Amal e George Clooney

George e Amal Clooney premiati dal Simon Wiesenthal Center per il loro impegno umanitario

di Redazione
George e Amal Clooney sono stati premiati dal Simon Wiesenthal Center (SWC) mercoledì 28 ottobre durante  la 40° cena di tributo nazionale dell’SWC e del Museo della tolleranza, tenutasi quest’anno per la prima volta online a causa della pandemia di coronavirus.

I due coniugi insieme hanno fondato la Fondazione Clooney che si occupa di giustizia e di lotta alla violazione dei diritti umani.

Citando i recenti genocidi e le atrocità in tutto il mondo, ha commentato: “Abbiamo detto più e più volte ‘Mai più’, e lo intendiamo sul serio, tutti noi. Ma la verità è che non siamo molto bravi in ​​questo. Falliamo più spesso di quanto riusciamo, e questo fa parte del problema. ”

“Sbagliamo molto più di quanto vorrei”, ha aggiunto. “Non significa che non ci proviamo. Non significa che non continuiamo a spingere quella palla su per la collina. Queste non sono mai soluzioni facili, ma se ricordiamo sempre la parola tolleranza, questa è la chiave. Tolleranza per tutte le razze [e] tolleranza per tutte le religioni. Questo è ciò che conta. Questa è la parte più importante. ”

Durante il gala è stato anche presentato brevemente il film “Never Stop Dreaming: The Life and Legacy of Shimon Peres” sull’ex presidente israeliano, in cui Clooney è la voce narrante: prodotto da Moriah Films di SWC, sarà presentato in anteprima nelle prossime settimane come documentario originale di Netflix.

Durante il Gala sono stati conferiti anche altri premi. Le medaglie al valore sono state conferite a:  Dame Louise Ellman DBE, per il suo impegno pluridecennale nella lotta all’antisemitismo nel Regno Unito; Douglas Miguel Rodriguez (postumo), dell’Ecuador, ucciso mentre cercava di proteggere gli altri dai terroristi antisemiti che hanno fatto irruzione in un supermercato kosher di Jersey City dove lavorava; Francesco Lotoro e Grazia Tiritiello, musicologi italiani marito e moglie che hanno dedicato la loro carriera al collezionismo, alla conservazione e all’esecuzione di musiche di musicisti ebrei che erano prigionieri durante l’Olocausto.

Inoltre, si sono tenute le relazioni pluriennali del Centro Simon Wiesenthal sul coinvolgimento dei leader negli Emirati Arabi Uniti, Bahrein, altri paesi del Golfo e arabi, inclusi gli incontri con il Principe ereditario degli Emirati Arabi Uniti, il Re del Bahrein, 5 missioni in questi paesi e La Giornata Nazionale degli Emirati Arabi Uniti si è tenuta l’anno scorso al Museo della Tolleranza. Inoltre, è stato trasmesso il discorso di Papa Francesco alla delegazione del Centro Simon Wiesenthal in Vaticano all’inizio di quest’anno, dove parla della lotta all’antisemitismo e all’odio.

(Foto: sito Simon Wiesenthal Center)

Menu