Un idsegnod i Will Eisner in mostra a Pordenone

A Pordenone, una mostra sul genio artistico di Will Eisner

di Nathan Greppi
Sebbene il suo genio sia riconosciuto all’unanimità da tutti gli appassionati di fumetto a livello mondiale, finora non era ancora stata allestita in Italia una grande mostra sulle sue opere. A rimediare ci ha pensato il PAFF! (Palazzo Arti Fumetto Friuli) di Pordenone, dove è stata recentemente realizzata la mostra The Spirit of Will Eisner, dedicata ad uno dei più grandi maestri del fumetto americano e mondiale. La mostra è stata inaugurata il 7 ottobre, e proseguirà fino al 26 febbraio 2023.

Chi era Will Eisner

Will Eisner a San Diego Comics nel 2004 (fonte: Wikipedia)

Nato a Brooklyn da genitori ebrei immigrati dalla Romania e dall’Impero austro-ungarico, William Erwin Eisner (1917 – 2005) ha iniziato la sua carriera come autore di fumetti negli anni ’30, e giunse al successo grazie al personaggio di The Spirit, a metà strada tra il detective e il supereroe. La serie venne pubblicata dal 1940 al 1952, ed è ancora oggi considerata un classico del fumetto americano, tanto che ne venne tratto un film nel 2008.

Quando gli americani entrarono nella Seconda Guerra Mondiale, Eisner venne chiamato alle armi, e in tale occasione realizzò strisce a fumetti commissionategli dal Pentagono, per promuovere le attività dell’esercito.

Dopo la fine di The Spirit, Eisner smise di realizzare fumetti per più di vent’anni, fino al 1978: quell’anno, uscì Un Contratto con Dio, considerato uno dei primi romanzi a fumetti della storia. In questa e in altre sue opere, ha raccontato le vicende degli ebrei nella New York della prima metà del ‘900, con tutti i problemi che dovevano affrontare: la Grande Depressione, l’antisemitismo, la spinta all’assimilazione.

La sua ultima graphic novel, pubblicata postuma nel 2005, era una rivisitazione critica del Protocolli dei Savi di Sion, Il complotto: la storia segreta dei Savi di Sion, che uscì con un’introduzione scritta da Umberto Eco.

È tuttora ritenuto una pietra miliare del fumetto statunitense, al punto che a partire dal 1988 gli è stato dedicato l’Eisner Award, ancora oggi uno dei più prestigiosi premi fumettistici al mondo.

La mostra

La mostra, allestita presso la Villa di Parco Galvani a Pordenone, ripercorre la carriera di Eisner includendo 180 originali compresi tra tavole definitive e schizzi, oltre a 126 pubblicazioni d’epoca. Le varie esposizioni sono suddivise in cinque sezioni diverse, suddivise per tema.

Le sezioni in cui è divisa la mostra sono: 1) Lo Spirito del thriller, sull’impatto dei thriller nel mercato del fumetto americano degli anni ’30; 2) Lo Spirito della sintesi, che raccoglie storie brevi di The Spirit complete; 3) Lo Spirito creativo, sulle tecniche narrative e le principali opere di Will Eisner sul piano grafico; 4) Lo Spirito ispiratore, sull’influenza di Eisner sulle generazioni successive di fumettisti che in lui hanno visto un modello; 5) Lo Spirito del Graphic novel, sui suoi romanzi a fumetti a partire da Un Contratto con Dio.

Giulio De Vita, Direttore artistico del PAFF! e curatore della mostra, ha dichiarato: “Ci sono pochi nomi essenziali e imprescindibili nella storia del fumetto, di quelli che con il loro lavoro e arte hanno contribuito a trasformare un linguaggio di popolare sottocultura a un medium di primaria importanza, influente e determinante nella società dell’immagine moderna e uno di questi è Will Eisner”.

Locandina della mostra su Will Eisner al Paff a Pordenone