L'attenato all'AMIA a Buenos Aires

Jair Bolsonaro dichiara: “Soleimani fu il responsabile dell’attacco all’AMIA a Buones Aires nel 1994”

di Redazione
Il generale iraniano Qassem Soleimani, capo dell’unità dell’IRGC Al Quds, ucciso la settimana scorsa in un attacco aereo americano in Iraq, era dietro l’attentato dinamitardo contro il centro ebraico della Mutual Israeli Argentine Association (Amia) a Buenos Aires il 18 luglio 1994, secondo quanto riferito dai media argentini.

Il presidente del Brasile, Jair Bolsonaro, che ha sostenuto l’operazione USA in cui è stato ucciso Soleimani, ha affermato di aver ricevuto informazioni secondo cui il comandante della forza iraniana dei Quds ha partecipato all’attacco al gruppo ebraico argentino nel 1994. «La sua vita precedente [quella di Soleimani] si è concentrata principalmente sul terrorismo. E, qui in Brasile, la nostra posizione è molto semplice: tutto ciò che possiamo fare per combattere il terrorismo, lo faremo», ha detto Bolsonaro.

Il coinvolgimento di Soleimani nel bombardamento di Buenos Aires è stato ricordato da politici e giornali israeliani venerdì. “Mi congratulo con il presidente Donald Trump e l’intero Medio Oriente per l’azione che ha ucciso Soleimani -, ha dichiarato Yair Lapid, leader del partito israeliano di opposizione blu e bianco -. Ha pianificato e condotto attacchi mortali terroristici da Damasco a Buenos Aires ed è responsabile dell’omicidio di migliaia di civili innocenti. Ha ottenuto esattamente ciò che meritava», ha detto.

L’attentato del 1994

L’atto terroristico, il peggiore della storia dell’Argentina, è stato innescato da un furgone carico di 400 chili di esplosivo e ha lasciato 85 morti e 300 feriti. Due anni prima, un altro attacco ha distrutto l’edificio dell’ambasciata israeliana a Buenos Aires. Un agente di Hezbollah è stato accusato di essere la mente dietro l’attacco ordinato dall’Iran. Soleimani è stato nominato nel caso AMIA in Argentina dal 2003 in poi, un rapporto che non è mai stato addebitato, secondo il quotidiano argentino Clarin.

Secondo quanto riferito, l’ordine di azione a Buenos Aires è arrivato dall’Ayatollah Ali Khamenei, il leader supremo dell’Iran, durante una riunione tenutasi nell’agosto 1993. Spetta a Soleimani organizzare l’azione nei prossimi 11 mesi. Soleimani, tuttavia, ha attirato l’attenzione delle autorità giudiziarie argentine quando ha reso omaggio all’ex capo del servizio di sicurezza estero di Hezbollah libanese, Imad Moughnieh, che è stato accusato di essere stato il cervello dietro i bombardamenti dell’edificio AMIA. In Libano, Soleimani era stato visto pregare da solo sulla tomba di Imad Mougnieh che fu ucciso da Israele”.

Hezbollah ha giurato vendetta dopo che uno dei suoi principali comandanti, Imad Moughnieh, è ​​stato ucciso in un attacco a Damasco di cui il gruppo ha ritenuto responsabile Israele.

La verità nel rapporto di Nisman

Quando Moughnieh è stato ucciso nel 2008, il procuratore argentino incaricato delle indagini sui bombardamenti dell’AMIA, Alberto Nisman, ha detto ai giornalisti che Moughnieh era “il principale responsabile operativo dell’attacco”. Come è noto, però, Nisman era stato trovato morto qualche ora prima di presentare ai parlamentari delle prove relative alle sue accuse contro il presidente Cristina Kirchner e il ministro degli esteri Timerman, colpevoli secondo lui di avere preparato un “piano di impunità” per “proteggere i fuggitivi iraniani” responsabili dell’attentato. Il rapporto di 11 pagine in inglese affermava che due membri della Forza Quds Kaml Za’re e Karim Zadeh sarebbero stati in Argentina nel 1993, presumibilmente svolgendo compiti di intelligence prima dell’attacco del 1994. Ha detto che Ashari è stato inviato come terzo segretario dell’ambasciata iraniana a Buenos Aires per presumibilmente assumere il piano di attacco.

Il documento fornisce una spiegazione dettagliata della nascita e dell’espansione della Forza Quds, della sua organizzazione e dei suoi presunti attacchi terroristici all’estero. Sottolinea che il quartier generale della base è a Teheran e che “il comandante (nel 2003) è il generale di brigata della guardia, Qasem Soleimani e il suo vice comandante è il generale di brigata della guardia Rabiee, che lavora a stretto contatto con il ministero (di Intelligence) e partecipa agli incontri più importanti ”.

Il rapporto fu consegnato all’ambasciata argentina a Londra perché dal 21 agosto dello stesso anno l’ex ambasciatore iraniano a Buenos Aires, Hadi Soleimanpour, era stato arrestato da Scotland Yard su richiesta del giudice Galeano: era sospettato di aver sostenuto il gruppo Hezbollah che ha perpetrato l’attacco.

Infine, l’estradizione non si è concretizzata perché il ministero dell’Interno britannico non ha voluto affrontare il rischio rappresentato dalla misura e dopo che l’ambasciata inglese a Teheran è stata colpita.

 

 

Menu