L’ennesima infamia dell’Unesco: cosa c’entrano gli ebrei con il Muro del Pianto (Kotel) e il Monte del Tempio? Laggiù non c’è mai stato nessun Tempio…”

Mondo

di Fiona Diwan

maariv-at-kotelRiprendiamo da Informazione Corretta IC7 del 1 maggio 2016 un articolo di Fiona Diwan sull’ultima risoluzione dell’Unesco.

La cosa avrebbe qualcosa di grottesco se non fosse un’autentica infamia. L’ennesima. Una decisione che va nella direzione del più inquietante revisionismo storico. L’UNESCO ci aveva abituato da tempo a prese di posizione quanto meno sconcertanti, ma quest’ultima le supera tutte. Si tratta della risoluzione votata il 16 aprile scorso con esito favorevole circa il progetto “Palestina occupata” che mirerebbe a negare il carattere etnico, religioso, storico e geografico del popolo ebraico e del suo legame con la Terra d’Israele e con la città di Gerusalemme. Proposto da un pool di stati arabi e islamici, la risoluzione è stata approvata da 33 stati (tra cui Francia, Russia, Spagna, Svezia), 17 i paesi astenuti, e sei quelli contrari (Stati Uniti, Estonia, Germania, Lituania, Paesi bassi, Regno Unito). Il progetto contenuto nella risoluzione si concentra soprattutto sulla negazione di ogni benché minimo legame tra il Monte del Tempio e il sito dei due antichissimi templi d’Israele, quello di re Salomone (distrutto da Nabuccodonosor del 586 a. E. V.), e quello di Erode (distrutto da Tito nel 70 d. E. V.), a loro volta edificati sul biblico Monte Morià, il luogo dove sarebbe dovuto avvenire il mancato sacrificio di Isacco per mano di Abramo, più precisamente l’Akedat Itzchak o legatura di Isacco, come chiama l’episodio la tradizione ebraica. Stesso trattamento per la Tomba dei Patriarchi, a Hebron, la Machpelà, e la Tomba di Rachele a Betlemme.

Non solo: il testo della risoluzione trascrive i luoghi santi solo con termini arabi e utilizza il termine Muro Occidentale tra virgolette e soltanto dopo averlo fatto precedere dal suo equivalente arabo Al-Buraq, (naturalmente e sempre, beninteso, “nel rispetto del dialogo reciproco e nell’intento di non alterarne l’integrità e l’autenticità”, come aveva dichiarato il 19 aprile il capo dell’UNESCO Irina Bokova).  Questi i contenuti della recente mozione, da cui si evincerebbe quindi che tutti i siti sopracitati sarebbero luoghi sacri all’islam, appartenenti alla tradizione di Maometto, e invitando così gli ebrei a non profanarli.

Stavolta, il Consiglio esecutivo dell’ONU per l’educazione, la scienza e la cultura, meglio noto con la sigla UNESCO, ha davvero superato se stesso, cancellando tremila anni di storia e decidendo che il Monte del Tempio nulla c’entra col popolo ebraico, con il suo passato, con il suo retaggio culturale e religioso.

Presentata da Paesi notoriamente in prima fila nell’inesausta lotta per i diritti umani – Sudan, Qatar, Egitto, Libano, Oman, Marocco, Algeria -, va sottolineato che l’infame mozione è stata votata anche con il plauso favorevole della Francia, lasciando sbigottita l’opinione pubblica e il mondo ebraico francese davanti a un esempio così estremo di revisionismo storico (sui media d’Oltralpe sta infuriando una polemica a colpi di dibattiti e articoli che non risparmia nessuno, dal Presidente Hollande in giù, fino addirittura al Grand Rabin de France, Haim Korsia, accusato di cerchiobottismo e di non essersi sbilanciato in una decisa condanna del voto francese alla risoluzione dell’Unesco per non guastare i rapporti con l’Eliseo).

