieci artisti dalle due nazioni si sono uniti per dare luce a “Maktoub”, una mostra di calligrafia in ebraico e arabo che farà parte della quinta edizione della prestigiosa Biennale di Gerusalemme, e sarà aperta fino al 20 dicembre.

'Il diaframma' opera di Anna Maria Tulli in mostra a Milano

Le Scatole della Memoria di Anna Maria Tulli in mostra a Milano

Arte

di Ilaria Ester Ramazzotti
Un reportage sui generis che intende far dialogare sul filo della memoria i lavori dei bambini di Terezin, alcuni dei quali artisti in erba, con le opere degli artisti contemporanei presenti a Praga e in altre città: questo sono le‘Scatole della Memoria’ dell’artista Anna Maria Tulli in mostra a Milano alla Lattuada Gallery fino al 30 novembre nell’esposizione ‘Centimetro x centimetro’.

Charlotte Salomon 'La notte dei cristalli'

10 ottobre 1943, muore ad Auschwitz Charlotte Salomon, artista della Shoah

Arte

di Roberto Malini
Fu autrice della serie dal titolo “Vita? O teatro?” in cui rappresentò le tappe della sua esistenza e della persecuzione subita dal suo popolo. Arrestata insieme al marito, la Solomon morì in una delle camere a gas di Auschwitz-Birkenau a soli 26 anni. Oggi i suoi lavori sono conservati presso lo Joods Historisch Museum di Amsterdam.