Singer, humour e meraviglia in ventuno racconti

Libri

di Fiona Diwan

Goebbels e Hitler che d’improvviso compaiono in una caffetteria di Broadway e uno spazzacamino che diventa un prodigioso veggente dopo una caduta dal tetto. Donne che perdono la ragione per non riuscire a generare un figlio e pseudo-intellettuali burloni che si divertono a imbastire scherzi crudeli. E ancora: i colombi di Central Park paragonati agli ebrei, e «come loro disarmati nella lotta per la sopravvivenza», con la certezza che sono i malvagi che fanno la storia, come dice il protagonista de I colombi, uno dei capolavori di questa raccolta. Ventuno racconti, l’intero ventaglio dei temi chiave della narrativa dello scrittore premio Nobel polacco-americano: il tema della catena generazionale (Il Figlio) e dell’amore coniugale (Il dottor Beeber, Altele), la dimensione del soprannaturale (Poteri, Lo Spazzacamino) e il gusto per il paradossale (La tavola calda), il milieu letterario yiddish di Varsavia (Un amico di Kafka), la vita nelle corti rabbiniche negli shtetl (Ospiti in una sera d’inverno), le paure e le nevrosi della vecchiaia (La Chiave). E, su tutto, l’esasperato autobiografismo.

Il miglior Isaac Bashevis Singer eccolo qui, nella magnifica traduzione di Katia Bagnoli: la solita immediatezza, i dialoghi fulminei, lo humour travolgente, l’immaginazione pirotecnica, il gusto del grottesco, la sorte che gioca scherzi bislacchi, la vita che è una partita a scacchi. E ancora: la polemica contro il razionalismo, l’ossessione per la memoria («Gli ebrei ricordano troppo. È la nostra disgrazia») e la voce del Kohelet che risuona nelle parole di incredibili personaggi («… tutto è vanità, tutti i filosofi sbagliano, tutti gli ideali sono sciocchi e ipocriti. L’uomo non è altro che un astuto scimmione. Comunque, quando non riesce a pagare l’affitto è un problema»), il salto repentino dal filosofico al quotidiano. Un ennesimo gioiello letterario.

Isaac Bashevis Singer, Un amico di Kafka, trad. Katia Bagnoli, a cura di Elisabetta Zevi, Adelphi, pp. 338, euro 22,00.

Menu