Da sinistra, l'iraniano Saeid Mollaei e l'israeliano Sagi Muki

“Ti insegnano a odiare”: gli atleti iraniani parlano del trauma di dovere rinunciare alle partite con gli avversari israeliani

Mondo

di Redazione
Alcuni atleti iraniani che sono fuggiti dal loro paese d’origine e ora vivono in esilio hanno condiviso con CNN Sport i dettagli delle loro esperienze personali con l’essere stati costretti a lasciare partite per evitare di competere contro avversari israeliani. Lo riporta il sito Algemeiner.

Il judoka: “Anche pronunciare il nome Israele non è accettato in Iran”

Al Judoka Vahid Sarlak, 40 anni, è stato detto per la prima volta di perdere una partita all’età di 17 anni ai Campionati mondiali juniores del 1998. In un rapporto pubblicato giovedì, ha detto che era troppo giovane per pensarci molto in quel momento, ma che quando gli è stato ordinato di fare lo stesso ai Mondiali del 2005 al Cairo, “è stato il momento più difficile della mia vita”, ha ricordato. “Stavo solo piangendo e chiedendo perché? Perché dovrei perdere? Ricordo che il mio allenatore mi ha schiaffeggiato e mi ha detto: ‘Sai che devi andare a perdere la partita’”.

Gareggiando nella categoria dei 60 kg e in procinto di vincere una medaglia di bronzo, Sarlak doveva affrontare un avversario dell’Azerbaigian, seguito dall’israeliano Gal Yekutiel. Ha detto che il suo allenatore gli ha detto: “Il tuo prossimo avversario sarà un israeliano e non ci sarà permesso di partecipare a una partita con gli israeliani”. Dopo che è stato annunciato il forfait di Sarlak, il suo allenatore lo ha scortato fuori dall’arena e di nuovo al loro hotel, non dandogli la possibilità di guardare il resto della competizione.

“Ho rotto tutte le finestre della mia stanza”, ricorda Sarlak. “È stato il giorno più brutto della mia vita. Un buco si è aperto dentro di me e quel buco è ancora aperto. Il sogno di avere quella medaglia è rimasto con me. Non li perdonerò mai”. Ha aggiunto: “Anche ora, quando vedo il mio avversario azero, mi dice: ‘La tua medaglia è in mostra a casa mia. La tua medaglia è sul mio collo ora. Non lo volevi e l’ho vinto.’ Questo non verrà mai cancellato dalla mia mente.

Sarlak ha detto a CNN Sport che anche pronunciare il nome Israele non è accettato in Iran. Ha spiegato: “Lo sappiamo tutti, ma l’intensità di questo problema è più evidente con gli atleti perché affrontiamo sfide con Israele. La gente comune potrebbe non averne a che fare, [ma] questo problema è un punto critico per gli atleti che non andrà mai via”.

Ha aggiunto: “Ogni iraniano ha un passaporto. Nella prima pagina è scritto che puoi viaggiare in qualsiasi paese tu voglia andare, eccetto “la Palestina occupata”.

Sardar Pashaei, ex wrestelr iraniano, è fra gli atleti iraniani che hanno parlato a CNN Sport
Sardar Pashaei, ex wrestelr iraniano, è fra gli atleti iraniani che hanno parlato a CNN Sport

L’ex wrestler: “Ti portano via la tua dignità”

Sardar Pashaei, ex wrestler e allenatore campione del mondo junior, è fuggito dall’Iran nel 2008 e ora vive negli Stati Uniti. È stato coinvolto nella campagna United for Navid per salvare la vita del wrestler iraniano Navid Afkari, giustiziato nel settembre 2020. Pashaei ha detto a CNN Sport di aver visto uno dei suoi lottatori in Iran, Babak Ghorbani, non essere autorizzato a combattere perché era abbinato ad un atleta israeliano.

Era seduto sul palco dello stadio e non poteva crederci. Piangeva e piangeva. Mi stava dicendo: “Sai quanto ho lavorato duramente! Non me lo merito!’ Ha condiviso Pashaei. “Non si tratta solo di perdere una partita, influisce su tutta la tua vita. La tua dignità è stata portata via da altre persone, persone che di solito sono membri del servizio di intelligence [iraniano] che non conoscono il dolore di essere un atleta. Questo è sport, deve parlare di pace e amicizia, ma ti insegnano a odiare”.

Ha spiegato che i funzionari iraniani hanno il controllo totale degli atleti, nonostante le loro smentite al Comitato Olimpico Internazionale (CIO). “È una grande bugia”, ha detto. “Ogni singolo viaggio, ci sono membri dell’intelligence di sicurezza che osservano gli atleti 24 ore su 24, 7 giorni su 7 e se fanno qualcosa di sbagliato, sono stati puniti”.

“Voglio chiedere [al] CIO, “ne sei a conoscenza? Parli di uguaglianza di genere e di razza. Sei consapevole che uno dei tuoi membri viola continuamente lo statuto? Sei stato in silenzio su questo; non saremo messi a tacere.”

Il karateka accusato di  volere essere una spia israeliana

CNN Sport ha anche parlato con l’ex campione internazionale di karate iraniano Mahdi Jafargholizadeh, che ora vive in Finlandia. Jafargholizadeh ha detto di essere stato incarcerato nel 2004 dopo essere stato accusato di voler essere una spia israeliana, dove è stato torturato e interrogato per mesi e minacciato di morte.

Ad aprile, la Federazione internazionale di judo (IJF) ha imposto un divieto di quattro anni all’Iran per “violazioni ripetute e molto gravi” delle regole dell’organizzazione dopo aver costretto nel 2018 il judoka iraniano Saeid Mollaei a non gareggiare contro un atleta israeliano, Sagi Muki (a destra nella foto). Tra i due è poi nata un’amicizia.Per questo l’Iran era stato bandito dalle gare di judo.

La United for Navid Campaign ha scritto lettere ai leader del CIO e ha chiesto un’azione immediata contro il Comitato olimpico nazionale iraniano per aver discriminato i diritti degli atleti iraniani e aver politicizzato lo sport.

In una lettera inviata il 25 marzo, Pashaei ha dichiarato al CIO: “Attendiamo con impazienza la tua risposta tempestiva. Ogni giorno che passa senza azione si traduce in più maltrattamenti a danno degli atleti”.

Menu