Rskana Gamrnik Monsatyrska

“Siamo in 50 in 4 stanze”. Parla la direttrice della Fondazione ebraica di Kiev che ora aiuta i profughi

di Anna Lesnevskaya
“Per la primavera avevamo in programma un festival musicale ebraico “Shalom Ucraina” e un festival teatrale “Stelle vaganti”, racconta a Mosaico Roksana Gamarnik-Monastyrska, presidente della Fondazione ebraica dell’Ucraina, con sede a Kiev. Progetti nei tempi di pace che ora sembrano un lontano ricordo. La vita di Roksana, come quella di milioni di suoi concittadini, è cambiata drasticamente il 24 febbraio quando il presidente russo Vladimir Putin ha dato l’ordine di invadere l’Ucraina. Dopo alcuni giorni passati in un rifugio nella casa di amici a Kiev, Roksana è fuggita con due figlie e altre quattro famiglie per stabilirsi in un villaggio nella regione di Ivano-Frankivsk, nell’ovest del Paese, relativamente sicuro e già strabordante di profughi.

I letti preparati dalla Fondazione Ebraica per i rifugiati

“Nella casa della madre del nostro amico che ci ospita e che dispone di sole quattro stanze continuano ad arrivare le persone, ogni giorno ci ritroviamo in 40-50, andiamo a prendere la gente alla stazione, diamo loro da mangiare e cerchiamo per tutti una sistemazione”, ci racconta Roksana. Per gli sfollati è stata messa a disposizione una stanza presso un asilo locale e un’altra al centro sociale dove ora la Fondazione ebraica dell’Ucraina ha organizzato dei posti letto e ha disperatamente bisogno di aiuti per le persone che sono scappate solo con i vestiti che avevano indosso. Serve il cibo, l’abbigliamento, medicine, biancheria.

“Ieri dalla regione di Kharkiv è arrivata una famiglia composta dalla nonna e sei bambini da 3 anni a 21 anni, il ragazzo più grande è disabile”, continua Roksana. “Abbiamo accolto anche una famiglia di Kharkiv, una donna incinta, sua sorella e un ragazzo di 13 anni che si erano rifugiati per 12 giorni in un parcheggio sotterraneo. Quando abbiamo servito loro un piatto di minestrone, il modo in cui il ragazzo lo guardava e ci ringraziava ha fatto scoppiare in lacrime mia figlia”.

Alla guida della Fondazione ebraica dell’Ucraina Roksana ha preso il testimone da suo marito Arkadij Monsatyrskij, scomparso prematuramente nel 2017. Monastyrskij è stato agli albori della rinascita culturale ebraica in Ucraina alla fine degli anni Ottanta del secolo scorso e ha anche presieduto il Consiglio civico presso il Ministero dell’Istruzione ucraina. Proprio sotto la sua presidenza nelle scuole del Paese è stata introdotta la didattica della Shoah. “Ogni anno quando commemoriamo le vittime della Shoah ci diciamo che una cosa del genere non deve succedere mai più”, dice Roksana. “Ma ora c’è la guerra, siamo stati attaccati da Putin alle 4 del mattino, come quando Hitler lanciò l’assalto contro l’Urss. Penso all’anziana zia di mia mamma, sopravvissuta all’Olocausto e scampata al massacro di Babij Yar, che ora è rimasta da sola a Kiev perché non avrebbe retto al viaggio”.

Per donare alla Fondazione ebraica dell’Ucraina (БО «Єврейський Фонд в Україні»)
Conto corrente EUR UA223052990000026007005005158