Vladimir Putin (Wikimedia Commons, autore The Presidential Press and Information Office)

L’ex autore di Putin: “Solo Bennett è in grado di fargli ascoltare ragioni

Mondo

di Redazione
Se Putin “avesse saputo cosa sarebbe successo” dopo aver invaso l’Ucraina, “non l’avrebbe mai fatto”. Lo ha dichiarato Abbas Gallyamov, ex scrittore di discorsi per il presidente russo Vladimir Putin che attualmente vive in Israele in un’intervista al canale televisivo israeliano Kan. Lo riporta Algemeiner.

La famiglia di Abbas Gallyamov risiede in Israele da quattro anni mentre lui si recava in Russia per lavorare come scrittore di discorsi e consulente, ma ora vive permanentemente in Israele.

Putin, ha detto all’emittente israeliana Kan, “è pronto a fermare” l’invasione, ma “ha bisogno di un trofeo da presentare al grande pubblico russo e alle élite russe”.

Gallyamov ha affermato che Putin credeva che la sua invasione dell’Ucraina sarebbe stata rapida e decisiva, e che sarebbe finita nel giro di “due o tre giorni”, dopodiché sarebbe stato in grado di imporre un governo fantoccio. Il presidente russo, ha aggiunto, “capisce di essersi messo nei guai e sicuramente non ci contava”.

Inoltre, secondo Gallyamov, il motivo principale dell’invasione non aveva “niente a che fare con l’Ucraina o con gli Stati Uniti o con la NATO”, ma con il declino della popolarità interna di Putin.

“Le sue valutazioni stanno scendendo negli ultimi tre, quattro anni”, ha detto, “e i sentimenti di protesta crescono e Putin dovrà affrontare seri problemi”.

Questo, ha aggiunto, ha spinto Putin a iniziare la guerra nella speranza di un “effetto rally attorno all’effetto bandiera” che avrebbe aumentato la sua popolarità.

Alla domanda sulle recenti mosse diplomatiche di Israele per mediare tra Mosca e Kiev – inclusa la visita del fine settimana del primo ministro Naftali Bennett in Russia, dove ha incontrato personalmente Putin – Gallyamov ha affermato che se il leader russo è disposto ad ascoltare la ragione, “sicuramente il primo ministro è il solo in grado di portarlo a quetso”. “Sappiamo tutti che, tra tutti i paesi del primo mondo, tra tutti i paesi democratici, Israele ha le migliori relazioni con la Russia”, ha spiegato. “E Putin tratta davvero Israele in modo diverso. … Quindi, se c’è qualcosa in generale che può aiutare l’Occidente e la Russia a trovare un terreno comune, allora è attraverso Israele”.

Vladimir Putin (Wikimedia Commons, autore The Presidential Press and Information Office)

Menu