Usa: in 23.000 partecipano alla manifestazione online contro gli ultimi episodi di antisemitismo

Mondo

di Redazione
Hanno partecipato in 23.000 giovedì 27 maggio alla manifestazione virtuale contro l’antisemitismo organizzata dall’Anti Defamation League (ADL) sulla scia di un aumento dell’antisemitismo a livello nazionale dopo il recente conflitto fra Israele e Gaza. Gli ebrei sono stati aggrediti e sinagoghe e altri luoghi ebraici vandalizzati nelle città di tutto il paese.

Come riporta JTA, l’evento ha visto un raro accordo tra i leader repubblicani e democratici al Congresso sulla necessità di combattere l’odio per gli ebrei. Un rappresentante del presidente Joe Biden ha pubblicizzato le azioni della sua amministrazione per combattere l’odio, e i repubblicani hanno menzionato un disegno di legge che avevano proposto per combattere l’antisemitismo, ma nessuna delle due parti ha menzionato l’altra.

Invece, il presidente della Camera Nancy Pelosi, il leader della minoranza alla Camera Kevin McCarthy, il leader della maggioranza al Senato Chuck Schumer (che è ebreo) e il leader della minoranza al Senato Mitch McConnell hanno tutti denunciato l’antisemitismo usando messaggi in gran parte simili.

“Nelle ultime settimane abbiamo assistito a un picco preoccupante di fanatismo e violenza contro le comunità ebraiche in tutto il paese e nel mondo”, ha detto Pelosi. “Questo odio è orribile e straziante. Non dobbiamo esitare a chiamarlo per quello che è: antisemitismo “.

McCarthy ha promesso che “i mostri che stanno attaccando gli ebrei americani [affronteranno] una giustizia rapida e duratura”. Schumer ha detto che “l’antisemitismo è vile, riprovevole e contrasta tutto ciò che l’America rappresenta”. McConnell ha detto che “il mondo moderno sa fin troppo bene cosa succede quando questo male si scontra con il silenzio”.

L’evento ha visto la partecipazione di un’ampia platea di politici, celebrità e leader religiosi, dal Hall-of-Famer dell’NBA Ray Allen a Timothy Dolan, l’arcivescovo cattolico di New York, che ha parlato stando in piedi accanto a una menorah.

C’erano rappresentanti di organizzazioni che rappresentavano neri, latini, cinesi, musulmani e indiani d’America, tra gli altri. Molti degli oratori hanno sottolineato la necessità di sradicare tutte le forme di odio, un approccio che alcuni hanno criticato per aver attenuato il problema unico dell’antisemitismo.

L’evento ha ricordato la marcia dello scorso anno contro l’antisemitismo a New York City, che ha portato 25.000 persone a camminare sul ponte di Brooklyn per protestare contro una serie di attacchi alla fine del 2019 contro gli ebrei nell’area di New York.

Vorrei che non dovessimo essere qui, a manifestare in difesa delle comunità ebraiche in tutto il mondo e proprio qui nel nostro paese”, ha detto il rappresentante della Florida Ted Deutch, che è ebreo. “Ma lo facciamo. Lo facciamo sempre, perché nessuno di noi rimarrà in silenzio mentre gli ebrei vengono intimiditi, minacciati, attaccati e persino uccisi a causa di ciò che siamo “.

Menu