commemorazone della liquidazione del ghetto di Varsavia

Varsavia ricorda la liquidazione del Ghetto nel 1942

Mondo

di Redazione
Venerdì 22 luglio Varsavia ha commemorato l’80° anniversario dell’inizio della liquidazione da parte della Germania nazista del ghetto ebraico della città, un’operazione che causò la morte di 260.000 ebrei.

Alcune centinaia di persone hanno preso parte ad una marcia organizzata in ricordo della deportazione degli ebrei dal ghetto nel campo di sterminio nazista di Treblinka. I partecipanti alla marcia indossavano nastri con nomi simbolici dei deportati.

Organizzata da 12 anni, la marcia è stata dedicata quest’anno al tema delle vittime delle deportazioni e degli sfollamenti forzati, mentre milioni di ucraini sono stati costretti ad abbandonare le proprie case a causa della guerra lanciata dalla Russia a febbraio.

Il ghetto, “era questa divisione tra coloro che erano rinchiusi lì e che erano (presentati come) ‘i cattivi’ e ‘i buoni'” che vivevano fuori dal recinto, ha detto Michael Schudrich, il rabbino capo della Polonia, durante una cerimonia. Oggi il presidente russo Vladimir Putin “ha provato ancora una volta a dividere le persone”, ha sottolineato.

“Ogni volta che sento parlare di una divisione tra buoni e cattivi, è un allarme rosso per me”, ha insistito Schudrich.

Un anno dopo aver invaso la Polonia il 1 settembre 1939, gli occupanti tedeschi avevano creato nell’ottobre 1940 nel cuore di Varsavia un distretto speciale per rinchiudere quasi mezzo milione di ebrei, il più grande di tutti i ghetti durante la seconda guerra mondiale.

Un’immagine della liquidazione del Ghetto di Varsavia

Fame e malattie decimarono questa popolazione stipata in un’area di appena 3 chilometri quadrati. Il 22 luglio 1942 un decreto annunciava la liquidazione del ghetto. 

In tre mesi, 260.000 persone, ovvero un quarto della popolazione della capitale, furono deportate nel campo di Treblinka e uccise. Dopo tre mesi di deportazioni, in questo ghetto rimasero solo 35.000 ebrei registrati e altri 25.000 che vi risiedevano nascosti.

Il decreto sulla liquidazione del ghetto fu emanato nell’ambito dell’operazione “Reinhardt” per lo sterminio degli ebrei, varata nel 1941 dai tedeschi nell’area del Governo Generale, il territorio della Polonia occupata, che si estendeva da Varsavia a nord, Cracovia a sud e Lublino a est. Durante questa operazione, due milioni di ebrei morirono nei campi di sterminio nazisti di Treblinka, Sobibor e Belzec.

(Fonte foto: PlskieRadio.pl. Photo: PAP/Paweł Supernak)

 

Menu