LO sport è sport: il messaggio di pace dei judoka iraniano e israeliano

“Lo sport è sport, non politica”: il messaggio di pace dei judoka iraniano e israeliano da Tokyo

di Redazione
L’atleta iraniano e campione di judo Vahid Sarlak e l’allenatore nazionale di judo israeliano Shani Hershko hanno inviato un messaggio di amicizia nello sport dai Giochi Olimpici di Tokyo, mentre il concorrente israeliano Tohar Butbul ha affrontato una seconda mancata presentazione da parte di un avversario programmato che boicottava lo stato ebraico. Lo riporta Algemeiner.

“Sono accanto agli atleti israeliani. Ho un grande messaggio per voi. Amano davvero gli iraniani. Lo sport è sport, non politica“, ha detto Sarlak, sedendosi fianco a fianco e abbracciando Hershko. “Ho filmato questo per mostrare che gli atleti mondiali amano l’Iran, che uno sia israeliano o iraniano. Siamo tutti esseri umani con una nazionalità. Non abbiamo frontiere tra gli esseri umani».

“Ci piace il popolo iraniano. Siamo amici. Possiamo fare tante cose insieme, lavorare insieme. Per me, siamo come fratelli come una famiglia”, ha detto Hershko, che allena la squadra di judo femminile. “Quindi vorrei potere un giorno andare in Iran e voi venire in Israele ed essere nostri amici. Non ci interessa la politica qui. Ci teniamo alle persone, a sorridere per essere felici di fare judo e combattere sul tatami”.

https://twitter.com/AlinejadMasih/status/1419642352587710464?ref_src=twsrc%5Etfw%7Ctwcamp%5Etweetembed%7Ctwterm%5E1419642352587710464%7Ctwgr%5E%7Ctwcon%5Es1_&ref_url=https%3A%2F%2Fwww.algemeiner.com%2F2021%2F07%2F26%2Fisraeli-athletes-love-iranians-sport-is-sport-not-about-politics-iranian-israeli-judokas-send-message-of-peace-friendship-in-sports-from-tokyo%2F

Il videomessaggio è arrivato quando due judoka si sono ritirati dai Giochi Olimpici di Tokyo perché non volevano combattere contro l’atleta israeliano Tohar Butbul. Lunedì 26 luglio il judoka sudanese Mohamed Abdalrasool si è rifiutato di presentarsi per la sua lotta contro Butbul nella categoria 73 kg. Ma qualche giorno prima il judoka algerino Fethi Nourine e il suo allenatore sono stati sospesi dalla Federazione internazionale di judo e rimandati a casa dopo essersi ritirati dalle Olimpiadi di Tokyo per evitare di competere contro Butbul. Nourine ha detto alla TV algerina che il suo sostegno politico alla causa palestinese gli ha reso impossibile competere con Butbul.

L’Iran ha una storia di divieto agli atleti di competere contro Israele nei tornei internazionali. All’inizio di questo mese, Sarlak ha dichiarato alla CNN che in passato è stato costretto a perdere partite per evitare di competere contro avversari israeliani.

“La Repubblica Islamica dell’Iran vuole che gli iraniani odino gli israeliani. Ma a molti iraniani e israeliani ordinari non interessa la politica”, ha commentato la giornalista e attivista iraniana Masih Alinejad.

Menu