Per chi nutrisse ancora qualche dubbio circa l’obiettività dell’UNESCO, basti registrare che nella mozione, Israele viene sempre accompagnato dalla dizione “Potenza occupante”. Negando il legame ancestrale e millenario tra il popolo ebraico e Gerusalemme, cercando di cancellare tutte le tracce dell’ebraismo in ciò che ha di più simbolico, si potrebbe arrivare a dire che l’UNESCO si pone sullo stesso piano dell’Isis, il quale distrugge i tesori culturali di Bamyan, di Palmira e altri Patrimoni dell’Umanità, solo perché non collimano con la sua visione della storia.

Intendiamoci, non è la prima volta che l’UNESCO usa due pesi e due misure, specie quando si tratta di Israele, arrivando a trasformarsi, di fatto, in un campo di battaglia del conflitto tra religioni. La lista è lunghissima e non basterebbe lo spazio di questo articolo per elencare tutte le nefandezze delle mozioni degli ultimi anni, guarda caso sempre quando si tratta del legame tra “popolo ebraico, terra d’Israele, lingua, libro”, vedi la Torà o Bibbia ebraica. La presenza ebraica testimoniata dal Monte del Tempio come sito storico del Beit Hamigdash potrebbe forse rischiare di legittimare Israele? Inconcepibile. Lasciar credere che ‘l’entità sionista” abbia qualche fondamento storico? Inaudito. Nella mozione “Palestina occupata”, apprendiamo che gli israeliani “hanno installato false tombe ebraiche nei cimiteri musulmani e che hanno convertito numerose vestigia islamiche e bizantine in sedicenti miqvè o sinagoghe”.

Nemmeno un rigo di condanna sull’incendio della Tomba di Giuseppe a Nablus nell’ottobre 2015 da parte palestinese, non una parola sui bulldozer che hanno spazzato via una chiesa del VII secolo, a Gaza, agli inizi di aprile.  O, andando più indietro, non c’è voce che si sia mai alzata per denunciare le migliaia di lapidi tombali sradicate dai cimiteri ebraici del Monte degli Ulivi dalla Legione araba e utilizzate per lastricare le strade all’indomani dell’annessione di Gerusalemme Est da parte della Giordania nel 1948. E che dire dei 34 luoghi di culto ebraici distrutti nella città vecchia di Gerusalemme, sempre nel 1948?

Su tutto ciò l’UNESCO non ha mai emesso un fiato. L’indignazione è a geometria variabile, una specialità dei menù avvelenati serviti dall’UNESCO e dall’ONU.

Tuttavia, con questa epocale e scellerata mozione, come scrive lo storico Shmuel Trigano sul portale JForum, siamo di fronte a un salto di qualità, qualcosa di ancor più estremo e nuovo, un “avvenimento totale”: «Il fatto più evidente e irradiante che questo evento dà a vedere concerne la condizione ebraica. Il verdetto iniquo dell’UNESCO pretende annullare 30 secoli di storia ebraica che riscrive interamente a vantaggio della visione etnocentrica dell’islam e negando la storia occidentale, cristiana ed ebraica. La narrazione della realtà storica e politica che questa mozione tenta d’imporre nega agli ebrei i diritti religiosi più fondamentali e implica che le asserziomi dell’ebraismo circa i luoghi e i contenuti della sua storia non siano altro che menzogne. Siamo davanti a un’aggressione simbolica dell’ebreo e della personalità ebraica in tutte le sue dimensioni, una delegittimazione che porta con sè, in nuce, una violenza totale nei suoi riguardi. Non mira solo alla sicurezza degli ebrei: concerne l’essenza stessa dell’esistenza ebraica. Che una istituzione deputata a difendere il “patrimonio dell’Umanità” si presti a una tale mistificazione disvela la profonda corruzione della pseudo “comunità internazionale” e ci mostra la “giugla” nella quale siamo immersi e dove tutto può accadere».

Menu